Normandia... Un sogno che si avvera

Normandia…. UN SOGNO CHE SI AVVERA (dal 2 al 9 agosto 2008) Sono emozionata a scrivere per i TPC, è la prima volta e lo faccio per sdebitarmi per tutti i resoconti di viaggi che leggo giornalmente. Amo moltissimo viaggiare ...

  • di red66
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Normandia... UN SOGNO CHE SI AVVERA (dal 2 al 9 agosto 2008) Sono emozionata a scrivere per i TPC, è la prima volta e lo faccio per sdebitarmi per tutti i resoconti di viaggi che leggo giornalmente. Amo moltissimo viaggiare ma i figli, il mutuo e altre cose non mi permettono di fare tutti i giri che vorrei e allora viaggio con la mente leggendo i resoconti di chi è partito. Ma questa volta siamo partiti anche noi e grazie ai consigli di tanti che hanno scritto è andato tutto a meraviglia. Bene partiamo con le notizie generali.

Siamo partiti in tre, io, mio marito e la figlia “piccola” di 13 anni.

AUTO a noleggio da Bologna perché la nostra non è più nuova e farle sopportare 3600 km in una settimana ci sembrava un po’ rischioso. Abbiamo prenotato con E-Sixt.It con cui avevamo già avuto a che fare e che ci piace per la serietà e anche per il buon rapporto qualità prezzo (6 giorni 407 Euro per una Renault Grand Modus + 80 Euro addebitati al ritorno senza motivo per cui adesso abbiamo fatto ricorso).

Attenzione agli AUTOVELOX perché in Francia lungo le autostrade sono tanti anche se sono tutti segnalati, soprattutto si trovano nelle discese quando il limite viene abbassato dai 130 fino ai 90. Vi assicuro però che gli automobilisti sono tutti più attenti ai limiti e li rispettano. AREE DI SOSTA – in Francia sono davvero belle e pensate anche per chi si ferma con panini fatti in casa, e sono tanti a farlo ! sono molto grandi, comprendono bar, tavole calde ma anche aree all’aperto con tavolini, bagni, fontane in modo che anche chi mangia al sacco abbia tutte le comodità del caso ! Tutti gli ALBERGHI li ho prenotati via Internet perché altri TPC lo avevano consigliato e devo dire che abbiamo fatto proprio bene, infatti l’unica sera, l’ultima che non avevo prenotato perché non eravamo sicuri di dove saremmo stati, è stata dura trovare e alla fine abbiamo dormito in due camere a Moulins in un albergo sopra un Pub non proprio bellissimo anche se pulito.

Alcuni li ho prenotati con EtapHotel, il rapporto qualità prezzo è davvero buono, camere pulite con tutto il necessario e comode, fino alle 21.00 c’è il servizio di reception, dopo basta digitare sulla tastiera posta all’esterno il numero di prenotazione e passare con la carta di credito che tutto è a posto. Importante il fatto che gli Etap hanno anche camere triple al contrario dei Campanile che questa volta non abbiamo sfruttato. Per altre prenotazioni, soprattutto nei “centre-ville”, ho usato gli “office de Turisme” delle città interessate, siti che davano indicazioni sui vari alberghi. Per Le Mont Saint Michel ho seguito il consiglio dei TPC di dormire sul monte e mi sono affidata al sito sia per la scelta dell’albergo che per il giorno esatto in cui arrivare in base alle maree.

Non siamo andati in nessuna “chambre d’hote” perché su Internet i prezzi risultavano più alti e non erano mai in centro, quindi se devo pernottare fuori andavano benissimo le grandi catene.

TRAFORO – abbiamo scelto per comodità di passare dal traforo del monte Bianco che è a pagamento (33 Euro la tratta), se restate in Francia meno di 9 giorni consiglio di fare il biglietto di Andata/ritorno perché è veramente molto conveniente.

BENZINA – In Francia esiste davvero la concorrenza tra i distributori ! I più convenienti si trovano all’esterno dei grandi centri commerciali (Leclerc, Carrefour...). Qui abbiamo trovato la benzina a –1,20, -1,25 Euro al litro di meno. Attenzione però occorre usare la carta di credito e ricordarsi il PIN che da noi non usiamo mai. Quindi prima di partire ripassatelo o scrivetelo in un foglietto, vi sarà molto utile! NAVIGATORE – noi non lo abbiamo per scelta, neppure sull’auto di casa. IO sono il navigatore, amo davvero avere una cartina sulle gambe mentre mio marito guida e capire esattamente dove stiamo andando, cercare insieme la strada migliore quella che ci porta a vedere cose diverse, insomma se ci fosseil navigatore, io poi cosa farei ? prima della partenza ho quindi acquistato per 20 euro l’atlante stradale francese ... e non abbiamo sbagliato una volta ! CLIMA - Noi siamo stati davvero fortunati perché dal 3 al 9 agosto abbiamo preso acqua solo all’arrivo a Rouen e poi un grosso acquazzone a Chartres per il resto cielo sereno o poco nuvoloso con nubi che “correvano” in cielo come mai visto. Temperature gradevoli, di giorno dai 18 ai 24 gradi e di sera mai sotto i 12 gradi. Occorre comunque avere sempre con sé il Kway che se non ripara dalla pioggia lo fa poi dall’aria che lungo la costa non manca quasi mai

  • 811 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social