10° viaggio a Parigi

Ero già stato a Parigi 9 volte: perchè non fare cifra tonda? Detto, fatto! Prenoto nel luglio 2005 il viaggio per il mese di gennaio 2006: ben 6 mesi di anticipo mi consentono di prenotare il volo con Ryanair da ...

  • di dbarald
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ero già stato a Parigi 9 volte: perchè non fare cifra tonda? Detto, fatto! Prenoto nel luglio 2005 il viaggio per il mese di gennaio 2006: ben 6 mesi di anticipo mi consentono di prenotare il volo con Ryanair da Bergamo a Beauvais a 60 euri a/r. Scopro in seguito che se avessi prenotato in novembre avrei speso 36 euri, ma pazienza...

La partenza alle 06:30 del mattino mi obbliga a partire da casa alle 3 ma è un sacrificio che faccio volentieri.

Prima delle 8 atterriamo a Beauvais e da lì ci attende l' autobus per la Porte Maillot. I biglietti già acquistati su internet: la fila alla biglietteria la lascio fare agli altri.

1 ora e 45 di viaggio ed alle 10 siamo in centro a Parigi. Praticamente da quando sono uscito di casa a quando sono arrivato ci sono volute 7 ore.

Ero già stato a Parigi 2 volte con Easyjet e devo ammettere che nonostante i prezzi mediamente più alti, è in ogni caso molto più comoda di Ryanair: Linate - Orly alle 13 è tutta un altra cosa rispetto all' Orio - Beauvais delle 06:30 appena fatto. E' vero che con la Easy si rimane a Parigi meno tempo perchè poi si riparte alle 11 del mattino (contro le 22,30 della Ryan) ma è molto meno stressante. In più, bisogna calcolare i 26 euri per il viaggio in autobus a/r. Comunque appena arrivati ci trasciniamo in un cafè a bere un caffè schifoso con il solo fine di poter cambiare l' acqua ai ceci. Dimenticavo: ci fermeremo 2 notti, da sabato a lunedì ed ovviamente abbiamo il solo bagaglio a mano. Detesto viaggiare con bagaglio registrato al check in perchè poi si perde un casino di tempo all' arrivo. Soprattutto quando devi farla a gomitate per prendere posto sull' autobus.

Chi non è mai stato a Parigi sappia che la città è dotata dei migliori trasporti pubblici del mondo: non fate la cazzata di noleggiare un auto.

Abbiamo fatto il Paris Visite, una specie di abbonamento che consente un numero illimitato di corse su tutti o quasi i mezzi di trasporto pubblici.

Prima tappa in metrò fino al Trocadero, il posto più banale di Parigi per vedere la Tour Eiffel. Turisti ovunque. Solito foto di rito e passeggiata fino ai Champs de Mars dove prendiamo un autobus per la Tour Montparnasse, un affare nero alto 200 metri da cui si vede un panorama figo come quello che si vede dalla Tour Eiffel. La differenza è che qui non si fa un ora di coda, si sale subito (se avete seguito il mio consiglio ed avete comprato il Paris Visite avete anche lo sconto).

Intanto si è fatta l' ora di pranzo e ci dirigiamo al Forum des Halles dove mangiamo al Flunch (un ristorante self service dove con poco si mangiano cose più o meno normali).

Nel primo pomeriggio prendiamo possesso della nostra camera al Timhotel Italie (pagato un sessantina di eurini a notte b/b su Octopustravel) e poi ci facciamo la solita passeggiata sul vialone degli Champs Elisees. Solito foto banali all' arco e poi ci buttiamo nell' atelier Renault, che più che una concessionaria sembra un parco di divertimenti. Ci vediamo i soliti Grand e Petit Palais e poi le solite foto della Senna e le solite foto a Les Invalides con tutti cannoni fuori. Attenzione: da come scrivo sembra una rottura di coglioni ma non è affatto così! Parigi è sempre fantastica ed è uno dei pochi posti dove vorrei vivere.

Intanto si fa buio e ci dirigiamo a Pigalle, il solito quartiere con i soliti locali porno, da dove prendiamo la solita funicolare per andare al solito Montmartre (ma non prima di aver bevuto un bianchino carissimo, schifoso e sgasato in una specie di osteria affollatissima e fumosissima ai piedi della collina di Montmarte). Ci saranno qualcosa come 1000 turisti al metro quadrato, tutti con la loro bella digitale nuova comprata apposta per il viaggio a Parigi. Di parigini neanche l’ ombra. Gli italiani li riconosci subito: primo perché fanno (facciamo) un gran casino, e secondo perché fanno le foto col telefonino

  • 891 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social