1. Diario di Viaggio Uzbekistan: Sul tappeto volante in Uzbekistan

    di , il 19/7/2009 18:09

    Un cielo blu e un soffio d'aria calda ci accolgono all'uscita dall'aereoporto di Tashkent, chiudiamo gli occhi ed ecco pronto il tappeto volante. I viali alberati lasciano in ombra i marciapiedi di terra battuta.La città risente, negli edifici, nelle piazze grandi dai monumenti massicci dell'eredità sovietica.Piazza dell'Indipendenza è grande e imponente; a spezzare questo rigore sono i becchi delle cicogne di pietra che sporgono da sopra le colonne e osservano oltre dove il parco Navoi lascia le nuvole bianche delle spose camminare tra ...

  2. Luisa Maria
    , 19/7/2009 18:09
    Un cielo blu e un soffio d'aria calda ci accolgono all'uscita dall'aereoporto di Tashkent, chiudiamo gli occhi ed ecco pronto il tappeto volante. I viali alberati lasciano in ombra i marciapiedi di terra battuta.La città risente, negli edifici, nelle piazze grandi dai monumenti massicci dell'eredità sovietica.Piazza dell'Indipendenza è grande e imponente; a spezzare questo rigore sono i becchi delle cicogne di pietra che sporgono da sopra le colonne e osservano oltre dove il parco Navoi lascia le nuvole bianche delle spose camminare tra ...