1. Posta : Invidia latina

    di , il 15/2/2010 13:50

    Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior. Ovvero: vi invidio. Vi invidio di nero fiele che mi scorre nel sangue ogni volta che penso che non solo siete pagati per andare in vacanza, ma avete anche la possibilità di visitare i luoghi nei modi in cui mai nessun turista potrebbe farlo (mi riferisco agli appoggi locali tramite la rai). Ma vi adoro, teneri e ballonzolanti dalle Svalbaard ai Caraibi come due bomboloni caldi all'alba di una notte brava. Tanta fortuna meglio a due come voi che uno dei tanti catodici imbecilli.

  2. Rita Venturi 1
    , 15/2/2010 13:50
    Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior. Ovvero: vi invidio. Vi invidio di nero fiele che mi scorre nel sangue ogni volta che penso che non solo siete pagati per andare in vacanza, ma avete anche la possibilità di visitare i luoghi nei modi in cui mai nessun turista potrebbe farlo (mi riferisco agli appoggi locali tramite la rai). Ma vi adoro, teneri e ballonzolanti dalle Svalbaard ai Caraibi come due bomboloni caldi all'alba di una notte brava. Tanta fortuna meglio a due come voi che uno dei tanti catodici imbecilli.