Deliri tra Normandia e Bretagna

“Guardate ragazzi che in così poco tempo non riusciamo a fare tutto quello che avete programmato!” Queste sono le ultime parole famose di Angelo che dubitava di poter percorrere 1000 Km in tre giorni…il solito polemico… In meno di 72 ...

  • di calzibus
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

“Guardate ragazzi che in così poco tempo non riusciamo a fare tutto quello che avete programmato!” Queste sono le ultime parole famose di Angelo che dubitava di poter percorrere 1000 Km in tre giorni...Il solito polemico... In meno di 72 ore il programma si è svolto in questo modo: -Lunedì 29 ottobre: arrivo a Parigi Orly; ritiro dell’auto (20 minuti per trovare il parcheggio...); 30 minuti per uscire dall’aeroporto (guidava Enrico...) e finalmente si punta verso la Normandia con prima sosta a Rouen. Capoluogo della regione, Rouen merita una visita per la sua bella cattedrale, per il suo centro con le tipiche case in legno e per la chiesa di Giovanna d’Arco che sorge proprio nelle immediate vicinanze del luogo in cui venne arsa in seguito alle accuse di eresia. Si prosegue poi per Etretat, uno splendido paesino sulla costa, famoso per le sue imponenti falesie e per i suoi panorami mozzafiato.

-Martedì 30 ottobre: dopo aver attraversato il maestoso ponte di Normandia si prosegue per le spiaggie del D-day con sosta a Omaha beach che ospita due monumenti commemorativi ai protagonisti e alle vittime dello sbarco del ’44; subito dopo (subito si fa per dire...Stavolta guidava Angelo...) ci si ferma a Mont Saint Michel e alla sua abbazia, probabilmente uno dei luoghi più suggestivi del nostro tour.

La sera si lascia la Normandia per entrare in Bretagna e si arriva a Saint Malo, cittadina storica famosa un po’ come Mont Saint Michel per le grandi escursioni di marea che vi si verificano. -Mercoledì 31 ottobre: visita rapida di Saint Malo attraverso le sue viuzze e i suoi bastoni che offrono meravigliose vedute sull’oceano e sul paese stesso.

Riprendiamo la macchina e rientriamo a Parigi dove ci attende il volo per Venezia.

Considerazioni: La Normandia e la Bretagna sono due regioni meravigliose che meriterebbero più tempo ma se avete 3 giorni a disposizione e la solita Parigi vi ha stancato, vi possiamo confermare che una visita in questi luoghi è fattibile anche in un week end! Sono ottime le ostriche di Cancale e le moules frites (cozze e patatine fritte)...L’importante è trovare il giusto ristorante...Mentre per la colazione e gli spuntini sono da consigliare ovviamente le brioche al burro, le baguette e il pain au chocolat Tutto il tempo che si passa in macchina non è assolutamente sprecato perché i paesaggi bucolici di queste regioni possono essere comunque goduti pienamente (tranne per chi guida...).

Hanno allietato la nostra permanenza in macchina: 1-radio Caroline; 2-la simpatia dei componenti del gruppo; 3-le vacche grasse della Normandia che si riparano dal vento dietro i vecchi bunker della guerra; 4-i pettegolezzii sui colleghi ed amici non presenti; 5-le mezze confidenze di Enrico; 6-la mezza influenza intestinale di Angelo.

Per fortuna c’ero io (Riccardo) che con i miei consigli sui ristoranti e sulle strade da seguire ho salvato la situazione...E con quest’ultima (falsissima) considerazione chiudo questo mini report augurando a chiunque volesse seguire il nostro itinerario una buona vacanza! Ciao! Riccardo

  • 2543 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social