Compleanno a Parigi

Dopo qualche settimana ecco anche il nostro resoconto di viaggio. Siamo stati a Parigi per un week end lungo, in occasione del 30. Compleanno di mio marito, a cui ho voluto fare una sorpresa. Ho prenotato tutto su internet, sia ...

  • di pancissimo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dopo qualche settimana ecco anche il nostro resoconto di viaggio.

Siamo stati a Parigi per un week end lungo, in occasione del 30. Compleanno di mio marito, a cui ho voluto fare una sorpresa. Ho prenotato tutto su internet, sia i biglietti dell’aereo (prenotati in largo anticipo e abbastanza convenienti: 150 € a/r con volo di linea) che l’albergo (catena IBIS, offerta All’Ibis, 3 notti a 204 € senza colazione).

1. GIORNO Venerdì Siamo partiti venerdì 30 marzo sul presto, avevamo il volo da Venezia alle 10.30. Il volo Airfrance era in ritardo, ma abbiamo recuperato prima dell’arrivo. Atterriamo a CDG verso l’una, e perdiamo una mezz’ora fra recupero dei bagagli, acquisto dei biglietti e ricerca della stazione RER. Poi in altri 35’ siamo alla Gare du Nord. Qua scopriamo che la fermata della metro più vicina al nostro albergo (Bréguet Sabin) è chiusa per lavori quindi arriviamo fino a Bastille e facciamo un pezzo a piedi. Purtroppo pioviggina, e muoversi coi bagagli non è il massimo; ma raggiungiamo subito l’hotel, l’IBIS Opera Bastille, in rue Breguet. L’albergo è grande, ma le stanze non lo sono altrettanto. Poco male per un soggiorno breve. Comunque la stanza è pulita, il bagno anche, nonostante sia vecchiotto. La zona è ottimale. Siamo nell’11. Arr. Ma a pochi passi da Place des Vosges. Non avevamo prenotato anche per la colazione, ma dopo aver esplorato il ricco buffet dell’albergo il primo giorno decidiamo di rimanere sempre lì pagando un sovrapprezzo (7 €).

Dopo esserci sistemati un po’ usciamo alla scoperta di Parigi. Tappa obbligata al Mc Donalds per pranzare, data l’ora e non conoscendo ancora bene i dintorni. Poi, visto che ha smesso di piovere, ci dirigiamo verso la bellissima Place des Vosges, che però è una pozzanghera a cielo aperto sotto dei nuvoloni gonfi di pioggia. Bellissima lo stesso! Da lì proseguiamo verso l’Hotel de Ville (con mio grande rammarico la Tour St-Jaques è coperta da un enorme telo causa restauro) per poi passare al Centre Pompidou di cui ammiriamo solo l’esterno, e al Forum Les Halles. Una crepe al volo e ci dirigiamo verso il Palais Royal, ne attraversiamo i giardini per arrivare al Louvre. Anche qui decidiamo di non entrare. E’ pomeriggio inoltrato ormai e ci limitiamo a un giro nel Jardin du Carrousel e all’inizio delle Tuileries. Prendiamo poi il Quai du Louvre e scendiamo sulla riva della Senna. Una volta risaliti per percorrere il Quai de la Megisserie non possiamo trattenerci dall’entrare i tutti i negozi di animali che si alternano a quelli di piante e fiori lungo la via... Giunti al Chatelet ci dirigiamo verso Rue St-Denis per andare a mangiare all’Entrecote, locale consigliato dai TPC. Non ci siamo trovati granché bene: il posto era pieno, il personale non cortesissimo, in più eravamo all’esterno sotto quei “funghi” per riscaldare e si moriva dal caldo! Abbiamo pagato un prezzo giusto e la carne non era male, ma ci è rimasta addosso una sensazione di fastidio... Si sta facendo buio e decidiamo di prendere la metro per andare a vedere lo spettacolo di luci della Tour Eiffel: arriviamo giusto in tempo per quello delle 21, e ci posizioniamo circa a metà dei Champs de Mars. Lo spettacolo è meraviglioso, da lasciare senza fiato! Rimaniamo incantati per un po’, poi passiamo sotto la torre e vediamo che nonostante l’ora c’è ancora una fila lunghissima per salire... ma cominciamo ad essere stanchi ed infreddoliti, quindi prendiamo la RER e poi la metro per rientrare in albergo.

2. GIORNO Sabato Ci svegliamo presto e facciamo colazione in albergo. Ci dirigiamo verso la metro dove facciamo le carte Mobilis valide per la giornata di oggi e per domani, per il resto ci arrangiamo con un carnet di biglietti. Andiamo all’Ile de la Cité dove arriviamo quando è ancora tutto chiuso. Acquistiamo il Paris Museum Pass (PMP) per 2 giorni: alla fine non abbiamo guadagnato molto rispetto all’entrata ai musei, ma c’è da dire che abbiamo saltato le code e che la carta è stata un incentivo per visitare quanto più possibile. Ci mettiamo in fila per la salita sulle torri di Notre Dame (PMP), nonostante il cielo sia un po’ coperto godiamo di un bellissimo panorama, ci divertiamo a riconoscere i luoghi che visiteremo nei prossimi giorni e vediamo da vicino i Gargoyles e la grande campana. Una volta scesi entriamo a Notre Dame, maestosa e affollata, e successivamente visitiamo la cripta archeologica (PMP). E’ poi la volta della S-te Chapelle (PMP), che è un vero gioiello. Incredibili le vetrate, ci sediamo a guardarle per un bel po’. Peccato che l’altare sia coperto dai soliti teli per restauro. Usciamo e ci dirigiamo verso il Musée d’Orsay (PMP): ci interessa soprattutto il terzo piano dove sono esposte le opere degli Impressionisti, ma ammetto che tutta la struttura in sé ha un gran fascino! Dopo aver ammirato da vicino capolavori che avevamo potuto vedere solo sui libri di scuola, usciamo e andiamo nel Quartiere Latino per mangiare qualcosa. Scegliamo un ristorantino greco e come dessert non può mancare una deliziosa crepe. Purtroppo comincia a piovere e interrompiamo la nostra visita al quartiere più caratteristico di Parigi per fare un salto in albergo dove ci riposiamo un po’. Nel tardo pomeriggio usciamo e ci dirigiamo verso le Gallerie Lafayette (mio marito è incredibilmente attratto dallo shopping!): facciamo un po’ di acquisti e ce ne andiamo poco prima della chiusura. Decidiamo di dare un’occhiata all’Opera (solo da fuori) e alla Madeleine prima di prendere la metro per Pigalle: arriviamo davanti al Moulin Rouge all’imbrunire, in tempo per vederlo tutto illuminato, ma non ci fermiamo tanto: ci aspetta una deliziosa cena alla “Cloche d’or” in rue Mansart, un caratteristico locale consigliatoci da un amico. Mangiamo benissimo e non spendiamo nemmeno tanto. Dopo cena facciamo ancora una passeggiata nei pressi dell’hotel e poi andiamo a dormire

  • 1796 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social