1. Posta : Lamentele e ringraziamenti

    di , il 15/2/2010 13:56

    Salve, volevo soltanto fare una segnalazione su come noi italiani veniamo trattati all’estero e dei rischi che si possono correre a non capire bene la lingua del paese visitato.

    Il giorno 06.01.2004 mi trovavo in visita a Versailles con la mia autovettura, una Fiat Punto 1.2 16v,(preciso che il giorno dopo sarei dovuto ripartire per l’Italia) quanto purtroppo, non vedendo un paletto di cemento sito nel parcheggio a pagamento di Versailles, lo urtavo con la mia autovettura e rompevo la coppa dell’olio.

    Dopo neanche 5 minuti è arrivato un carro attrezzi chiamato dal custode del parcheggio, il quale dopo aver visionato l’auto e fatto delle telefonate, si faceva pagare in anticipo la corsa (EURO 90,00) e mi diceva che avrebbe portato l’auto da una officina Fiat per la riparazione.

    La corsa è durata 5 minuti, il carro attrezzi della ditta FOURRIERE AUTOMOBILE SARL SEFA mi ha portato dalla prima auto officina che ha incontrato lungo la strada; quest’ultimo non ha neanche voluto far tirare giu’ la mia autovettura dicendo che lui non la riparava (OFFICINA AUTORIZZATA FIAT-LANCIA IN VERSAILLES con tanto di vetture Fiat e Lancia nuove in vetrina) e telefonava ad un’altra autofficina FIAT il GARAGE DE VERSAILLES AGENT OFFICIEL FIAT LANCIA, 18, rue Albert Sarraut, 78000 Versailles per la riparazione della mia auto.

    Dopo tanta delusione finalmente incominciavo a sentirmi piu’ tranquillo perché se mi portavano presso questa officina voleva dire che forse potevano aiutarmi. Arrivati presso questa seconda officina, e sentito che io il giorno dopo dovevo tornare in Italia il proprietario dell’officina ha detto all’autista del carro attrezzi di non scaricare neanche la mia auto in quanto lui non aveva in casa una coppa olio per la mia auto e che quindi non l’avrebbe neanche accolta. Dopo molte insistenze e preghiere riesco a convincerlo a telefonare ad una concessionaria ancora piu’ grossa.Finalmente mi viene detto che i pezzi per riparare la mia auto sono disponibili presso una concessionaria FIAT-LANCIA-ALFA a 10 minuti di strada.

    Rimango a quel punto fermo in strada con la mia auto in panne per altre due ore e finalmente verso le 12,30 arriva un nuovo carro attrezzi per accompagnarmi presso la Novella Automobiles Concessionarie FIAT a Issy les Moulineaux.

    Durante questo secondo tragitto il conducente del carro attrezzi mi assicura di aver telefonato alla Concessionaria e di aver ricevuto garanzie sulla disponibilita’ dei pezzi di ricambio e che il lavoro mi sarebbe stato fatto immediatamente.

    Dopo aver pagato altri 108,00 EURO alla ditta AVANTAGES SERVICES per il trasporto fino alla nuova Concessionaria, aspetto un’altra ora per l’apertura dell’officina.

    Alle ore 13,45 l’officina apre e con mia grande sorpresa scopro che li nessuno era al corrente del mio problema, e che molto probabilmente non avevano neanche i pezzi di ricambio.

    Mi viene presentato il Sig. De Giorgi, l’unica persona che parlava italiano il quale dopo aver visionato l’autovettura per circa un’ora e tranta, alle ore 14.50 mi dice che il danno ammonta ad EURO 600,00 e che loro e nessuna altra concessionaria FIAT a Parigi hanno a disposizione una coppa dell’olio (le carter) e la pompa dell’olio di una FIAT PUNTO!

    Firmo l’impegnativa d’ordine e chiede di fare per favore un ordine urgente, anche se dopo aver ordinato i pezzi di ricambio in Fiat non hanno saputo dirmi se il giorno dopo i mie ricambi sarebbero arrivati.Faccio notare che tale procedura non corrisponde proprio al vero in quanto loro dovrebbero essere in grado di dirmi se il ricambio è disponibile in FIAT, ma mi viene risposto che l’unico computer che emette tali ordini è guasto e che quindi va fatto in modo manuale. Chiedo per favore se mi mettono a disposizione una vettura di cortesia dato che sono lontano da Parigi (dove alloggio) e che non conosco i mezzi pubblici per ritornatici, ma naturalmente sono tutte impegnate.

    Rimaniamo intesi che ci saremmo sentiti il giorno dopo (giorno della mia partenza) alle ore 10,00 per sapere se i pezzi erano arrivati.

    Il giorno dopo chiamo alle ore 10,00 e il Sig. De Giorgi mi riferisce che era arrivata la pompa dell’olio, ma non la coppa e che per questo ricambio, non presente in FIAT, forse ci andavano 3 o 4 giorni, non si sapeva. A questo punto in preda alla disperazione chiede se è possibile parlare con il titolare, certo sig. GALANT, il quale ovviamente si fa negare, o in alternativa il Capo Officina sig.FINOT, non disponibile neanche lui, perché volevo parlare con qualcuno che avesse un certo potere decisionale per far si’ che il problema venisse risolto, ero stufo di sentirmi dire “forse, non si sa, 3 o 4 giorni non so…”

    A questo punto ho deciso di recarmi presso il Consolato Italiano di Parigi, nella speranza che almeno li qualcuno mi avrebbe ascoltato.

    Al Consolato ho parlato con la Sig.ra Marina SBORDONI (stanza n. 28 Affari sociali) che molto gentilmente ha preso contatto con un dirigente FIATA CHE LAVORA in Francia, il Sig. Fridella. Il sig. Fridella, dopo aver manifestato evidente sgomento per il trattamento da me ricevuto, ha promesso il suo interessamento immediato.

    Alle ore 14,00 circa vengo a sapere, sempre dal Sig. Fridella, che la mia autovettura sarebbe stata pronta verso le ore 16,00-17,00 di quello stesso giorno.

    Alle ore 17,00 mi reco insieme ai miei amici presso la Concessionaria che ha in riparazione la mia vettura e li scopro:

    - la coppa dell’olio era riparabile e quindi non è stata sostituita

    - la pompa dell’olio non era danneggiata da sostituirla, mna soltanto un piccolo filtro all’interno della stessa.

    Alle ore 18,00 circa finalmente mi viene consegnata la mia vettura, (con una spesa di EURO 348,00) e vengo rassicurato sul lavoro svolto.

    Prima di lasciare la Concessionaria per puro scrupolo decido di alzare il cofano della mia autovettura, e li scopro che un meccanica aveva semplicemente dimenticato appoggiato sul motore un cacciavite, ed inoltre non era stata rimessa al suo posto una fascetta metallica che stringe il corpo del filtro dell’aria.

    Pazienza, l’importante per me era poter ripartire versa casa, ma appena ho fatto 10 metri mi sono accorto che quando giravo il volante da sotto il motore si sentiva un rumore di sfregamento contro la ruota. Rientro in officina e dopo altri 40 minuti e l’intervento di altri 3 m3ccanici, finalmente posso ripartire verso casa, lasciandomi alle spalle uno stato che mai riavrà la mia simpatia: la Francia.

    Trovo veramente assurdo quanto mi è capitato, a partire dai primi soccorsi ricevuti al vergognoso trattamento della Concessionaria NOVELLA AUTOMOBILES 41-45 QUOI DU PRESIDENT ROOSEVELT 92445 ISSY-LES-MOULINEAUX, il non interessarsi presso altre concessionarie per sapere se avevano a disposizione il ricambio necessario, il non farmi mai parlare con una persona avente poteri decisionali, l’incertezza sul tempo per la riparazione, ed in ultimo il fatto che se non interveniva il consolato Italiano (con mio grande ringraziamento alla sig.ra Sbordoni) ed il Sig. Fridella (dirigente FIAT in Francia) io non solo non sarei partito in tempo, ma avrei anche speso piu’ del doppio, a questo punto io vorrei sapere se è possibile intraprendere una qualche strada legale o a chi mi posso rivolgere per un eventuale risarcimento, e chiedo a Voi responsabili della FIAT AUTO SPA di controllare meglio il “Nostro” marchio all’estero, per evitare che un cliente Fiat che si rivolge ad una rete ufficiale venga trattato come se fosse un imbecille.

    BERTOLOTTO PAOLO

  2. Paolo Bertolotto
    , 15/2/2010 13:56
    Salve, volevo soltanto fare una segnalazione su come noi italiani veniamo trattati all’estero e dei rischi che si possono correre a non capire bene la lingua del paese visitato.
    Il giorno 06.01.2004 mi trovavo in visita a Versailles con la mia autovettura, una Fiat Punto 1.2 16v,(preciso che il giorno dopo sarei dovuto ripartire per l’Italia) quanto purtroppo, non vedendo un paletto di cemento sito nel parcheggio a pagamento di Versailles, lo urtavo con la mia autovettura e rompevo la coppa dell’olio.
    Dopo neanche 5 minuti è arrivato un carro attrezzi chiamato dal custode del parcheggio, il quale dopo aver visionato l’auto e fatto delle telefonate, si faceva pagare in anticipo la corsa (EURO 90,00) e mi diceva che avrebbe portato l’auto da una officina Fiat per la riparazione.
    La corsa è durata 5 minuti, il carro attrezzi della ditta FOURRIERE AUTOMOBILE SARL SEFA mi ha portato dalla prima auto officina che ha incontrato lungo la strada; quest’ultimo non ha neanche voluto far tirare giu’ la mia autovettura dicendo che lui non la riparava (OFFICINA AUTORIZZATA FIAT-LANCIA IN VERSAILLES con tanto di vetture Fiat e Lancia nuove in vetrina) e telefonava ad un’altra autofficina FIAT il GARAGE DE VERSAILLES AGENT OFFICIEL FIAT LANCIA, 18, rue Albert Sarraut, 78000 Versailles per la riparazione della mia auto.
    Dopo tanta delusione finalmente incominciavo a sentirmi piu’ tranquillo perché se mi portavano presso questa officina voleva dire che forse potevano aiutarmi. Arrivati presso questa seconda officina, e sentito che io il giorno dopo dovevo tornare in Italia il proprietario dell’officina ha detto all’autista del carro attrezzi di non scaricare neanche la mia auto in quanto lui non aveva in casa una coppa olio per la mia auto e che quindi non l’avrebbe neanche accolta. Dopo molte insistenze e preghiere riesco a convincerlo a telefonare ad una concessionaria ancora piu’ grossa.Finalmente mi viene detto che i pezzi per riparare la mia auto sono disponibili presso una concessionaria FIAT-LANCIA-ALFA a 10 minuti di strada.
    Rimango a quel punto fermo in strada con la mia auto in panne per altre due ore e finalmente verso le 12,30 arriva un nuovo carro attrezzi per accompagnarmi presso la Novella Automobiles Concessionarie FIAT a Issy les Moulineaux.
    Durante questo secondo tragitto il conducente del carro attrezzi mi assicura di aver telefonato alla Concessionaria e di aver ricevuto garanzie sulla disponibilita’ dei pezzi di ricambio e che il lavoro mi sarebbe stato fatto immediatamente.
    Dopo aver pagato altri 108,00 EURO alla ditta AVANTAGES SERVICES per il trasporto fino alla nuova Concessionaria, aspetto un’altra ora per l’apertura dell’officina.
    Alle ore 13,45 l’officina apre e con mia grande sorpresa scopro che li nessuno era al corrente del mio problema, e che molto probabilmente non avevano neanche i pezzi di ricambio.
    Mi viene presentato il Sig. De Giorgi, l’unica persona che parlava italiano il quale dopo aver visionato l’autovettura per circa un’ora e tranta, alle ore 14.50 mi dice che il danno ammonta ad EURO 600,00 e che loro e nessuna altra concessionaria FIAT a Parigi hanno a disposizione una coppa dell’olio (le carter) e la pompa dell’olio di una FIAT PUNTO!
    Firmo l’impegnativa d’ordine e chiede di fare per favore un ordine urgente, anche se dopo aver ordinato i pezzi di ricambio in Fiat non hanno saputo dirmi se il giorno dopo i mie ricambi sarebbero arrivati.Faccio notare che tale procedura non corrisponde proprio al vero in quanto loro dovrebbero essere in grado di dirmi se il ricambio è disponibile in FIAT, ma mi viene risposto che l’unico computer che emette tali ordini è guasto e che quindi va fatto in modo manuale. Chiedo per favore se mi mettono a disposizione una vettura di cortesia dato che sono lontano da Parigi (dove alloggio) e che non conosco i mezzi pubblici per ritornatici, ma naturalmente sono tutte impegnate.
    Rimaniamo intesi che ci saremmo sentiti il giorno dopo (giorno della mia partenza) alle ore 10,00 per sapere se i pezzi erano arrivati.
    Il giorno dopo chiamo alle ore 10,00 e il Sig. De Giorgi mi riferisce che era arrivata la pompa dell’olio, ma non la coppa e che per questo ricambio, non presente in FIAT, forse ci andavano 3 o 4 giorni, non si sapeva. A questo punto in preda alla disperazione chiede se è possibile parlare con il titolare, certo sig. GALANT, il quale ovviamente si fa negare, o in alternativa il Capo Officina sig.FINOT, non disponibile neanche lui, perché volevo parlare con qualcuno che avesse un certo potere decisionale per far si’ che il problema venisse risolto, ero stufo di sentirmi dire “forse, non si sa, 3 o 4 giorni non so…”
    A questo punto ho deciso di recarmi presso il Consolato Italiano di Parigi, nella speranza che almeno li qualcuno mi avrebbe ascoltato.
    Al Consolato ho parlato con la Sig.ra Marina SBORDONI (stanza n. 28 Affari sociali) che molto gentilmente ha preso contatto con un dirigente FIATA CHE LAVORA in Francia, il Sig. Fridella. Il sig. Fridella, dopo aver manifestato evidente sgomento per il trattamento da me ricevuto, ha promesso il suo interessamento immediato.
    Alle ore 14,00 circa vengo a sapere, sempre dal Sig. Fridella, che la mia autovettura sarebbe stata pronta verso le ore 16,00-17,00 di quello stesso giorno.
    Alle ore 17,00 mi reco insieme ai miei amici presso la Concessionaria che ha in riparazione la mia vettura e li scopro:
    - la coppa dell’olio era riparabile e quindi non è stata sostituita
    - la pompa dell’olio non era danneggiata da sostituirla, mna soltanto un piccolo filtro all’interno della stessa.
    Alle ore 18,00 circa finalmente mi viene consegnata la mia vettura, (con una spesa di EURO 348,00) e vengo rassicurato sul lavoro svolto.
    Prima di lasciare la Concessionaria per puro scrupolo decido di alzare il cofano della mia autovettura, e li scopro che un meccanica aveva semplicemente dimenticato appoggiato sul motore un cacciavite, ed inoltre non era stata rimessa al suo posto una fascetta metallica che stringe il corpo del filtro dell’aria.
    Pazienza, l’importante per me era poter ripartire versa casa, ma appena ho fatto 10 metri mi sono accorto che quando giravo il volante da sotto il motore si sentiva un rumore di sfregamento contro la ruota. Rientro in officina e dopo altri 40 minuti e l’intervento di altri 3 m3ccanici, finalmente posso ripartire verso casa, lasciandomi alle spalle uno stato che mai riavrà la mia simpatia: la Francia.
    Trovo veramente assurdo quanto mi è capitato, a partire dai primi soccorsi ricevuti al vergognoso trattamento della Concessionaria NOVELLA AUTOMOBILES 41-45 QUOI DU PRESIDENT ROOSEVELT 92445 ISSY-LES-MOULINEAUX, il non interessarsi presso altre concessionarie per sapere se avevano a disposizione il ricambio necessario, il non farmi mai parlare con una persona avente poteri decisionali, l’incertezza sul tempo per la riparazione, ed in ultimo il fatto che se non interveniva il consolato Italiano (con mio grande ringraziamento alla sig.ra Sbordoni) ed il Sig. Fridella (dirigente FIAT in Francia) io non solo non sarei partito in tempo, ma avrei anche speso piu’ del doppio, a questo punto io vorrei sapere se è possibile intraprendere una qualche strada legale o a chi mi posso rivolgere per un eventuale risarcimento, e chiedo a Voi responsabili della FIAT AUTO SPA di controllare meglio il “Nostro” marchio all’estero, per evitare che un cliente Fiat che si rivolge ad una rete ufficiale venga trattato come se fosse un imbecille.
    BERTOLOTTO PAOLO