1. Lo stesso viaggio visto da Lei e da Lui

    di , il 19/11/2008 16:33

    Dice Syusy:

    "C'è una bella differenza fra lo sguardo maschile e quello femminile, anzi: c'è una differenza bella, e come tale va esaltata, non appianata. Le opinioni vanno aggiunte, non sovrapposte. Non mi importa che Lui veda come Lei, o viceversa, ma che Lui si accorga, riconosca e accetti che Lei vede le cose in modo diverso. E viceversa."

    Viaggiare in coppia è un continuo confronto, non solo strettamente personale tra "la Lei" e "il Lui" in questione, ma... Di genere!

    In questo forum parliamo della diversa sensibilità al viaggio declinata al maschile e al femminile e degli stereotipi da sfatare o da confermare.

    Raccontaci le tue esperienze di viaggio in coppia: compromessi, differenze di approccio, di opinioni e di interessi, punti di incontro e - perché no - di scontro...

  2. Seppyefrago
    , 3/12/2008 14:33
    Come ti capisco...siamo sulla stessa barca io e te!!!
  3. Kia81
    , 2/12/2008 13:40
    ah ah ah!!
    anche a me succede così...anzi peggio...magari io continuo a parlare e parlare...poi mi volto ....e non c'è!!!
    mi prenderanno per pazza...
  4. Seppyefrago
    , 2/12/2008 13:01
    Si anche noi abbiamo gli stessi gusti...ci piace viaggiare e ci piace visitare gli stessi posti...il problema dei mercatini credo sia proprio una caratteristica di tutti gli uomini, anche a mio marito non piace molto girarli...lui dà una breve occhiata e se ne va...invece a noi donne piace curiosare...spulciare...osservare...ecc. Non mi potro' mai scordare una volta a Formentera...c'era il mercatino sul lungomare: iniziamo dalla prima bancarella...tempo 1 minuto alzo gli occhi e mio marito era sparito...era già arrivato alla 4° bancarella!!! Mi ci sono fatta una risata!! E poi si lamentano che non vedono le cose e si arrabbiano se poi li prendiamo in giro dicendo che loro guardano ma in realtà non hanno visto niente!!! Che pazienza....
  5. Kia81
    , 1/12/2008 22:58
    Wow Seppyefrago, che idea carina!!non ci ho mai pensato!
    Cmq personalmente, con il mio maritino mi trovo in quasi perfetta sintonia...quando viaggiamo ci piacciono le stesse cose e abbiamo gli stessi ritmi...esempio...ci piace svegliarci presto per sfruttare al massimo tutta la giornata, ci piace visitare sia i monumenti/chiese/musei più famosi di una città, ma anche "perdersi" e scoprire quartieri più o meno sconosciuti, andare nei mercati, mischiarsi alla gente del posto...assaggiare la cucina locale ecc...
    e magari dopo i primi giorni intensi in cui cerchiamo di girare il più possibile passiamo gli ultimi giorni godendoci di più il luogo in cui siamo.
    Le differenze sono minime...ad esempio io come molte donne amo girare per negozi e mercatini...oltre che per visitarli anche per comprare...mio marito eviterebbe volentieri...e poi io amo fissare subito i miei ricordi sia su carta che con la macchina fotografica, mentre lui si gode di più il momento...
  6. Seppyefrago
    , 29/11/2008 12:40
    Il nostro diario del viaggio di nozze fatto nel sud est asiatico ne è una prova...per ogni giorno di viaggio abbiamo messo sia i miei che i commenti di mio marito...in modo che ognuno a modo suo potesse dire la sua!! E' stato carino scoprire cosa è rimasto piu' impresso di un' intera giornata sia ad uno che all'altra!!
  7. Matusca
    , 27/11/2008 12:45
    Riguardo a fare le cose con gli uomoni e non contro di loro: dipende dagli uomini.
  8. Matusca
    , 27/11/2008 12:24
    E non sono d'accordo con S sui mercatini, perché amo fare shopping, normalmente trovo che sia una cosa noiosissima.
  9. Matusca
    , 27/11/2008 12:21
    Ho letto ora il resoconto di viaggio di Syusi e Patrizio. Non mi sembra che le divergenze siano dovute al sesso. Per esempio concordo pienamente con S. che i mercatini in certi paesi non sono solo mercatini ma un'occasione per conoscere aspetti culturali importanti di un paese. Ma sono d'accordo con P. circa l'India. Mai avuto tentazioni mistiche e tanto meno ispirate all'oriente, dove ci sono disparitá sociali enormi ed il misticismo, lo spiritualismo serve da oppiaceo (o é usato cosí da chi sta in alto). Quando amici tornavano entusiasti della spiritualitá che vedevano negli occhi dei poveri avrei giurato che era languore da fame.
  10. Matusca
    , 27/11/2008 12:05
    Credo che oltre ai sentimenti ci voglia qualcosa di piú, come dicevo: un approccio verso la realtá che sia simile, interessi culturali, sociali ed anche politici in comune. All'interno di questi poi ci possono essere differenze ma quando ti riconosci nell'altro nelle cose fondamentali il viaggio riesce (e questo vale anche viaggiando con amici). Per esempio, a volte mi scocciavo non poco perché Miguel quando attaccava bottone con qualche indio sperduto in qualche luogo dell'Honduras o del Guatemala, non la finiva piú, ma allo stesso tempo ero contenta perché mi pareva (e mi pare) che fosse interessante conoscere un paese anche attraverso le persone (tutte: indios, bianchi, ricchi e poveri) e gli ero grata perché a lui riusciva meglio che a me: si sente che non sono latinoamericama mentre con lui si aprivano di piú. Al di lá di tutto ho constatato che i latinoamericano si riconoscono tra loro e sentono l'affinitá.
  11. DIDIADRY
    , 26/11/2008 20:52
    Off Topic = fuori tema
  12. Matusca
    , 26/11/2008 20:48
    ci guarderó, non tanto per usarli (nell'uso della comunicazione sono un po' rigida) quanto almeno per interpretarli. Ma, cosa significa OT?
  13. DIDIADRY
    , 26/11/2008 20:20
    sono un po' fuori OT, ma guarda qui:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Emoticon#Principali_emoticon

    ciao Matusca!
  14. Matusca
    , 26/11/2008 20:06
    Grazie per l'informazione, non so assolutamente interpretare i segni in uso.
  15. DIDIADRY
    , 26/11/2008 19:33
    è un sorriso
  16. Matusca
    , 26/11/2008 18:02
    Che significa codesto segno? Scusa ma io appartengo a una generazione che usava parole non segni