1. Posta : Sui voli low cost

    di , il 7/12/2009 11:09

    Salve, mi chiamo Raffaele. Ultimamente viaggio spesso con la ben nota compagnia aerea low cost, leader del mercato. Ho letto sugli ultimi numeri della rivista un discreto botta e risposta su chi si dichiara pro e chi contro. Se possibile vorrei esprimere il mio parere, vista l'esperienza. Sono assolutamente d'accordo con chi sostiene che, prima di partire, essere informati non è solo necessario ma indispensabile. Tutte le norme sui bagagli a mano ed in stiva sono assolutamente chiare e leggibili, sono un turista "fai da me", ma non x questo devo fare necessariamente lo sprovveduto. In giro e sui blog vedo e sento cose dell'altro mondo, evviva lo spirito d'avventura ma un pò di raziocinio non guasta! Sono anche d'accordo con voi che qualche volta un pò di semplicità nel descrivere le norme non guasterebbe, non tutti hanno lo stesso grado d'esperienza e/o pignoleria! Per chiudere due cose rapide: più volte mi è capitato di dare una mano, soprattutto all'estero, a gente davvero in difficoltà e spesso molto arrabbiati x situazioni che si erano procurati da soli. Un'altra volta, all'aereoporto di Francoforte- Hann due nostri giovani conterranei si volevano imbarcare con un bagaglio a mano un pò fuori norma, ovvero una chitarra classica. Alla fine sono stati imbarcati lo stesso, anche se potevano essere lasciati a terra tranquillamente e nessun avvocato avrebbe potuto obiettare alcunchè, nemmeno il vostro bravissimo.

    A presto e buon lavoro.

    Raffaele.

  2. steto98
    , 7/12/2009 11:09
    Salve, mi chiamo Raffaele. Ultimamente viaggio spesso con la ben nota compagnia aerea low cost, leader del mercato. Ho letto sugli ultimi numeri della rivista un discreto botta e risposta su chi si dichiara pro e chi contro. Se possibile vorrei esprimere il mio parere, vista l'esperienza. Sono assolutamente d'accordo con chi sostiene che, prima di partire, essere informati non è solo necessario ma indispensabile. Tutte le norme sui bagagli a mano ed in stiva sono assolutamente chiare e leggibili, sono un turista "fai da me", ma non x questo devo fare necessariamente lo sprovveduto. In giro e sui blog vedo e sento cose dell'altro mondo, evviva lo spirito d'avventura ma un pò di raziocinio non guasta! Sono anche d'accordo con voi che qualche volta un pò di semplicità nel descrivere le norme non guasterebbe, non tutti hanno lo stesso grado d'esperienza e/o pignoleria! Per chiudere due cose rapide: più volte mi è capitato di dare una mano, soprattutto all'estero, a gente davvero in difficoltà e spesso molto arrabbiati x situazioni che si erano procurati da soli. Un'altra volta, all'aereoporto di Francoforte- Hann due nostri giovani conterranei si volevano imbarcare con un bagaglio a mano un pò fuori norma, ovvero una chitarra classica. Alla fine sono stati imbarcati lo stesso, anche se potevano essere lasciati a terra tranquillamente e nessun avvocato avrebbe potuto obiettare alcunchè, nemmeno il vostro bravissimo.
    A presto e buon lavoro.
    Raffaele.