St. Malo, Mont St Michel Pasqua 2008

Come ogni anno a Pasqua Mauro ed io decidiamo di andare al mare. Ci prendiamo un po’ in ritardo sulla prenotazione del viaggio e percio’ troviamo solamente biglietti tgv per 200 euro in due a/r. Decidiamo di pernottare nel ostello ...

  • di Chiara
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Come ogni anno a Pasqua Mauro ed io decidiamo di andare al mare.

Ci prendiamo un po’ in ritardo sulla prenotazione del viaggio e percio’ troviamo solamente biglietti tgv per 200 euro in due a/r.

Decidiamo di pernottare nel ostello che si trova tra la stazione dei treni ed il centro. E’economico e pulito: 19 euro con colazione per camera a 3 letti con bagno.

Si parte da Parigi subito dopo il lavoro venerdi’ 21 marzo e arriviamo alle 19 dopo un cambio a Rennes. C’è anche un tgv diretto ma non nell’orario che ci interessava.

Il viaggio procede tranquillo grazie alla consueta comodità del tgv ma anche il regionale che prenderemo non è da meno.

L’uscita dalla stazione invece è traumatica: vento pazzesco e 2 gradi: faticavamo ad andare dritti.

Ci dirigiamo immediatamente verso l’ostello a piedi e in una 15ina di minuti arriviamo.

E’ la nostra prima volta in ostello e ne rimaniamo molto colpiti: è un centro enorme, attrezzato con aree pic nic, campi da gioco, sale giochi oltre alle cucine, lavanderie e self service.

La stanza è grande e pulita con un bagno enorme. L’unica pecca sono gli orari della colazione: finisce alle 9 e se sei in vacanza fatichi ad essere li per quell’ora.

Volendo si puo’ anche mangiare un pasto completo a 7.5 euro ma sempre ad orari non fatti per noi ;) Considerata l’ora decidiamo di uscire a mangiare e andiamo al ristorante all’angolo dove troviamo un pranzo completo di pesce e razione doppia di dolci a veramente poco.

Decidiamo che diventerà il nostro ristorante di fiducia per le sere a venire. Da provare anche il pesce crudo.

Stanchi, ci dirigiamo verso l’ostello passando per il lungomare: il mare è veramente mosso e fa impressione! Raggiunge persino le case del lungomare! Il sabato piove: decidiamo così di visitate la St Malo intramuros.

Il passeggio sul lungomare si rivela difficoltoso perché il vento continua a soffiare in maniera incredibile pero’ l’architettura delle casette della cittadine è proprio carina. Arriviamo alla nostra meta e decidiamo di camminare sulle mura per goderci il paesaggio: la bassa marea è incredibile e possiamo raggiungere le isolette a piedi. Anche il faro sembra triste all’asciutto.

Ci intrufoliamo tra le casette e le stradine che sono un incrocio tra venezia e un fortino.

Troppo bella! In serata torna l’alta marea: le isole sono tornate tali e la passerella che porta al faro è innondata dalle onde.

Domenica decidiamo di prendere il bus che dall’ostello porta al mont St michel per la modica cifra di 6 euro per 50 km di strada.

Eccolo li il famoso mont st Michel: una montagna che spunta dal deserto. Un isoletta a punta circondata dalle mura che a chicciola arrivano alla sommità dove si erge la famosa abbazia.

Tutto intorno, a causa della bassa marea che dicono sia di 12 km, c’è il deserto.

Sono in molti che si attrezzano con stivaloni per la fanghiglia e arrivano a piedi sulle isole vicine. Ci sono anche le guide che spiegano i vari terreni e altro.

Noi con le nostre scarpine da tennis non vogliamo essere da meno e ci facciamo un bel po’ di strada sulla mega spiaggia in direzione orzzonte. Sembra di essere nel deserto e il mare ancora non si vede.

L’isoletta è molto carina, un borghetto di callette che si inerpicano sul monte molto suggestive.

Entriamo nell’abbazia: è veramente particolare. Per raggiungere le varie stanze si passa per corridoi e si cambia anche piano: un vero labirinto! Peccato che il pullman che ci deve riportare indietro sia troppo presto per noi: ci sarebbe piaciuto vedere l’alta marea ed il monte illuminato di notte Pazienza Lunedi decidiamo di visitare l’acquarium di St Malo. Impressionante la quantità e la varietà di pesci a paesaggi marini che vi si trovano! C’è pure una grande stanza circolare dove si viene avvolti dagli squali e dalle grandi tartarughe marine che ci nuotano intorno! Alla fine del percorso si arriva in una vasca esterna dove si possono toccare i pesci: attenzione perché magari a fianco alla vostra mano ci sono pure i pesci che si mimetizzano prendeno il colore dello sfondo.

Infine si puo’ provare l’ebbrezza di essere in un sottomarino e fare un viaggio di 5 minuti tra i fondali. L’entrata costa 15 euro ma ne vale proprio la pena.

Stanchi ma felici prendiamo l’autobus che ci riporterà all’ostello.

Non resistiamo alla tentazione di passare per il lungomare un altra volta e sulla spiaggia che ieri sera non esisteva ora stanno facendo gare di ... Non so è una specie di serf a ruote e fila in maniera impressionante! Peccato in nostro tgv ci aspetti.

  • 1916 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social