Bretagna e Normandia

Siamo partiti da Segrate (periferia di Milano) intorno alle 11,30 di sabato 4 agosto, con la scelta di non fare la strada più veloce e diretta verso la Normandia, ma arrivarci in un paio di giorni e vederci un po’ ...

  • di mrzio.bi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo partiti da Segrate (periferia di Milano) intorno alle 11,30 di sabato 4 agosto, con la scelta di non fare la strada più veloce e diretta verso la Normandia, ma arrivarci in un paio di giorni e vederci un po’ di Francia. Così, anziché fare il tunnel del Frejus, abbiamo scalato l’agevolissimo Monginevro e siamo scesi in Francia a Briançon, nostra prima sorpresa, dove intorno alle 15 ci siamo visti “costretti” a una fermata non programmata: il vecchio centro storico racchiuso dalle suggestive mura del forte, in quel contesto montano, era un vero gioiello. In più, ci siamo imbattuti in una rievocazione sorica in costumi d’epoca di un assedio da pare delle truppe savoiarde, con tanto di finta sparatoria con vecchi archibugi. Commovente la targa dedicata a Gino Bartali per le sue imprese al Tour.

Dopodiché, attraverso gli incantevoli paesaggi alpini della valle della Guisane e della Romanche, e accompagnati da mitici rimandi del Tour de France come il Col du Galibier e l’Alpe d’Huez, siamo ripartiti, via Grenoble, Lione e Roanne, alla volta di Vichy, nel mezzo della Francia, dove avevamo prenotato il pernotto via internet presso un Etap Hotel. E se qui mi è consentito, vorrei solo segnalare l’opportunità di questa catena alberghiera capillarmente diffusa soprattutto in Francia, presso la quale si può pernottare fino a tre persone spendendo più o meno l’equivalente di un ostello.

Essendo arrivati con il buio, e ripartiti di gran carriera al mattino, purtroppo non abbiamo potuto visitare Vichy, salvo apprezzare il gran bel verde del paesaggio in cui è immersa. L’altro nostro snodo verso il nord era infatti Poitiers, passando tangenzialmente al Massiccio Centrale attraverso un piacevolissimo e lussureggiante saliscendi di colline. Pur essendo sede universitaria, Poitiers ci è sembrata una città fantasma: nell’ampia piazza centrale, dove la bellissima chiesa di Notre-Dame la Grande merita sicuramente una visita e ben più di una foto, decine di birrerie e locali per giovani erano chiusi, e a malapena abbiamo potuto farci un caffè dall’unico “crumiro” aperto. Poi, via sparati in autostrada verso Caen, Normandia, per il secondo pernotto Etap prenotato da casa.

Segnarsi bene: a Caen, alle 11 di sera, tutte le cucine chiudono e non si riesce più a mangiare neanche mezza cozza in una trattoria: restano solo i distributori automatici! Caen ci è servita come base per visitare i toccanti luoghi dello sbarco della Seconda guerra mondiale. Molto interessanti si sono rivelate le visite a un museo-bunker tedesco presso la spiaggia di Ouistreham, quella al Memorial della pace di Caen (al quale va dedicata almeno mezza giornata) e successivamente, già sulla strada per la Bretagna, al maggior cimitero americano, quello di Colleville sur Mer con le sue oltre 9000 tombe, pur senza dimenticare che davanti alla morte l’uniforme non ha colore. Non va infine dimenticato che siamo nel dipartimento del Calvados, dove sarebbe imperdonabile non entrare in una delle tante fattorie che reclamizzano l’omonimo distillato di mele e acquistarne un paio di bottiglie di produzione artigianale.

Costretti a trascurare per ragioni di tempo Bayeux e il suo meritevole arazzo, ci siamo fiondati a Mont Saint Michel, ritrovandoci poi con la senzazione di essere al cospetto di una delle sette meraviglie del mondo. Siamo purtroppo capitati con la bassa marea, e il mare era visibile a un paio di chilometri di distanza solo dalla sommità del monte. Sembra invece che la situazione più suggestiva sia quella dell’alta marea montante, con il ribollire di onde che avanzano, la cui periodicità è circa quindicinale. Per programmare questa opportunità bisogna informarsi per tempo presso un ufficio del turismo o comprare in un bar un bollettino delle maree. Da raccomandare la visita audioguidata all’abbazia, e da tenere presente che, lungi dall’essere un luogo esclusivo, si possono mangiare ostriche, e non solo, in una delle tante trattorie anche con menù a meno di 20 euro

  • 2658 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social