Normandia e Bretagna

Scoprire la Normandia e la Bretagna vuol dire intraprendere un viaggio nel tempo, sulla terra dove sbarcarono i Vichinghi nel X secolo, venendo a contatto con le loro fiere tradizioni, le loro immense campagne verdi a perdita d’occhio e le ...

  • di Dimavv
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Scoprire la Normandia e la Bretagna vuol dire intraprendere un viaggio nel tempo, sulla terra dove sbarcarono i Vichinghi nel X secolo, venendo a contatto con le loro fiere tradizioni, le loro immense campagne verdi a perdita d’occhio e le loro fitte foreste. Normandia, inoltre, è anche sinonimo di “Sbarco” legato a quel tragico e storico D-Day della II Guerra Mondiale, ossia all’invasione via mare delle truppe Alleate che prese il via proprio su queste nordiche spiagge. La Bretagna, invece, è il paese del mare e dei boschi, immersa in scenari idilliaci dove, incastonati come gioielli, si possono visitare moltissimi siti archeologici millenari.

Il nostro viaggio prende il via nella meravigliosa ed incantevole cittadina di Chamonix, subito dopo aver superato il traforo del Monte Bianco, uno dei maggiori centri alpini della Francia e luogo ideale per trascorrere delle tranquille e rilassanti vacanze lontane dal vorticoso mondo delle nostre città. Ci immergiamo nel suo verde dirompente, passeggiando nei boschi del fondo valle e pedalando in Mountain bike sugli impervi sentieri che si snodano fra gole e ruscelli. Riguardo i luoghi naturalistici da visitare, c’è veramente l’imbarazzo della scelta. Non ci facciamo sfuggire la traversata del monte Bianco in funivia, la più lunga del mondo. Il primo tratto ci conduce fino a 2310 metri per poi arrivare fino all’Aiguille du Midi m 3842 dove possiamo godere di un panorama stupendo a 360° che spazia dal Mont-Blanc du Tacul (4228 mt) al Mont Maudit (4465 mt) ed alla cime del Monte Bianco (4807 mt). Successivamente, presi dalla maestosità del luogo, facciamo un’escursione ai piedi del Mar de Glaces, un ghiacciaio lungo 14 km, usufruendo di un curioso trenino a cremagliera che ci permette anche di visitare un caratteristico Museo Alpino, situato a 1840 mt. Passiamo il resto del soggiorno a Chamonix, visitando il suo incantevole centro dall’aria tirolese, la cui piazzetta principale presenta una bellissima chiesa settecentesca ed il monumento a Balmat che nel 1786 compi per primo, insieme a Paccard, l’ascensione al Monte Bianco. A malincuore ci distacchiamo da questo luogo paradisiaco ma il nostro itinerario prosegue oltre, in direzione della lontana Parigi prevedendo come sosta, invece che la capitale francese, la mitica Versailles. Qui facciamo una approfondita visita alla famosa Reggia, mossi dalla curiosità verso quella grandiosità e maestosità architettale conosciuta solamente sui banchi di scuola e tanto decantata. Il cancello d’onore, il Salone di Diana, il Salone dell’Abbondanza dove venivano accolti gli artisti, la Camera della Regina, sono tutte meraviglie che fanno parte di questo meraviglioso Castello e strettamente legate alla storia francese dei suoi Re e Regine. Riprendiamo il nostro cammino in direzione di Rouen, luogo famoso per il rogo di Giovanna d’Arco e per essere la città del famoso Flaubert, lo scrittore francese del romanzo “Madame Bovary”. Viaggiando sempre su stradine secondare e lontani dal traffico caotico dei grandi centri urbani, attraversiamo verdissime praterie che sembrano dipinte su enormi tele, punteggiate da bellissime Abbazie secolari ed affiancate dal corso lento e sornione della Senna che, tra l’altro, attraversiamo molte volte usufruendo di caratteristici ponti ricchi di storia. Non ci lasciamo sfuggire la visita all’Abbazia di St. Georges, con il suo imponente torrione di difesa e le sue torri gotiche, incastonate nel verde dei giardini sottostanti. Approfittiamo dell’enorme piazzale a disposizione per passare la notte all’interno della nostra caravan, immersi in canti di uccelli e sotto il fresco offerto da alberi secolari. Il giorno dopo facciamo tappa presso l’incantevole porticciolo di Honfleur, tipico villaggio fiabesco. Il suo centro è un dedalo di viuzze racchiuse fra case strette le une alle altre, costruite in ardesia, dove è dolce passeggiare osservando gli esercizi architettonici degli edifici. Il suo porticciolo è un trionfo di barche da diporto e piccoli pescherecci, che ogni giorno rientrano al calar del sole. C’è un formidabile gioco di colori che rende il paese molto caratteristico ed unico nel suo genere. Forse proprio a causa di questa sua unicità che è stata, da sempre, considerata il luogo di ritrovo per gli artisti, specialmente nei secoli passati. Passata Honfleur si entra ufficialmente in Normandia, viaggiando sempre fra verdi vallate divise fra loro con lunghi filari d’alberi o fitte siepi, metodo tipico del luogo per delimitare le proprietà. Passiamo a D’ues sur Mer per secoli considerato porto sicuro ma ormai completamente insabbiato e subito dopo incontriamo Cabourg, antica stazione balneare della “Belle Epoque” ma ancora oggi molto apprezzata dai vacanzieri francesi. Questo tratto di costa, è anche famosa per lo sbarco avvenuto nella II Guerra Mondiale da parte dei soldati alleati e da dove è partita la lenta liberazione dell’Europa dal dominio nazista. Per questo motivo s’incontrano molti musei, grandi e piccoli, intitolati alla Grande Guerra, ma vale la pena visitare quello che si ritiene il principale e situato direttamente sulle spiagge interessate all’azione: Arromanches. Arriviamo presso questo piccolo villaggio dall’alto della sua scogliera, da dove possiamo ammirare chiaramente quello che resta dell’imponente porto artificiale edificato dagli Alleati, per permettere ed attuare lo sbarco di migliaia di mezzi pesanti e di soldati. Questo porto era formato da centinaia di enormi piattaforme galleggianti, ancorate ed unite fra loro, per formare una vera e propria via di sbarco veloce. Si apprende appieno l’enorme sforzo ingegnieristico ed umano dell’opera, visitando il Museo dello Sbarco che mostra grandi plastici unitamente a fotografie e filmati d’epoca inerenti la grande azione militare. Passeggiamo lungo l’enorme spiaggia, resa ancor più' grande dalla complicità del mare che si ritira per diversi chilometri seguendo orari ben precisi e dettati dal flusso delle maree, visitando i resti dell’enormi e vecchie piattaforme belliche staccatesi dall’ancoraggio sul fondo ed ormai arenate, godendo di un magnifico tramonto da cartolina. Il giorno dopo riprendiamo l’itinerario passando per la spettacolare Roche D’otre, uno scorcio di paradiso in terra, una voragine profonda più di 120 mt che accudisce, sul suo fondo, un ruscello coperto da una vegetazione fittissima, ed attraversando la città castello di Domfront costruita sul granito e ricca di palazzi settecenteschi, per arrivare a fine tappa presso il mitico Le Mont St.Michel

  • 12142 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social