Parigi a ruote libere

Alla fine sono partito. Ho passato il giorno di Ferragosto a cercare ispirazione sulle destinazioni possibili cercando di vincere la naturale resistenza che si opponeva dentro di me ad affrontare un altro viaggio da solo. Località di villeggiatura marine o ...

  • di garagiu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Alla fine sono partito. Ho passato il giorno di Ferragosto a cercare ispirazione sulle destinazioni possibili cercando di vincere la naturale resistenza che si opponeva dentro di me ad affrontare un altro viaggio da solo. Località di villeggiatura marine o montane e isole di divertimento sono state le prime mete escluse e ho convenuto quindi per un viaggio di breve periodo in qualche capitale europea. Decido per Parigi prenoto il volo della Windjet da Forli e una stanza singola presso l'Hotel Montecarlo, albergo segnalato con un buon feedback su venere.Com dal 21 al 25 agosto. Devo dire che la scelta dell'albergo si è dimostrata felice sia come posizione che come struttura. 35 euro a notte per una singola con servizi nel piano nei dintorni di LaFayette non sono male. Albergo tranquillo che consiglio per chi non pretende altro che un letto e servizi puliti.

Purtroppo nei voli low-cost si può andare incontro a possibili ritardi e inconvenienti. E il mio volo non si è dimostrato da meno. Rispetto a una partenza prevista per le 9.00 a.M. L'aereo è decollato alle 13.30 con 4 ore di attesa nella piccola sala imbarchi dell'aeroporto di Forlì. Approfitto del ritardo per documentarmi su Parigi sulla lonely planet, visto che ho affrontato questo viaggio abbastanza da sprovveduto senza avere ben chiaro cosa visitare. Arrivo in albergo alle 18.00 e un'ora dopo sono in giro per i passages seguendo un itinerario consigliato, ma ahimè è lunedì tutti i negozi sono chiusi e alle 19.00 viene chiuso pure l'accesso a queste strade coperte. Accenna una pioggerella e mi dirigo verso il quartiere Marais per la cena. L'ombrello è ovviamente in albergo e la pioggerella si trasforma ovviamente in acquazzone. Mi rifugio completamente fradicio in un cafè per un croque a monsieur e la prima serata a Parigi finisce qui.

Il secondo giorno per fortuna c'è sole, dopo un breve giro a Les Halles per comprarmi una giacca impermeabile (non si sa mai), decido di noleggiare qui una bici. Per una giornata sono 10 € e inizio il mio giro per le strade di Parigi, senza una meta ben precisa ma seguendo le indicazioni per le bici. A Parigi le piste ciclabili ci sono sia percorsi riservati esclusivamente a bici oppure le corsie previste per bus e taxi. Comunque per orientarmi un po' avevo con me anche una piantina con indicati tutti i percorsi preferenziali. Il primo giorno mi faccio Champs-Élysées, Place Charles de Gaulle con l 'Arc de Triomphe, il lungo Senna fino alla Tour Eiffel, i Champs-de-Mars, poi Saint Germain des Prés, arrivo a Notre Dame e da qui all'Île Saint Louis, per arrivare a Place de la Bastille e poi...Poi sono già le 18,30 l'ora di riportare la bici nel deposito. Parigi è tutta pianeggiante e si pedala facilmente e ci si può imbattere in situazioni curiose. Fan di Lady D che lasciano il loro pensiero scritto sul muro del tunnel dell'alma. Coppie di sposi giapponesi che si fanno fotografare con l'abito di nozze davanti alla Torre Eiffel, una di queste addirittura aveva organizzato un picnic sul prato con tanto di invitati e torta nuziale. Oppure assistere ad una scena d'azione di un film in lavorazione. La serata prosegue con un giro a piedi di nuovo al Marais piu' vivace del giorno precedente con gente che mangia all'aperto in tavolini minuscoli. Il terzo giorno ancora sole per fortuna...E ancora bici...Mi lascio trasportare verso il quartiere a luci rosse di Pigalle, che anche se in pieno giorno pullula di insegne luminose e di locali aperti per chi ha voglia di divertirsi con video o strip pure a mezzogiorno. Una ex donnina con capelli scarmigliati e trucco esagerato che fa la buttadentro mi attacca bottone e mi prende per il braccio invitandomi ad entrare a tutti i costi a dare un'occhiata, anche solo per un minuto, anche se la cosa non mi piace. Voglio continuare il mio giro e non ho alcuna interesse a vedere cosa c'è aldilà del telo nero...Insiste ma salgo in bici e la lascio che impreca qualche colorita esclamazione in francese. Mi dirigo verso Montmartre e do un'occhiata dal ponte al cimitero famoso per i suoi sepolti illustri...Da qui si comincia a salire, il quartiere è molto caratteristico con le sue stradine, negozietti e poche macchine. Uno sguardo al panorama visto dalla scalinata della basilica di Sacrè Coeur e una pausa in una boulangerie dai profumi di pani e dolci inebriante. Con lo stomaco pieno decido mi dirigo verso la parte sud per visitare il Quartiere Latino e Montparnasse...Ma mi lascio guidare dalle segnale delle bici sull'asfalto...E ovviamente sbaglio strada dirigendomi verso nord. Costeggio un ponte di una ferrovia sopraelevata e un canale che mi porta verso il parc de la Villette all'estrema periferia di Parigi. Poco importa se devo cambiare programma è bello comunque vedere colori, facce, palazzi e il Parc de la Villette è veramente piacevole: un canale tranquillo, prati verdissimi sulle due sponde. Alla fine del parco scelgo di proseguire con meta Cimitière de Père Lachaise, nonostante la strada in salita e il cielo non piu' luminoso come la mattina. La giornata si rivela più ginnica che turistica...Salto il cimitero perché abbastanza disidratato e dopo la salita una lunga discesa fino alla Bastiglia. Da qui verso Place du Vosge con i suoi portici, i suoi palazzi caratteristici e il parco al centro. Serata in un ristorantino di Montmartre con una buona crepe salata

  • 159 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social