Camargue e Gorges du Verdon: via col vento

Lunedì 25 settembre, Savona - Camargue: Salin de Giraud – Les Saintes Maries de la Mer Partenza mattina presto da Savona sotto una pioggia che ci ha accompagnati fino a Nizza. Le previsioni però sono buone e la Camargue ci ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Lunedì 25 settembre, Savona - Camargue: Salin de Giraud – Les Saintes Maries de la Mer Partenza mattina presto da Savona sotto una pioggia che ci ha accompagnati fino a Nizza. Le previsioni però sono buone e la Camargue ci accoglie con un cielo blu e un sole caldo che saranno nostri compagni di viaggio per quasi tutta la settimana. La prima tappa è Salin de Giraud, ma per arrivarci un inaspettato traghetto ci attende per la traversata del Rodano (4,50 €). Ecco le saline: una distesa bianca e rosa di dune salate. Siamo capitati proprio nel pieno della raccolta che va dal primo di settembre fino ai primi di ottobre. Un po’ di foto sul promontorio panoramico...Un souvenir di cristalli di sale e poi via verso Les Saintes Maries. Il tragitto non è lungo, ma assai suggestivo...La Camargue è paludosa e in certi tratti i suoi “profumi” lo ricordano perfettamente, ma i suoi splendidi cavalli e i poderosi tori tipici di questa regione ci fanno davvero apprezzare questa terra. Arrivati a Les Saintes Maries troviamo facilmente il campeggio “La Brise” che con 19 € ci ospiterà per una notte. Niente di speciale, ma in paese e molto grande. Le nostre pance ora ci assordano richiamando così la nostra attenzione: è l’ora di partire alla caccia di un ristorantino. Dopo poco scopriamo che i ristoranti sono davvero troppi, uno sopra l’altro ma con prezzi molto popolari per i menù turistici (ottima scelta, da preferire al menù alla carta se si vuole risparmiare). Decidiamo allora di cenare con un po’ più di tranquillità al “Les Flos Bleus” e 32€ dopo (in due) ne usciamo soddisfatti. Dopo una passeggiata lungo il porticciolo ci promettiamo di tornarci il giorno successivo...Sperando che sia un po’ più animato. Poi a nanna.

Martedì 26 settembre, Les Saintes Maries de la Mer – Parco Ornitologico – Aigues Mortes Sveglia presto e si parte per visitare il paese delle Sante Marie arrivate via mare dalla Palestina. Passeggiando per le allegre viuzze ricolme di negozietti che vendono cicale moleste, ciò che colpisce la nostra attenzione è il museo Baroncelli, un’insolita mini-costruzione che si erge solinga nel centro del paese. Il museo ospita una collezione di animali impagliati e indumenti tipici regionali (secondo la nostra guida – perché noi non l’abbiamo visitato). A pochi metri domina il panorama la cattedrale delle due sante. Entrando scopriamo che la cripta è dedicata a Santa Sara, patrona dei gitani che la onorano donandole i loro mantelli dai colori sgargianti. La chiesa è un po’ buia (per le foto è meglio avere un cavalletto), ma in compenso il panorama che si gode dal tetto, sì, dal tetto della chiesa, con 2€ per l’accesso, è mozzafiato: un orizzonte di 20 km spazia dalle saline alle sconfinate paludi della Camargue...Ma soprattutto se siete alti, ricordatevi di ancorarvi bene al parapetto o il supervento costante vi farà sbandare! Al pomeriggio ci attende un’escursione lungo la diga, che separa le paludi dal mare aperto...Ma attirati dai fenicotteri rosa ci allontaniamo dal sentiero e ci ritroviamo nel fango...Proprio in mezzo alla palude. Questa deviazione ci porta ad avvicinarci ai flamands roses che non si accorgono subito della nostra presenza e ci permettono di scattare ottime foto. Ora siamo quasi in partenza per Aigues Mortes, ma sulla nostra strada c’è ancora una tappa: il Parco Ornitologico. L’entrata è un po’ cara (7,50€), ma ne vale la pena...Non dimenticate i binocoli però. Arrivati poi ad Aigues Mortes abbiamo proseguito per Le Grau du Roi, poco distante, dove troviamo il campeggio “Bon Séjour” per la cifra strabiliante di 10 € in due. Cena ad Aigues Mortes al “La Pignata di Pinocchio”, piccolo ristorante nel centro: 41 € per due menù (vino compreso) gustosissimi. Passeggiata attorno ai bastioni illuminati e ritorno in campeggio

  • 3251 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social