Piccolo vocabolario per Normandia e Bretagna

Abbiamo fatto questo viaggio in quattro, in auto, da Belluno al nord della Francia. I giorni a disposizione erano pochi, i luoghi da scoprire molti, per cui alcuni li abbiamo appena "toccati", altri li abbiamo vissuti un po' di più...Ma ...

  • di graziadep
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Abbiamo fatto questo viaggio in quattro, in auto, da Belluno al nord della Francia. I giorni a disposizione erano pochi, i luoghi da scoprire molti, per cui alcuni li abbiamo appena "toccati", altri li abbiamo vissuti un po' di più...Ma così ci resta il desiderio di ritornare: è la mia filosofia di viaggio.

La meta, Normandia e Bretagna, era da tempo nei nostri pensieri.

Ho preparato l'itinerario con cura, leggendo riviste specializzate, guide, e seguendo le utilissime indicazioni apparse su questo sito.

Visto il periodo, mi è sembrato utile prenotare in anticipo gli alloggi, tranne che per l'ultima sera: non so se fosse davvero indispensabile, certamente ci ha permesso di gustare a pieno il viaggio.

Più che trascrivere il nostro itinerario, cosa che altri hanno fatto, molto bene, prima di me, vorrei costruire una specie di piccolo vocabolario, per muoversi tra Normandia e Bretagna cogliendone qualche aspetto significativo, come è successo a noi; non in ordine alfabetico, ma secondo un ordine logico.

TAPPE: primo giorno : Belluno - traforo del Frejus - Beaune secondo giorno: Beaune -Giverny - Rouen- Epreville terzo giorno: Epreville-Fecamp-Etrerat ( senza trovare un parcheggio libero)- Honfleur - Mont Saint Michel quarto giorno: M.S.Michel-Saint Malò-Erquy-Cap Frehel - Dinan quinto giorno: Dinan- Treguier- Costa di Granito Rosa- Lannion sesto giorno: Lannion-Gumiliau-Presqu'ile de Crozon- Locronan settimo giorno: Locronan - Quimper-Pont Aven - Pointe du Raz - Locronan ottavo giorno: Locronan- Douè La Fontaine- Chenonceau - Bourges nono giorno : Bourges -traforo del monte Bianco- Belluno.

METEO: siamo partiti con l'anticiclone stabile sulla Bretagna e il bel tempo ci ha accompagnati per quasi tutto il viaggio, alla faccia di chi ci consigliava, tra il sollecito e l'ironico : ... E non dimenticate gli ombrelli! La temperatura è stata gradevole, anche se mutava più volte nel corso della giornata. Ci siamo persi più volte ad osservare il cielo immenso e in continuo movimento. Le coste erano ventose.

Probabilmente siamo stati molto fortunati.

MAREE: casualmente, il nostro arrivo a M.Saint Michel è coinciso con un' alta marea eccezionale, che abbiamo potuto apprezzare dall'abbazia, dopo aver fatto una lunga camminata dal parcheggio più lontano. Anche in altri luoghi della costa è stato interessante osservare l'escursione delle maree, le barche ritte sulla... Sabbia, le spiagge immense.

STRADE: abbiamo trovato autostrade e strade ottime e scorrevoli; qualche difficoltà con la segnaletica nelle vicinanze di Parigi.

LUOGHI: abbiamo toccato alcuni luoghi "classici" come Rouen, Saint Malò, Quimper ed altri meno importanti, ma non per questo meno suggestivi; ad Etrerat l'affollamento era tale da scoraggiare ogni sosta: a turno siamo scesi dall'auto per dare un'occhiata alle falesie e poi..Via, verso il ponte di Normandia e Honfleur.

Lungo il percorso di avvicinamento ci è molto piaciuta Beaune, vivace e colorata; poi Dinan, che abbiamo percorso in lungo e in largo sia di sera che la mattina dopo, fino al porto sulla Rance. Tra les petites cites du caractere un nome su tutti: Locronan, un paese che si è fermato nel XVIII secolo, uniforme e suggestivo nelle sue case di sassi grigi, dominate da una grande chiesa; quando ci siamo arrivati, verso sera, dalla chiesa si diffondeva un suono di cornamusa che rendeva il tutto ancora più suggestivo. ALBERGHI: abbiamo sperimentato il calore dei logis de France ( delizioso l'hotel Grillon di Beaune) e la funzionale essenzialità degli Ibis, preferendo quelli collocati nei centri e non vicino ai caselli autostradali:nell'Ibis di Bourges, prenotato dall'auto all'ultimo minuto, abbiamo cenato molto bene, con piatti particolari. Abbiamo apprezzato anche l'ospitalità familiare di una tranquilla hostellerie a Locronan ( Bois du Nevet), e la cortesia di Sandrine che ci ha spedito a casa con sollecitudine delle cartoline dimenticate in camera

  • 2546 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social