Viaggio a Parigi

Sia che la si chiami Ville Lumière o, in gergo, Paname, sia che la si ammiri dai lungosenna o dalla Tour Eiffel, la Parigi voluta e costruita da re e grandi Capi di Stato non smette mai di sedurci. Partiti ...

  • di viaggiare11
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Sia che la si chiami Ville Lumière o, in gergo, Paname, sia che la si ammiri dai lungosenna o dalla Tour Eiffel, la Parigi voluta e costruita da re e grandi Capi di Stato non smette mai di sedurci.

Partiti per festeggiare un classico Capodanno, ne abbiamo approfittato per visitare, in cinque giorni, le principali attrazioni della città.

Parigi è nata sull’île de la cité ed è attraversata dalla Senna da est a ovest. E’ divisa in 20 arrondissements, disposti a spirale a partire dal centro, fino ai confini del boulevard périphérique.

Sulla Rive Gauche, il Quartier Latin e Saint-Germain-des-Prés rievocano la Parigi degli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento.

Sulla Rive Droite il Louvre si circonda di quartieri eleganti e della prestigiosa Avenue des Champs-Élisées, mentre le Halles e Beaubourg esibiscono tutta la loro modernità a due passi dallo storico quartiere del Marais. La collina di Montmartre invece ha mantenuto tutta la sua atmosfera di paese. Verso est, la Villette, Belleville, Bastille e Oberkampf sono le nuove zone “di moda”.

Il miglior modo per muoversi velocemente a Parigi è la metropolitana e la RER. Molto conveniente è la carta Paris visite, che permette di utilizzare illimitatamente tutti i mezzi pubblici di Parigi per 1, 3 o 5 giorni.

Arrivati in serata non manchiamo al primo appuntamento parigino by night: la Basilica del Sacro Cuore, da cui si può godere di un magnifico panorama di Parigi e si può vedere in lontananza la torre Eiffel... qui la vista su Parigi è davvero una delle più splendide!!! Costruita sulla cima di Montmartre in stile neo-bizantino, la Basilica del Sacro Cuore domina la capitale con il candore delle sue cupole (80 m) ed è parte integrante del paesaggio.

Molto carino è il quartiere di Montmartre, in cui essa è situata, con i suoi negozietti e ristorantini caratteristici.

Il giorno successivo, l’ultimo dell’anno, iniziamo la visita ammirando dall’esterno il famosissimo Moulin Rouge, in cui si ballò per la prima volta nel 1889 la quadriglia, battezzata poi dagli inglesi “French Cancan”.

Ci spostiamo poi a visitare il cimitero di Père-Lachaise. Concepito come un giardino, con 5.300 alberi, 25 specie di uccelli nidificanti, in esso si trovano le sepolture di numerosi personaggi famosi, tra cui Proust, Molière, La Fontaine, Balzac, Oscar Wilde, Colette, Chopin, ma anche il cantante Jim Morrison.

Entriamo a questo punto nel cuore della città passando, come prima tappa, all’Hotel de Ville e in seguito alla Cattedrale di Notre-Dame. Situata sull’île de la cité, Notre-Dame è il cuore emblematico di Parigi. Terminata dopo oltre 150 anni di lavori (1163-1330), questa cattedrale testimonia la magnificenza dell’architettura gotica. La mole imponente contrasta con la leggerezza della guglia (90 m) e con il sottile equilibrio degli archi rampanti.

Lasciamo a questo punto la stupenda cattedrale per raggiungere l’Arco di Trionfo. Simbolo dell’epopea napoleonica, al centro di place de l’Étoile, l’Arco di Trionfo (1806-1836) dall’alto dei suoi 50 m offre un eccezionale panorama sugli Champs-Élysées. Dodici celebri viali hanno origine ai suoi piedi; esso ospita, oltre alla tomba del milite ignoto, che lo rende il luogo più solenne della Repubblica, la fiamma della memoria, sempre accesa a partire dal 1923.

Da qui, ci incamminiamo sugli Champs-Élysées e ne approfittiamo per dare un’occhiata alle vetrine dei negozi, anche se la nostra meta è la ruota panoramica, da cui si può ammirare buona parte della città.

Raggiungiamo poi il Museo del Louvre, che è il più grande museo del mondo!!! Questa antica fortezza, trasformata in residenza reale da Francesco I, divenne “Museo della Repubblica” nel 1973. E oggi è il Grand Louvre. Organizzato topograficamente lungo tre ali (Denon, Sully, Richelieu), il museo riunisce meravigliose collezioni che illustrano l’arte occidentale dal Medioevo al 1850 e quella delle civiltà antiche che diedero origine al museo. Da vedere assolutamente la Gioconda (1503-1506) di Leonardo da Vinci

  • 862 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. viaggiare11
    , 3/5/2010 13:32
    Se volete vedere le foto le trovate su: www.davideilfotografo.com
    oppure Facebook: Davide Il Fotografo

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social