1. Posta : Manifestazione a Bologna per la Giustizia e la democrazia il 20 febbraio ore 18, piazza Santo Stefano

    di , il 15/2/2010 13:53

    PER LA GIUSTIZIA PER LA DEMOCRAZIA

    PIAZZA SANTO STEFANO

    20 FEBBRAIO 2002

    ORE 18

    Sotto il motto “Giustizia e Costituzione” si sono riconosciuti gli aderenti al gruppo spontaneo che già l’11 dicembre scorso hanno promosso con successo una manifestazione silenziosa, davanti al Palazzo di Giustizia, per solidarietà alla Magistratura italiana.

    Il gruppo spontaneo rileva con grave preoccupazione la persistente tensione che avvelena i rapporti dell’esecutivo con il potere giudiziario. E ritiene che il potenziale antidemocratico di questa come di altre azioni del governo debba essere fermamente denunciata e contestata.

    Il Gruppo ha perciò aderito all’Appello proposto da docenti dell’Università di Firenze, che qui viene riprodotto:

    Diceva Alexis de Tocqueville che nei paesi democratici le persone non possono fare a meno di un forte potere giudiziario e della libertà istituzionale. Gli avvenimenti degli ultimi giorni suonano come un campanello d'allarme; il rapporto tra potere politico e magistratura è sottoposto a una pericolosa distorsione istituzionale. Mai prima nella storia della Repubblica si sono visti tanti magistrati preoccupati per le sorti dell'autonomia del potere giudiziario. Inoltre tra meno di un mese il Consiglio di Amministrazione della RAI sarà sostituito e il governo Berlusconi prenderà possesso della quasi totalità dei mezzi di informazione. Questi due eventi gravissimi sarebbero da soli sufficienti a giustificare una forte preoccupazione per il futuro della democrazia italiana.

    Ma giustizia e informazione non sono casi isolati. La democrazia si sta rapidamente degradando anche in altri campi. Il razzismo esplicito di almeno una parte della maggioranza è confermato dal disegno di legge sull'immigrazione. L'attacco allo statuto dei lavoratori apre la strada ai licenziamenti facili. L'indebolimento della scuola pubblica minaccia il diritto primario alla conoscenza. Mentre imputati "eccellenti" tentano in ogni modo di evitare i processi, la giustizia sociale viene incrinata e impedita.

    Nello spirito di questo appello e per rendere sempre più esplicita l’attenzione e partecipazione di Bologna ad un momento di forte opposizione democratica, il gruppo di “Giustizia e Costituzione”, invitando fin da ora la cittadinanza a prendervi parte, promuove per il 20 febbraio prossimo, in Piazza Santo Stefano, la manifestazione pubblica PER LA GIUSTIZIA PER LA DEMOCRAZIA.

    A Milano è stata indetta una manifestazione nazionale sulla legalità per il 23 febbraio 2002.

    Per partecipare inviare una e-mail, entro il giorno 19 febbraio, a

    Adesione_manifestazione_milano@yahoo.it

    Indicando nome, cognome, n.telefonico, e se si è interessati ad andare

    In pullman o a dare un passaggio.

  2. Anna Grattarola
    , 15/2/2010 13:53
    PER LA GIUSTIZIA PER LA DEMOCRAZIA
    PIAZZA SANTO STEFANO
    20 FEBBRAIO 2002
    ORE 18
    Sotto il motto “Giustizia e Costituzione” si sono riconosciuti gli aderenti al gruppo spontaneo che già l’11 dicembre scorso hanno promosso con successo una manifestazione silenziosa, davanti al Palazzo di Giustizia, per solidarietà alla Magistratura italiana.
    Il gruppo spontaneo rileva con grave preoccupazione la persistente tensione che avvelena i rapporti dell’esecutivo con il potere giudiziario. E ritiene che il potenziale antidemocratico di questa come di altre azioni del governo debba essere fermamente denunciata e contestata.
    Il Gruppo ha perciò aderito all’Appello proposto da docenti dell’Università di Firenze, che qui viene riprodotto:
    Diceva Alexis de Tocqueville che nei paesi democratici le persone non possono fare a meno di un forte potere giudiziario e della libertà istituzionale. Gli avvenimenti degli ultimi giorni suonano come un campanello d'allarme; il rapporto tra potere politico e magistratura è sottoposto a una pericolosa distorsione istituzionale. Mai prima nella storia della Repubblica si sono visti tanti magistrati preoccupati per le sorti dell'autonomia del potere giudiziario. Inoltre tra meno di un mese il Consiglio di Amministrazione della RAI sarà sostituito e il governo Berlusconi prenderà possesso della quasi totalità dei mezzi di informazione. Questi due eventi gravissimi sarebbero da soli sufficienti a giustificare una forte preoccupazione per il futuro della democrazia italiana.
    Ma giustizia e informazione non sono casi isolati. La democrazia si sta rapidamente degradando anche in altri campi. Il razzismo esplicito di almeno una parte della maggioranza è confermato dal disegno di legge sull'immigrazione. L'attacco allo statuto dei lavoratori apre la strada ai licenziamenti facili. L'indebolimento della scuola pubblica minaccia il diritto primario alla conoscenza. Mentre imputati "eccellenti" tentano in ogni modo di evitare i processi, la giustizia sociale viene incrinata e impedita.
    Nello spirito di questo appello e per rendere sempre più esplicita l’attenzione e partecipazione di Bologna ad un momento di forte opposizione democratica, il gruppo di “Giustizia e Costituzione”, invitando fin da ora la cittadinanza a prendervi parte, promuove per il 20 febbraio prossimo, in Piazza Santo Stefano, la manifestazione pubblica PER LA GIUSTIZIA PER LA DEMOCRAZIA.

    A Milano è stata indetta una manifestazione nazionale sulla legalità per il 23 febbraio 2002.
    Per partecipare inviare una e-mail, entro il giorno 19 febbraio, a
    adesione_manifestazione_milano@yahoo.it
    indicando nome, cognome, n.telefonico, e se si è interessati ad andare
    in pullman o a dare un passaggio.