Parigi è un sogno

Eccomi finalmente a raccontare della mia stupenda settimana parigina. E’ stato un viaggio programmato nei minimi particolari, desiderato per molti mesi. Io e il mio fidanzato abbiamo deciso di festeggiare il mio 40° nella città dei sogni. E stata una ...

  • di orsasvita
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Eccomi finalmente a raccontare della mia stupenda settimana parigina.

E’ stato un viaggio programmato nei minimi particolari, desiderato per molti mesi. Io e il mio fidanzato abbiamo deciso di festeggiare il mio 40° nella città dei sogni. E stata una scelta azzeccatissima, il problema è che non riesco a dimenticare questa città, che è davvero speciale.

Prima di descrivere le nostre giornate, cerco di dare dei consigli utili per vivere al meglio la vostra vacanza.

METRO: Meravigliosa, dopo il primo, iniziale smarrimento, basta capire il meccanismo delle coincidenze e non smetteresti più di prendere metro. L’unica nota dolente sono i percorsi, a volte infiniti ed estenuanti, all’interno della stessa stazione per prendere le coincidenze. Per l’abbonamento, sicuramente la Carte Orange è la soluzione migliore. L’abbiamo fatta il lunedì e l’abbiamo strausata fino alla domenica. E comodissima e rispetto la Paris visite molto più economica. Per tutta la settimana zone 1-6 (inizialmente volevamo andare a Fontainbleau che è nella zona 6) abbiamo pagato 37,00 € ognuno ( per la Paris visite, stesse zone, ne occorrevano il doppio. Ricordate di portare una fototessera.

PREZZI: Parigi è stracara, con c’è niente da fare, dal souvenir al cibo, tutto è molto caro. Per i pasti, basta organizzarsi. A pranzo, ci siamo arrangiati con baguette, crepes e locali etnici, per la cena abbiamo provato qualche brasserie. Due segnalazioni: una positiva: Hippopotamus (ve ne sono diversi in giro) , si mangia benissimo con prezzi medi. In negativo: una brasserie proprio dietro il museo d’Orsay. E’ cara e la crepes che ho mangiato era orribile. Inoltre ci hanno fatto pagare 4,00€ un bicchiere di coca cola riempito da una bottiglia grande! Ringrazio i turisti per caso per il suggerimento per ordinare l’acqua. Basta chiedere l’eau en caraffe e ti portano dell’acqua potabile, fresca e gradevole senza pagarla, altrimenti ti spennano.

HOTEL: Abbiamo pernottato all’Hotel Sevres Montparnasse, prenotato tramite venere.Com. E’ andato tutto molto bene, al nostro arrivo abbiamo trovato il receptionist che parlava italiano, l’unico. In generale ci siamo trovati bene, è un 2 stelle ma per gli standard parigini, abbastanza dignitoso. Abbiamo pagato 565 € per 7 notti senza colazione. La colazione costa 7,50 € a persona. E’ situato in un quartiere tranquillo con numerosi locali etnici e 2 supermarket. E soprattutto è proprio nel mezzo di due stazioni metro vicinissime la Falgueire e la Pasteur. Quest’ultima è quella che abbiamo preso tutti i giorni ed è comodissima, con le coincidenze porta ovunque. COLAZIONE: Abbiamo provato il primo giorno al bar proprio di fronte la stazione Pasteur. Una tazza di the, una di latte e 2 croissant 11,40€! Tanto vale farla in albergo. Così abbiamo preferito comprare fette, marmellata e croissant al super e per tutta la settimana abbiamo fatto colazione in albergo prima di uscire. PARIGINI: Noi ci siamo trovati benissimo, per noi non sono così antipatici anzi, sono gentili, ci davano le informazioni, ovviamente in francese o inglese. Nessun problema davvero. Ho ammirato moltissimo la loro totale apertura mentale. Si respira un’aria leggera, fatta di tolleranza e saper vivere. Gli immigrati sono totalmente integrati. Domenica 14 Settembre Siamo arrivati in tarda serata. Cena e a nanna. Il nostro vero viaggio inizierà domani.

Lunedì 15 Settembre E’ il mio compleanno e cosa c’è di meglio che ritornare bambina? Infatti siamo andati a Eurodisney! Metro Pasteur, siamo scesi a Nation e da lì la RER C ci ha portati direttamente a Marne de La Vallè. Cosa dire. Eurodisney è un mondo a parte, entri e ti dimentichi chi sei, vivi in una favola, è enorme e organizzato benissimo. La prima cosa che ho fatto è stata comprare un cerchietto con il fiocco e le orecchie di Minnie. Ho girato tutto il giorno così come se fosse la cosa più naturale del mondo. E lì lo era! Tutti i dipendenti sono in costume, è troppo divertente. Abbiamo fatto alcuni giochi ma è l’atmosfera che si respira che ti coinvolge completamente. L’ingresso è abbastanza caro 49€ per un solo parco ma ne vale la pena. Tra i giochi segnalo It’s a small world. Delizioso, emozionante. Lo abbiamo fatto due volte. Rientro in albergo, stremati ma ancora in estasi. Cena al Ristorante. E’ il mio Compleanno no? Martedì 16 Settembre Dopo colazione, stazione Pasteur, fermata Bir Hakeim, destinazione Tour Eiffel. WOW! Che emozione quando ti compare improvvisamente davanti in tutta la sua maestosità. E’ enorme e meravigliosa. Per fortuna abbiamo trovato poca fila per salire. Siamo andati al 2° piano: 7,80€. Vista mozzafiato e freddo. Foto di rito. Abbiamo passato buona parte della mattinata sulla tour. Poi, metro e destinazione Opèra e Gran Boulevard. Abbiamo visto l’Opèra solo dall’esterno. Poi siamo entrati alle Galerie Lafayette. Che dire. Sembra un teatro altro che grande magazzino. E’ fantastico. E che lusso!. Abbiamo preso una baguette al bar del magazzino e abbiamo girato un po’ in mezzo a quel lusso, abiti, oggettistica e gastronomia. Che meraviglia!. Siamo usciti nel pomeriggio in direzione Boulevard Montmartre, destinazione Museo Grevin. E’ il museo delle cere di Parigi. Davvero divertente, abbiamo fatto tantissime foto insieme a personaggi famosi. E’ molto grande e i personaggi sono divisi in categorie, sport, politica, musica, cinema, grandi personaggi. Siamo passati da Elton John a Bruce Willis a Sarkozy a Bush, fino a Papa Woityla e Madre Teresa. C’è la sezione sulla storia di Francia con Napoleone e i Re di Francia. Carina l’uscita su una galleria con tanti negozi caratteristici. Siamo ritornati alle Galerie Lafayette al reparto gourmet e abbiamo preso formaggio francese, cous cous già pronto, fesa di tacchino, baguette e ananas fresco. Abbiamo preso la metro fino all’ albergo e lì fatto cena con queste leccornie.

  • 1330 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social