Paris sera toujours Paris..

In una fredda mattina di novembre di un anno e mezzo fa io e la mia amica Silvia siamo partite in treno alla volta di Milano (noi siamo di Bologna) dove un aereo di una compagnia low-cost ci "aspettava" per ...

  • di Giorgia 11
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

In una fredda mattina di novembre di un anno e mezzo fa io e la mia amica Silvia siamo partite in treno alla volta di Milano (noi siamo di Bologna) dove un aereo di una compagnia low-cost ci "aspettava" per portarci a Parigi. Il volo è atterrato all'aeroporto di Orly, da li abbiamo preso un pulman per il centro città (durata 40 minuti circa fra il traffico), dove poi in una stazione della metro abbiamo acquistato la Mobylisse, una delle tipologie di abbonamenti per la metropolitana. Il nostro albergo era in zona Opera, con il passare dei giorni ho capito grazie a Silvia (che era già stata una decina di volte nella capitale francese) che è un'ottima zona: è comoda per la metro, alla sera si può uscire tranquillamente senza vedere facce strane (e visto che eravamo 2 ragazze sole la cosa non guasta) ed è anche bella per fare un giro a piedi fra i negozi. Abbiamo appena fatto in tempo a lasciare le valigie in camera che già eravamo fuori per la prima scoperta della città. Il primo posto che ho visto (mi sono fatta guidare da lei per i motivi di cui sopra e devo dire che ho fatto bene!) sono stati i Giardini delle Tuileries, al tramonto (essendo Novembre anche se non era tardi il sole stava già andando giù) hanno un'atmosfera magica e molto suggestiva e dato che stava cominciando a diventare freddo ho pensato bene di assaggiare una specialità parigina per riscaldarmi: il wafer morbido con sopra la cioccolata fusa . . Che delizia! I banchetti che vendono questo genere di alimenti buonissimi e iper calorici sono sparsi dappertutto. Con i giardini alle spalle abbiamo fatto qualche foto a Place de la Concorde e poi mentre ci incamminavamo verso gli Champs - Elysees abbiamo ammirato il ponte Alexandre XIII - il ponte tutto d'oro (dicono . . . ). Gli Champs-Elysees ci hanno accolto con tutta la loro maestosità e questa immensa "strada" con in fondo l'arco di trionfo illuminato per la sera è davvero fantastica, nonostante per certi versi mostri l'eccessivo lusso per pochi eletti. Infatti a destra e a sinistra i negozi sembrano fare a gara fra chi splende di più! Dopo la cena (siamo riusciti a trovare qualche locale dove contenere la spesa per il cibo che altrimenti in qualsiasi locale sarebbe piuttosto alta per le nostre tasche) abbiamo perscorso un altro tratto di champs e siamo tornati in metro verso l'albergo. Il bilancio della giornata per quanto stancante non può essere altro che positivo.

La mattina dopo ci svegliamo presto per godere di tutta la giornata e la fortuna ci assiste anche con il tempo perchè splende un bel sole. Noi usciamo comunque armate di piumino bello pesante addosso, ma quando arriviamo alla tour eiffel (l'ho fotografata da ogni angolo possibile - non è bella . . Di più) ce lo togliamo, sembra primavera più che Novembre, il clima è davvero fantastico e cosi ci permette di camminare ancora a piedi per esplorare i dintorni della tour, la zona è molto bella, verde e piena di palazzi da vedere. Riprendiamo il metro (inutile dirlo, è il mezzo per eccellenza per spostarsi nella grande Parigi) e ci dirigiamo verso Notre Dame e il mercatino degli uccelli li di fronte che offre ogni sorta di chincaglieria, inutile ma altrettanto bella. Ci fermiamo a fare delle foto e poi costeggiamo la Senna dove ho occasione di vedere i famosi bouquinistes, un altro simbolo parigino.Quando comincia ad imbrunire ci spostiamo verso la zona del nostro albergo e andiamo a fare un giro ai famosissimi magazzini La Fayette e Printemps che sono già addobbati per il Natale . .Si avete capito bene al 10 Novembre erano già pronti per un mese e mezzo dopo! Inutile dire che anche qui addobbi e sfarzo si sprecano. Il tempo di una doccia e siamo di nuovo fuori, ritorniamo alla tour eiffel e l'illuminazione è davvero galattica, oltre alle luci "normali" che la mostrano ad ogni angolo della città ogni 10 minuti circa c'è uno spettacolo di luci scoppiettanti che mi fanno essere contenta di essere qui in questo momento. Mentre torniamo all'albergo programmiamo già l'indomani: Versailles, che è stato uno dei punti fermi della vacanza che ho voluto fin da quando avevamo prenotato i voli alla fine di Agosto! La giornata non è delle migliori, infatti la pioggia è piccola e sottile ma insistente ma considerando lo spettacolo che si offre ai nostri occhi non oso immaginare quando c'è il sole. Abbiamo anche fatto il giro nei giardini (biglietto a parte circa 5 euro il costo in + dell'entrata alla reggia) e alla casetta dove Maria Antonietta andava con i propri amanti . . Ne è valsa la pena senza dubbio. Nel primo pomeriggio torniamo con la rer verso Parigi e visto che fortunatamente ha smesso di piovere andiamo ino dei tantissimi grandi magazzini della città, ma non per fare shopping . . . Eh già perchè quasi tutti i grandi magazzini di Parigi hanno l'ultimo piano adibito a terrazza con bar da dove si ha una vista della città impagabile e gratis . . . Ok non si è alti come la tour eiffel ma vi garantisco che l'emozione è tanta lo stesso (e il risparmio garantito!)

  • 175 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social