1. Posta : Playa del Carmen dopo Wilma

    di , il 15/2/2010 13:58

    Buongiorno,

    Vi scrivo da Playa del Carmen dove vivo e... Sopravvivo dopo l'uragano Wilma. La zona e' stata fortemente colpita ma con grandi distinzioni: l'informazione, invece, a livello mondiale, ha preferito descrivere questa meravigliosa parte del Messico come un unico territorio bombardato.

    A Playa del Carmen lavorano ca 3000 italiani, la maggior parte in attivita' proprie costruite con entusiasmo e risparmi, lato a lato con un gran numero di nuovi cittadini dello stesso Paese e di altre 47 differenti nazioni, che tutti insieme hanno creato un simpatico ambiente variopinto affacciato sul Mar dei Caraibi e strategico per le escursioni al Mondo Maya e alle numerose Riserve naturali. Non ha nessun fondamento parlarne al passato, mentre e' opportuno riconoscere che la zona alberghiera di Cancun, Isla Mujeres, Isla Holbox e Cozumel faticheranno diversi mesi per restituire servizi e immagini anteriori all'evento metereologico piu' forte della storia, in questa zona. Il turista che volesse raggiungere Playa del Carmen per godere delle bianche spiagge, della vita notturna, di comode sistemazioni - spaziando fino a Tulum, al Chiapas, o al Belize in poche ore - troverebbe una citta' ordinatissima con i servizi al 100% e gente sorridente. Ma oggi potrebbe addirittura spendere meno in vacanza che restando a casa accendendo il riscaldamento: Eurofly, Iberia, LaudaAir (dal 12/11) e Blue Panorama offrono voli a/r da Roma e Milano a partire da 400 euro tasse comprese su Cancun, e gli alberghi del centro sono aperti a prezzi scontati (circa 25 dollari con colazione, la stanza doppia), aspettando i rincari di Dicembre quando migliaia di giovani affolleranno Playa per le feste di fine anno, e fino a Marzo.

    Vi prego di partecipare ad un'informazione corretta, Vi invito in qualsiasi momento a visitarci, Vi offro la mia collaborazione con molto piacere: VI ringrazio, sin d'ora, per la Vs attenzione, un saluto cordiale.

    Andrea

  2. Andrea Lotito
    , 15/2/2010 13:58
    Buongiorno,
    Vi scrivo da Playa del Carmen dove vivo e... Sopravvivo dopo l'uragano Wilma. La zona e' stata fortemente colpita ma con grandi distinzioni: l'informazione, invece, a livello mondiale, ha preferito descrivere questa meravigliosa parte del Messico come un unico territorio bombardato.
    A Playa del Carmen lavorano ca 3000 italiani, la maggior parte in attivita' proprie costruite con entusiasmo e risparmi, lato a lato con un gran numero di nuovi cittadini dello stesso Paese e di altre 47 differenti nazioni, che tutti insieme hanno creato un simpatico ambiente variopinto affacciato sul Mar dei Caraibi e strategico per le escursioni al Mondo Maya e alle numerose Riserve naturali. Non ha nessun fondamento parlarne al passato, mentre e' opportuno riconoscere che la zona alberghiera di Cancun, Isla Mujeres, Isla Holbox e Cozumel faticheranno diversi mesi per restituire servizi e immagini anteriori all'evento metereologico piu' forte della storia, in questa zona. Il turista che volesse raggiungere Playa del Carmen per godere delle bianche spiagge, della vita notturna, di comode sistemazioni - spaziando fino a Tulum, al Chiapas, o al Belize in poche ore - troverebbe una citta' ordinatissima con i servizi al 100% e gente sorridente. Ma oggi potrebbe addirittura spendere meno in vacanza che restando a casa accendendo il riscaldamento: Eurofly, Iberia, LaudaAir (dal 12/11) e Blue Panorama offrono voli a/r da Roma e Milano a partire da 400 euro tasse comprese su Cancun, e gli alberghi del centro sono aperti a prezzi scontati (circa 25 dollari con colazione, la stanza doppia), aspettando i rincari di Dicembre quando migliaia di giovani affolleranno Playa per le feste di fine anno, e fino a Marzo.
    Vi prego di partecipare ad un'informazione corretta, Vi invito in qualsiasi momento a visitarci, Vi offro la mia collaborazione con molto piacere: VI ringrazio, sin d'ora, per la Vs attenzione, un saluto cordiale.
    Andrea