Normandia e castelli della Loira

Spettacolare viaggio itinerante di 1780 Km da Beauvais, (dove siamo atterrati con un volo Ryanair da Treviso) verso la costa della Normandia, con toccata e fuga in Bretagna e giù nei territori della Loira, fino a tornare a Beauvais, passando ...

  • di maxgua
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Spettacolare viaggio itinerante di 1780 Km da Beauvais, (dove siamo atterrati con un volo Ryanair da Treviso) verso la costa della Normandia, con toccata e fuga in Bretagna e giù nei territori della Loira, fino a tornare a Beauvais, passando da Versailles. Eravamo 5 viaggiatori: io e mio marito Max, Michy e sua moglie Romina e il babbo di Michy, il mitico Giovanni!! Con un pacchetto fai da te(volo prenotato con Ryanair e noleggio auto con Hertz sfruttando la convenzione con Ryanair) e una settimana a disposizione siamo riusciti a vedere tutto quello che avevamo messo in preventivo e anche qualcosa in più! Atterrati a Beauvais la sera del 2 maggio verso le 22 in perfetto orario, abbiamo ritirato alla Hertz l’Opel Zafira, caricato i bagagli e via direzione Rouen verso l’Etap Hotel, l’unico prenotato dall’Italia, visto l’orario in cui saremmo arrivati. Avevamo comunque la lista di tutta la catena Etap di ogni città verso cui saremmo andati, con indirizzi e numeri telefonici, per cui, avendoli memorizzati sul navigatore satellitare è stato poi semplicissimo e velocissimo raggiungerli nelle sere successive. Sono alberghi comodissimi, vicino ad uscite di strade importanti con stanze piccole ma pulite e piuttosto economiche: non abbiamo mai speso più di 45€ a notte (i nostri amici in 3 nella stessa stanza spendevano la stessa cifra) e con l’aggiunta di 4€ a testa si poteva usufruire della colazione a buffet! Per una vacanza come la nostra, questi alberghi erano “l’asso di briscola”, peccato che catene di hotel di questo genere non esistano anche in Italia! La soleggiata e calda mattina del 03/05 abbiamo visitato Rouen, con un interessantissimo centro storico ricco di chiese, con la cattedrale Notre-Dame (bellissimo esempio di stile gotico, al cui interno riposa, tra gli altri, il corpo di Riccardo Cuor di Leone) o la chiesa di St-Maclou; bella la Rue du Gros Horloge, una vivace strada fiancheggiata dalle tipiche case a tramezzi di legno che termina in Place du Vieux Marché, dove, nel punto esatto del rogo di Giovanna d’Arco, è stata eretta una croce.

Tappa successiva: la costa normanna, direzione N/O verso Fécamp, stazione turistica con porto peschereccio e falaises a strapiombo sul mare. Qui tirava un forte vento e il mare era piuttosto agitato, meglio entrare in una brasserie e mangiarsi una loro baguette mega farcita!!! Proseguendo verso occidente, raggiungiamo Etretat con uno splendido panorama naturale, grazie alle sue 3 falaises famosissime: molto carino anche il paesino e le passeggiate per raggiungere le vette delle falaises.

Attraversiamo così il ponte di Normandia sull’estuario della Senna e raggiungiamo Honfleur, il cui piccolo porto è stato ritratto dai pittori più celebri. Siamo ora nel la regione del Calvados, il dipartimento più famoso della Normandia, poiché è sulle sue spiagge che avvenne lo storico sbarco degli alleati durante la seconda guerra mondiale ed è qui che i nostri uomini dedicano 2 giorni della nostra vacanza. Lungo la Cote Fleurie cerchiamo un albergo, ma o sono pieni o sono cari(non meno di 75€ a notte), così ci allunghiamo fino a Cabourg dove alloggiamo 2 notti all’Etap Hotel. Cena a base di pesce buonissimo tutto cotto alla griglia( a parte Max che si mangia una dozzina di ostriche) e passeggiata in paese. La sera in Normandia, non c’è praticamente vita in questa stagione, ed anche se Cabourg è piena di ville lussuose e luci, tutto ciò che ci può fare compagnia è un forte vento che soffia dal mare. Tutto così surreale!!! La mattina del 04/05 si parte per le spiagge dello sbarco, l’inglese, la canadese e l’americana fino a Omaha Beach, attraversando Arromanches e tutta la sua storia che ancora conserva. Veramente da pelle d’oca il cimitero americano con oltre 9000 croci bianche allineate in un verdissimo prato con sullo sfondo l’azzurro del mare. Qui si vive tutta la tragedia e l’angoscia di 5 anni di guerra, tutti coloro che l’hanno vissuta direttamente e intensamente, di tutti coloro che hanno perduto la loro vita così giovane, per regalare a noi, che allora ancora non c’eravamo, un mondo libero. Qui si è palpato lo stato d’animo di chi l’ha vissuta da bimbo come Giovanni, con ricordi cruenti ma nitidi, e di chi l’ha studiata sui libri come noi, ma tutti siamo arrivati alla stessa conclusione: tutto ciò non deve mai più riaccadere!!! A Port en Bessin Romina ed io abbiamo raccolto alcune grosse conchiglie, introvabili nei nostri mari; Giovanni si era portato le sabbie delle spiagge dello sbarco e gli altri 2 uomini scalpitavano per andare a mangiare una bella insalata in un localino graziosissimo che si affacciava sul porto! Pomeriggio dedicato a Bayeux, dove abbiamo visitato un interessante Memoriale della guerra, per dirigerci poi a vedere l’arazzo dedicato a Guglielmo il Conquistatore, ricamato da monaci circa 1000 anni fa: un vero capolavoro se si pensa ai 70 metri di lunghezza!! La cattedrale era già chiusa e l’abbiamo ammirata solo dall’esterno in tutta la sua maestosità. Ritornando verso Cabourg abbiamo incontrato il cimitero canadese e gli uomini hanno fatto una breve visita. Cena a base di ottima carne in un ristorante veramente caratteristico, consigliatoci dai gestori dell’ Etap Hotel e di corsa a nanna. La mattina successiva riprendiamo l’itinerario dello sbarco dalla Pointe du Hoc, dove ancora grosse buche nel terreno testimoniano che la notte fra il 5 e il 6 giugno ’44 qui la devastazione è stata apocalittica. Tappa obbligatoria a Saint Mère Eglise, famosa per aver salvato, perché rimasto impigliato nel suo campanile, l’unico paracadutista superstite di un disastroso lancio alleato; visita del museo locale molto ricco di reperti storici e rifornimento di souvenirs dai numerosi negozietti. Abbiamo così cercato e trovato nelle vicinanze, anche il cimitero tedesco dove sono sepolti i corpi di oltre 21000 ragazzi e tutto ciò mi ha riempito di un’angoscia soffocante. Ultimo paesino nella costa nord-est è stato Barfleur, con i suoi pescherecci, l’immenso faro visitabile, l’antica chiesa e la spiaggia sassosa, sono stati una piacevole sorpresa. Ora via verso Granville, per poi avvicinarsi il più possibile a quella meraviglia che rimarrà forse il luogo più suggestivo e incantevole di tutta la vacanza: Mont Saint Michel. Dormito nel solito Etap Hotel (gestore gentilissimo che ci ha dato mille consigli), la domenica mattina ci siamo alzati di buon’ora, perché Max, mega informato anche sulle maree, sapeva che il picco massimo era alle 10:07 ed almeno 1 ora prima bisognava essere lì per goderci lo spettacolo. La nebbia inizialmente avvolgeva tutto ciò che col passare dei minuti e dei Km è apparso nitido ai nostri occhi: Mont Saint-Michel in tutta la sua maestosità, è proprio come l’hai sempre immaginato fin da piccolo, vedendo le foto sui libri di scuola: un gioiello naturale e artistico quasi irreale, così ovattato e silenzioso al mattino presto , si è trasformato col passare delle ore, in un luogo pieno di gente, di vita, di acqua che arrivava prepotentemente a circondare tutto l’isolotto, mantenendo comunque tutto il suo fascino incantato! Dopo aver mangiato qualcosa in un selfservice, dove anche i passeri arrivavano indisturbati a becchettare sui tavoli, abbiamo deciso si allungarci verso Saint-Malo e di toccare un po’ di Bretagna, terra misteriosa e selvaggia, forse più della Normandia

  • 2326 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social