Viaggiare è bello ma se ti regalano il viaggio

Viaggiare è una esperienza bellissima e nei limiti del possibile i viaggi hanno la priorità quando in famiglia abbiamo un extra in più da spendere.Figuratevi la gioia quando io e mia figlia (22 anni) abbiamo saputo di essere le vincitrici ...

  • di stelladelsud
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Viaggiare è una esperienza bellissima e nei limiti del possibile i viaggi hanno la priorità quando in famiglia abbiamo un extra in più da spendere.Figuratevi la gioia quando io e mia figlia (22 anni) abbiamo saputo di essere le vincitrici del concorso "National Treasure: alla ricerca delle pagine perdute" basato sul film omonimo. Il premio consisteva in un viaggio per 2 persone nelle locations del film comprendente: viaggio aereo dalla città di residenza a Parigi- Eurostar da Parigi a Londra-viaggio aereo da Londra a Washington-da Washington a Rapid City -South Dakota per i Monti Rushmore e rientro in Italia. Inoltre nelle suddette città sistemazione in camera doppia in hotel 4 stelle ed alcune visite tipo un giro sul London Eye a Londra ,la visita della Biblioteca del Congresso a Washington.

Inizio quindi il mio diario di viaggio con la prima tappa: Parigi.

Volo diretto Meridiana con arrivo al Charles de Gaulle terminal 3. Qui ,dovendo andare con la navetta dell'Air France alla Gare Montparnasse ( il nostro hotel Paris Marriot Rive Gauche si trova in Av. St.Jacques) ci siamo spostati con una specie di trenino al terminal 2 (le indicazioni per l'uscita verso la navetta non erano molto chiare per cui abbiamo perso un po' di tempo .Il Roissybus che porta all'Opera passa invece da tutti i terminal) Costo 15 euro a persona.Da Gare Montparnasse all'hotel in taxi ( 6 euro + 3 di supplemento bagagli).

L'hotel è molto bello,stile americano, con i letti grandi , servizi ottimi ( oltre vari articoli da toletta di ottima qualità in camera c'era pure il termos elettrico per preparare il caffè o il thè con tutto il necessario,persino l'asse ed il ferro da stiro).

Unico neo: l'Av. St. Jacques si trova in una zona eccessivamente tranquilla ,solo una brasserie vicino l'hotel, un'edicola un minimarket (per fortuna) e un Pizza Hut da asporto e quindi per trovare da mangiare dovevamo necessariamente spostarci ( l'ottima metropolitana parigina, fermate Glacier o S.Jacques) A proposito rispetto all'ultima volta che sono stata a Parigi sulla metro non ho mai incontrato zingari o pickpocket!!! Prima sera quindi ci siamo accontentate di una pizza Hut in camera anche perchè era già tardi . Quando mi occupo direttamente delle prenotazioni alberghiere cerco un hotel che sia in una zona vivace,la prima volta Champs elisèè, la seconda Operà, anche se di categoria inferiore ma a caval donato...

2° giorno: essendo già state 2 volte a Parigi abbiamo preferito visitare la nuova zona della Defense.( metro gialla 1 meglio scendere alla fermata Esplanade e attraversare a piedi la spianata) Enormi grattacieli,sembrava di essere a Manhattan ma essendo sabato mattina poca gente in giro. Un bel centro commerciale ( un po di shopping non guasta mai) e varie possibilità per mangiare.

Riprendiamo la metro e ci spostiamo a Montmartre ( linea 2 blu) siamo scese a Blanche, proprio davanti al Moulin Rouge, perchè volevamo percorrere l'itinerario del film " Il favoloso mondo di Amelie" che amiamo moltissimo.Percorrendo Rue Lepic cominciamo la salita verso il Sacro Cuore, attraversando le tipiche stradine con quell'aria cosi' bohemienne,piene di gente e di negozietti . Entriamo " Aux 2 Moulins " il bistro dove lavora Amelie, che bella sensazione,quindi proseguiamo verso Place du Tertre ( ormai i pittori e i caricaturisti sono pochissimi, è pieno di ristoranti) e subito dopo arriviamo al Sacro Cuore, sempre affascinante e maestoso,nonostante la giornata grigia e cupa.Le scalinate come sempre affollatissime di gente proveniente da ogni dove, tanti ragazzi che suonano e cantano, un luogo veramente pieno di fascino. Discendiamo verso Rue de trois freres alla ricerca del negozio del signor Colignon,e dopo una sosta nel delizioso negozio Pylon,oggettistica di design veramente carina ed a prezzi abbordabili ( abbiamo già comprato i regali di Natale) ecco davanti a noi " aux marchè de la Butte " il fruttivendolo del suddetto film e accanto la palazzina dove abita Amelie. Mangiamo una crepe alla nutella e delle ciliege acquistate poco prima e riprendiamo la metro direzione zone St. German de pres, esattamente fermata Rue du bac ( metro 12 verde) perchè tenevo tanto a visitare la Cappella delle apparizioni della Medaglia Miracolosa. Proseguiamo a piedi verso il quartiere latino ( siamo entrati un attimo nel settore gastronomia del Bon Marchè ,da rimanere a bocca aperta con l'acquolina che sbava ) e ci fermiamo a cenare in uno dei tanti ristorantini greci per mangiare kebab e pita, niente di eccezionale ma pulito ed il cibo buono ed abbondante, circa 13 euro per 2 piatti con contorni e bibite. Anche se il cielo è ancora chiaro, a Parigi fa buio tardi, dopo aver girellato ancora verso Boul.St.Michel riprendiamo la metro per tornare in hotel,stanchissime

  • 297 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social