Francia del nord e non solo

17 luglio 2004 sabato Partiamo da Firenze alle ore due del mattino. Arriviamo a Genova verso le cinque, alle sette siamo già a Torino. Il tunnel del Frejus lo attraversiamo verso le nove e siamo in Francia. La prima tappa ...

  • di graziano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

17 luglio 2004 sabato Partiamo da Firenze alle ore due del mattino. Arriviamo a Genova verso le cinque, alle sette siamo già a Torino. Il tunnel del Frejus lo attraversiamo verso le nove e siamo in Francia.

La prima tappa del nostro viaggio è Chambery, nell’Alta Savoia. Raggiungiamo l’albergo dopo una lunga ricerca, infatti non è proprio nel centro del paese ma vicina alla zona commerciale. Ci sistemiamo in camera e pensiamo di visitare il paese nel pomeriggio.

Chambery è una cittadina di piccole dimensioni: imponente il castello di Casa Savoia con l’annessa Cappella, deliziosa la fontana degli Elefanti nell’omonima piazza e la Cattedrale monumentale: sono situati tutti all’interno della “città vecchia”.

18 luglio 2004 domenica Partiamo da Chambery diretti a Versailles alle sette e trenta, facciamo una sosta verso le dieci e mezzo non lontano da Digione, in Borgogna.

Arriviamo a Versailles verso le quindici. Ci sistemiamo in albergo che è di fronte all’Hotel de la Ville e... Ci catapultiamo nella famosa reggia.

All’ingresso c’è un trenino con il quale si possono raggiungere i vari settori del grande parco. E’ impossibile visitare l’interno della reggia: c’è troppa gente.

Il trenino ci conduce all’estremità del parco, dove scendiamo e visitiamo prima il Petit Trianon e poi il Grand Trianon con il suo immenso giardino fiorito. Decidiamo di compiere il ritorno a piedi e costeggiando le rive del “grand canal”. E’ questo un immenso bacino navigabile; piano piano ammirando fontane, statue e aiole artisticamente composte, giungiamo alla reggia, dove ancora ci attendono numerosi giardini.Usciamo poi per andare a cena; piove, non ci scoraggiamo per nulla, anzi, muniti di ombrello cogliamo insolite immagini della reggia ora illuminata per il sopraggiungere della notte. 19 luglio 2004 lunedì Alle sette lasciamo Versailles con l’intenzione di andare a Fontainebleau.

Dopo vari tentativi, e dopo esser finiti nel quartiere parigino della Defence, decidiamo di dirigerci verso la Normandia.

L’arrivo a Moint St. Michel, verso le quattordici, non crea particolari problemi.

Già in lontananza, spesso confusa tra leggere nebbie, avevamo visto delinearsi in lontananza la sagoma del celebre promontorio, ma vederlo da vicino è... Tutt’altra cosa! Il nostro albergo dista 1800 metri dall’abbazia che raggiungiamo a piedi alle quindici.

Una guida ci accompagna per una visita accurata delle varie sale e ci narra la storia dell’abbazia dalla fondazione (966) fino alla rivoluzione francese e poi fino ai giorni nostri.

Aspettiamo poi l’arrivo della marea che oggi è previsto alle otto.

Puntualmente l’acqua comincia ad arrivare e piano piano tutto si riempie. E’ uno spettacolo talmente affascinante che ci dimentichiamo della cena che facciamo alle dieci e mezzo mentre comincia a piovere.

20 luglio 2004 martedì E’ presto, la mattina che siamo di nuovo a Moint St. Michel.

C’è poca gente a quest’ora a veder la marea mattutina, e, quando arrivano tutti gli altri ce ne andiamo verso la costa normanna.

Presa la macchina, ci avventuriamo verso il nord del paese seguendo la litoranea: verso le tredici siamo in un paese chiamato Granville: ha un porto che più che altro ci sembra di pescatori. Notiamo l’effetto prodotto dalle maree sul territorio. Ci sono tracce di tre o quattro metri di dislivello. Adesso c’è bassa marea. Dopo un lungo pomeriggio di riposo in albergo, siamo di nuovo pronti per vedere Moint St. Michel di notte. Fascinoso! Nel frattempo studiamo il programma per l’indomani: la costa settentrionale della Normandia verso l’Inghilterra

  • 1202 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social