Parigi: info pratiche

Appena tornati da Parigi, ancora abbagliati dalla bellezza della capitale transalpina, provo a scrivere qualcosa di utile. Per il volo abbiamo scelto Ryanair, nota compagnia low cost, con partenza dal piccolo ma elegante e appena rimesso a nuovo aeroporto di ...

  • di claumore
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Appena tornati da Parigi, ancora abbagliati dalla bellezza della capitale transalpina, provo a scrivere qualcosa di utile.

Per il volo abbiamo scelto Ryanair, nota compagnia low cost, con partenza dal piccolo ma elegante e appena rimesso a nuovo aeroporto di Treviso. La prenotazione via Internet riserva qualche sorpresa: intanto i bagagli che vanno in stiva si pagano in aggiunta al prezzo del biglietto ( 12 euro a collo) e poi la Ryanair impone un inaudito ed ingiustificato balzello trattenendo altri 12 euro per commissioni per pagamento con carta di credito. Tenete presente poi che i bagagli in stiva non possono tassativamente superare i 15 chili altrimenti scattano penalità (8 euro al chilo in più) e non si fanno compensazioni, ovvero se prenotate in due avreste diritto a 15+15 chili, ma se un bagaglio pesa 16 chili e l’altro 5 chili vi tocca pagare il chilo in più del primo bagaglio ! La Ryanair rimane economica ma è diventata furbastra! L’aereo è buono, ma a bordo tutti gli annunci sono in inglese e le hostess parlano solo inglese; non aspettatevi bevande o snacks gratis, si paga tutto. Sulla puntualità non mi esprimo, a noi è toccato un ritardo di un’ora e 30 in partenza: il fatto è che il volo già di per sé arriva tardi, alle 22.15, e con quel ritardo siamo arrivati tardissimo. Inoltre Ryanair vi porta al minuscolo aeroporto di Beauvais che si trova a ben 80 Km da Parigi, certo c’è l'autobus riservato che vi aspetta fuori dell’aeroporto, ma bisogna mettere in conto altri 13 euro e, soprattutto, un’altra ora e 15 di viaggio per essere scaricati in piena notte a Porte Maillot. Alle 2 di notte non c’è restato che aspettare un taxi sotto l’Hotel Concorde La Fayette, fortunatamente il nostro albergo era a un paio di Km, ce la siamo cavata con 7 euro, e alle due e trenta potevamo finalmente coricarci.

Parigi è stupenda, anzi grandiosa, nel senso letterale del termine, tutto è grande, i viali, le piazze, i palazzi, le dimensioni della metropoli francese fanno apparire piccole città come Praga o Milano. Quindi si cammina tanto, e non pensate di risolvere tutto con l’efficientissima e sviluppata Metro perché, intanto sono rare le scale mobili, e poi per prendere una coincidenza tra due linee capita sovente di camminare per centinaia di metri e salire tanti gradini. Per muoversi in città valutate se prendere la Paris Visite una carta per viaggiare liberamente ( 3 giorni 18 euro, 5 giorni 27 euro) o prendere 10 biglietti alla volta ( carnet) al costo di 11.10 euro. Per andare a Versailles ci sono i treni della RER, veri e propri grandi treni che viaggiano in centro città, sia in sopraelevate che sotto terra come le linee di Metro: ci vuole un biglietto apposito se uscite dal centro urbano, noi non lo abbiamo trovato e il controllo alla stazione di arrivo ( impossibile sfuggire si esce dai tornelli che si aprono solo se avete il biglietto) ci ha scoperto con il solo biglietto del Metro, ma l’addetto ci ha fatto pagare solo il prezzo del biglietto, niente multa! Se pensate di andare per Musei ( a parte il notissimo Louvre, ce ne sono altri di strepitosi come il Pompidou, l’Orsay, il Picasso, l’Orangerie...) e monumenti e chiese( Salita alla torre Nord di Notre Dame, Conciergerie, Sainte Chapelle, Dome, Versailles) vi consiglio di prendere la Paris Museum Pass –PMP-, 2,4 o 6 giorni 30, 45 o 60 euro): non solo si fa presto ad ammortizzarla poiché l’entrata singola costa intorno a 8 o 9 euro alla volta, ma, soprattutto, vi dà l’accesso privilegiato senza le lunghe code che sono la regola a Parigi, se non sono addirittura due le code, una per i controlli di sicurezza e una per il biglietto ( beh, a volte la prima potreste doverla fare anche con la PMP, ma il biglietto non lo dovete mai fare). Abbiamo risparmiato molte ore di coda nei 6 giorni parigini grazie alla PMP, si acquista nei Musei e si attiva scrivendoci sopra Cognome, Nome e data di inizio, quindi la si compra anche prima e la si attiva la mattina prima di entrare nel primo Museo

  • 978 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social