1. Posta : Consiglio: Brasile

    di , il 15/2/2010 14:02

    E adesso tocca a me……!!!!!!!!!

    Turista per caso in Brasile nel tanto lontano dicembre 2007.

    Durante un viaggio di venti giorni in giro per il Brasile con in mente delle tappe : Rio de Janerio, Belem , Manaus….rio delle Amazzoni…..Iguacù…..mi sono sentita veramente una turista per caso all’isola di Algoodoal. Voi l’avete mai sentita io ….prima di allora no! Né mi è stata mai proposta da agenzie,riviste,amici….ci sono arrivata veramente per caso ed ho capito andandoci che la sua vera,profonda bellezza naturale è proprio perché è per di più sconosciuta .

    Ero diretta a Manaus per immergermi nell’amazzonia ed ero ospita da amici a Belem che tra l’altro è una citta deliziosa con un lungo fiume modernissimo ed un mercato del pesce strepitoso,ed ecco che Paolo italiano residente da dieci anni a Belem a tavola mi racconta e mi suggerisce come imperdibile la sua ultima avventura: partire dalla stazione alle 5 di mattina (unico orario) direzione Madura per poi con un Toc-Toc traghetto locale,raggiungere attraversando il fiume l’isola di Algoodoal.

    Quello che ho scoperto sul posto è incredibile! Scesa dal Toc-Toc nel nulla c’è un porticciolo di tre case e lì aspettavano bambini su dei carretti trainati da muli ,pronti per pochi spicci a portare i rari turisti in un paradiso. Si! Oltre un inesistente paesino dopo un ruscello a galoppo si arriva in una spiaggia bianca,infinita.

    Qui qualche casa di legno,due alberghetti e la posada dove mi sono fermata.

    La posada è come un mini alberghetto di quattro stanze ,solo da quattro anni ha la luce elettrica. Tutta in legno come le poche case intorno,una veranda fronte mare e la possibilità di sentirsi in paradiso

    E’ veramente un paradiso, sembra di sparire nella natura. Uniche presenze i carretti portati da bambini ,il mare che va che viene con le sue alte bassa maree che accompagnano la giornata.

    Attenzione a fare il bagno,solo se non avete paura dei delfini! Perché per me tuffarmi in acqua dove aspettano delfini per giocare è stato impossibile!!

  2. Dolly Carli
    , 15/2/2010 14:02
    E adesso tocca a me……!!!!!!!!!
    Turista per caso in Brasile nel tanto lontano dicembre 2007.
    Durante un viaggio di venti giorni in giro per il Brasile con in mente delle tappe : Rio de Janerio, Belem , Manaus….rio delle Amazzoni…..Iguacù…..mi sono sentita veramente una turista per caso all’isola di Algoodoal. Voi l’avete mai sentita io ….prima di allora no! Né mi è stata mai proposta da agenzie,riviste,amici….ci sono arrivata veramente per caso ed ho capito andandoci che la sua vera,profonda bellezza naturale è proprio perché è per di più sconosciuta .
    Ero diretta a Manaus per immergermi nell’amazzonia ed ero ospita da amici a Belem che tra l’altro è una citta deliziosa con un lungo fiume modernissimo ed un mercato del pesce strepitoso,ed ecco che Paolo italiano residente da dieci anni a Belem a tavola mi racconta e mi suggerisce come imperdibile la sua ultima avventura: partire dalla stazione alle 5 di mattina (unico orario) direzione Madura per poi con un Toc-Toc traghetto locale,raggiungere attraversando il fiume l’isola di Algoodoal.
    Quello che ho scoperto sul posto è incredibile! Scesa dal Toc-Toc nel nulla c’è un porticciolo di tre case e lì aspettavano bambini su dei carretti trainati da muli ,pronti per pochi spicci a portare i rari turisti in un paradiso. Si! Oltre un inesistente paesino dopo un ruscello a galoppo si arriva in una spiaggia bianca,infinita.
    Qui qualche casa di legno,due alberghetti e la posada dove mi sono fermata.
    La posada è come un mini alberghetto di quattro stanze ,solo da quattro anni ha la luce elettrica. Tutta in legno come le poche case intorno,una veranda fronte mare e la possibilità di sentirsi in paradiso
    E’ veramente un paradiso, sembra di sparire nella natura. Uniche presenze i carretti portati da bambini ,il mare che va che viene con le sue alte bassa maree che accompagnano la giornata.
    Attenzione a fare il bagno,solo se non avete paura dei delfini! Perché per me tuffarmi in acqua dove aspettano delfini per giocare è stato impossibile!!