On-y-va

9.11.06 giovedì…On-y-va (oliva???!!!), si riparte! Questa volta per PARIGI. Volo Napoli – Parigi Orly, Easyjet naturalmente, pagato solo € 75,00. Easyjet non delude mai: economica, comoda, puntuale come sempre (al ritorno atterreremo addirittura in anticipo!) Appena arrivati, io ed i ...

  • di frì
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

9.11.06 giovedì...On-y-va (oliva???!!!), si riparte! Questa volta per PARIGI.

Volo Napoli – Parigi Orly, Easyjet naturalmente, pagato solo € 75,00. Easyjet non delude mai: economica, comoda, puntuale come sempre (al ritorno atterreremo addirittura in anticipo!) Appena arrivati, io ed i miei validissimi compagni di viaggio – Pippo, Mauro & Giulia – sebbene l’aeroporto di Orly sia ben collegato al centro città, ci concediamo il “lusso” del taxi...Con € 50,00 in 4 arriviamo comodamente al “Campanile” alla Bastille...Comodamente per modo di dire, il tassista ha una guida un po’ troppo sportiva per i miei gusti...Arrivo a destinazione shakerata ma trovo da subito l’albergo molto carino ed accogliente, lo consiglio! Il prezzo di una doppia si aggira intorno ai 100,00 € ed è possibile fare un’ottima prima colazione continentale www.Campanile.Fr Inoltre è vicinissimo alla metro, stazione di Breguet-Sabin, linea 5. A proposito...Che sballo la metro di Parigi! (un biglietto costa € 1,40. Vi conviene acquistare i carnet da 10 al prezzo di 10,90 €, non ci sono soluzioni più economiche per chi si trattiene solo 3 o 4 giorni come noi).

Siamo un po’ stanchi ed acciaccati (a Mauro stavano scoppiando le orecchie in aereo, io ho ancora i postumi di una distorsione ad un piede) ma di restare in albergo non se ne parla proprio! Sperimentiamo subito l’efficienza e la comodità della metro e ci regaliamo lo spettacolo della Tour Eiffel di sera...Molti – gli stessi parigini per esempio – trovano che sia un po’ kitsch con tutte quelle luci, noi l’abbiamo trovata bellissima nella sua imponenza e poi...Che bello vedere per la prima volta Parigi da 307 metri d’altezza! (ovviamente saliamo fin su, al prezzo non proprio modico di € 11,00 procapite...Kitsch e redditizia direi!). Fotografata la Tour da ogni angolazione torniamo in albergo belli contenti.

10.11.06 venerdì...Wow, c’è il sole! Ricchissima colazione in albergo e viaaaaaaa, alla scoperta dell’Ile de la Citè passando per Place des Vosges, nel cuore del Marais, considerata da molti - con i suoi portici, gli abbaini, il parco centrale... - la piazza più bella di Parigi, servita, non a caso, da modello per la creazione di altre celebri piazze parigine quali Place Vendome e Place de la Concorde (che vedremo sabato notte).

Proseguendo per Rue de Rivoli arriviamo all’imponente Hotel de Ville, residenza del primo cittadino e, rimandando la visita alla mitica Notre Dame che già si intravede in lontananza, facciamo un salto al centro culturale Georges Pompidou che meriterebbe molto più tempo di quello che abbiamo a disposizione...Ma l’Ile de la Citè ci aspetta: Notre Dame, la Conciergerie, la Sainte Chapelle (nella quale però decidiamo di non entrare...C’è fila e costa troppo), Place Dauphine, i ristorantini, le stradine, la rendono una tappa imperdibile! Pippo (che ci raggiunge solo ora perché è rimasto in albergo a lavorare...Lui!!!) ed io proseguiamo la nostra passeggiata lungo Boulevard St-Michel e cominciamo così a godere dell’atmosfera magica del Quartiere Latino che esploreremo nei dettagli la mattina seguente. Mangiamo una baguette buonissima col pollo piccante (4,00 €)...Pippo dice che non era una baguette ma un panino...Sarà?! resta il fatto che era buonissima! Raggiungiamo la Sorbona e, per evitare l’assideramento di Pippuzzo che è uscito con addosso solo un maglioncino, torniamo in albergo.

Meglio, così ci riposiamo...Alle 5.30 abbiamo appuntamento con Monia (responsabile dell’albergo nel quale, non a caso, alloggiamo/amica napoletana di Mauro/grande appassionata d’arte) che ci farà da guida al Louvre, aperto il venerdì sera fino alle 22 circa (se siete a Parigi il venerdì non perdete questa occasione: di sera c’è meno gente, meno fila all’ingresso e soprattutto un’atmosfera indescrivibile a soli 6,00 €!). Il Louvre mi ha lasciata senza fiato: rapita dalle appassionate introduzioni di Monia, mi faccio portare da un capolavoro all’altro...La Nike, la Vergine delle Rocce, Amore e Psiche, i Caravaggio, la Galleria di Apollo...Uno spettacolo indimenticabile! Ceniamo sugli Champs Elysees (l’Arc de Triomphe in lontananza...) in un ristorante della catena Hippopotamus per cercare di contenere la spesa e mangiare qualcosa di sicuramente commestibile (la carne ci sembra più “sicura” della cucina francese). Tutto sommato però non ve lo consiglio: spendiamo 81,40 € in 4, non mangiamo niente che sia degno di nota e ci fanno pagare € 4,60 per una bottiglia d’acqua. Piuttosto, vi consiglio di ordinare ovunque (stessa storia a Berlino per esempio) una caraffa d’acqua...È gratis e potete berne quanta ne volete (a meno che voi non amiate particolarmente l’acqua in bottiglia)

  • 206 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social