1. Oslo, Norvegia

    di , il 2/7/2007 16:46

    La Guida per Caso di quest'area è: Adriana (Didiadry)

  2. DIDIADRY
    , 9/10/2015 12:51
    Ciao blessmanu,
    come già ho scritto Nordkapp o Capo Nord non so perchè è considerato deludente ... certo se cerchi un luogo con negozi lì non c'è ... è una rupe protesa sul Mare del Nord è una meta che ha più un sapore di leggenda ... chi arriva fin lì dopo può dire di eserci stata .. a volte c'è la nebbia.. a volte il sole ... ed è anche molto bello il paesaggio prima di arrivare ... non so cosa cerchi tu con Capo Nord...
    per tutte le altre info ci risentiamo più tardi.
    Ciao! :)
    Adriana
  3. blessmanu
    , 9/10/2015 10:26
    ciao brava non sono mai stata in Norvegia e non solo, sono anche ignorante in merito.

    non possiedo nessuna conoscenza in merito, quindi quali luoghi potrei visitare (oltre oslo e berger)??l'unica meta che ha portato ad interessarmi della Norvegia, è il mio sogno di adolescente: capo nord.

    da quanto ho capito è un po' deludente.

    mi potresti fare un esempio di itinerario??

    fammi capire bene anche per visitare i fiordi mi consigli i messi pubblici??

    per quanto riguarda il pernottamento, esistono dei siti, oltre booking, più mirati, dove si possono trovare b&b più vantaggiosi. per esempio: in francia ci sono queste "chambre d'hotes" molto conveniente.

    esiste in Norvegia una cosa simile???

    grazie mille per la disponibilità
  4. DIDIADRY
    , 8/10/2015 23:29
    Ciao blessmanu,
    il percorso in auto dall'Italia è piuttosto lungo, qualche post qui sotto c'è il diario di viaggio di Giovanni che è partito da Napoli, durata del viaggio un mese ... e moltissimi km...
    Voli economici: Ryanair, SAS (vende anche voli scontati, iscriviti alla news letter), Norvegian ..
    Se non hai mai visto la Norvegia potresti arrivare con un volo Ryanair a OSLO poi con il treno andare a BERGEN e quindi vedere i fiordi vicini ... oppure noleggiare un'auto (in Norvegia costa però piuttosto caro il noleggio) e da Bergen percorrere un tratto nei fiordi e montagne vicine ...
    Se hai tempo leggi i post precedenti ci sono molte informazioni utili.
    Sempre per un viaggio low cost anche le ferrovie norvegesi vendono biglietti scontati, i minipris, importante è acquistarli in anticipo.
    Ciao!
    A risentirci! :)
    Adriana
  5. DIDIADRY
    , 8/10/2015 23:23
    Ciao Simona,
    non ci dovrebbero essere problemi per trovare una camera neglio otel ma ti consiglio di verificare il giorno precedente in modo di avere un elenco di strutture possibili ... seguendo il percorso puoi impostare due o tre alternative di sosta e quindi cercare le strutture facendo una prenotazione di prova ... così sai anche il costo del soggiorno.
    Percorribilità strade: ottobre/novembre non sono ancora mesi di forti nevicate ma la neve è possibile anche nei passi zona Geiranger e anche Sognefjellet (c'è il passo montano più alto)
    che è chiusa in inverno e quindi anche la Trollstigen nell tratto Langevatnet-Geiranger viene chiuso a novembre e riaperto a
    maggio, la Geiranger-Trollstigen normalmente è chiusa da ottobre a
    maggio. La date di riapertura vengono stabilite in base alla quantità di
    neve sulle montagne....
    consulta anche questo link di webcamera:
    http://www.vegvesen.no/Trafikkinformasjon/Reiseinformasjon/Trafikkmeldinger/Webkamera
    domani verifico se c'è un link di percorribilità strade.
    Traghetti: viaggiano sempre e non credo che devi aspettare molto ... la cadenza dei viaggi dipende dalla tratta da percorrere ... se mi dici quale ti interessa posso verificare ...
    Aurora Boreale: l'anno scorso si è vista addirittura anche a Bergen ... dal 21 settembre è possibile vederla ... oltre il circolo polare artico le probabilità aumentano ma si può vedere in ogni parte della Norvegia ..
    Ciao!
    Adriana
  6. DIDIADRY
    , 8/10/2015 21:00
    Ciao Simona,
    Ciao blessmanu,
    vi rispondo entro questa sera ...
    a dopo :)
    Adriana
  7. blessmanu
    , 8/10/2015 16:04
    ciao io e il mio ragazzo siamo soliti iniziare a pensare fin da ottobre al viaggio che faremo la prossima estate! il periodo in cui possiamo partire è sempre dal 13 agosto al 27 agosto.

    avevamo pensato di andare in Norvegia ma non sappiamo ne quali tappe scegliere e ne dove guardare per prenotazioni low cost.

    ci potete dare dei consigli???

    di solito partiamo in auto però credo che sia sconsigliato visto la distanza.
  8. tessoro81
    , 8/10/2015 14:35
    Ciao Adriana! Tra 8 giorni si parte finalmente, il nostro viaggio lo abbiamo pensato così:Giovedì: arrivo, pomeriggio e serata ad Oslo
    Venerdì: Oslo, Myrdal, Flam in treno
    Flam, Gudvangen in battello
    Gudvangen, Bergen in bus
    Ho prenotato sia il treno che il bus.
    Sabato: mattina visita a Bergen, nel pomeriggio noleggio auto e partenza per Gaupne. Siccome dipenderà dal tempo, sia atmosferico che di percorrenza, non ho prenotato per il pernottamento, si trovano alberghi all'ultimo minuto o è meglio prenotare in anticipo?
    Domenica: Gaupne - Lom - Geiranger - Andalsnes - Molde
    Domanda: le strade sono ancora tutte aperte nei tratti che vorremmo percorrere (Sognefjellet eTrollstigen)?
    Lunedì: Molde - Atlantic Road - Namsos
    Martedì: Namsos - Kystriksveien - nord fino a dove ci sarà possibile ( Mo i Rana o Bodo)
    Da mercoledì inizia il rientro verso Bergen.
    Per quanto riguarda i traghetti da prendere per attraversare ad esempio un fiordo, ogni quanto tempo ci sono? E fino a che ora la sera? Si perde tanto tempo? Sarà possibile vedere l'aurora boreale o siamo troppo a sud? Grazie e scusa le mille domande.
  9. DIDIADRY
    , 4/10/2015 14:33
    Oslo Fjord


    P.S.: Ciao Giovanni ... quando puoi raccontaci la IV parte del tuo lungo viaggio Napoli - Norvegia a/r.
  10. DIDIADRY
    , 3/10/2015 14:13
    OSLO Stortinget, il Parlamento
    ci sono tour guidati gratuiti, in inglese, in bassa stagione solo il sabato, nel link le info utili:
    http://www.visitoslo.com/it/eventi/eventi/?TLp=183188&Guided-tour-of-the-Parliament-building-Eng-&startDate=1443823200000&startTime=10.00
  11. DIDIADRY
    , 30/9/2015 11:49
    :-) immagino il tuo tormento Giovanni ... era solo una precisazione Bergen ...
    Poi tutto il resto è ovviamente e giustamente una sensazione personale, per fortuna non si è tutti uguali ...
    Buona giornata!
    Adriana
  12. Giovanni62
    , 30/9/2015 11:02
    beh il dire berger e non bergen mi ha tormentato tutto il viaggio.Evidentemente la mia mente lo ha registarto così....
    Quello che uno si aspetta e del tutto soggettivo il piacere o non piacere va valutato singolarmente.La mia è solo la mia considerazione fermo restando che il fascino del "traguardo" raggiunto è immutato.
  13. DIDIADRY
    , 30/9/2015 10:54
    Ciao Giovanni,
    .. in attesa di leggere la IV parte del tuo/vostro lungo viaggio ripeto quello che già avevo detto prima: non so cosa ti aspettavi da NordKapp, è solo una falesia con centro visitatori e in realtà non è neanche il punto più a nord del continente europeo isole comprese ... è il promontorio di Knivskjellodden che è sporgente circa 1500 metri oltre Nordkapp situato sempre sull'isola di Mageroya .... il punto più a nord dell'Europa Continentale invece (senza le isole) è a pochi metri da Capo Nord, Capo Nordkinn...
    Bergen (non Berger)
    anche se è a sud del Circolo polare Artico ha i vantaggi del Sole di mezzanotte e in misura minore anche Oslo.
    Siete andati all'ICE BAR di Honnigsvag?
    Alta
    ha un importante museo di Incisioni rupestri antiche di 5000 anni ...
  14. Giovanni62
    , 29/9/2015 16:18
    III parte.

    Dopo 4 gg. a Berger abbiamo ripreso la ns. avventura. Prossima tappa Geirangerfjord. Un fiordo unico per la sua bellezza e direi per la sua maestosità; non per niente è inserito nella lista dei siti Patrimoni dell’Unesco.
    Possenti ed enormi cascate sono ai lati di questo fiordo e ve ne son alcune bellissime, le acque delle cascate creano dei giochi di acqua e dei colori unici. Siamo rimasti veramente coinvolti emotivamente da questa bellezze naturali. Abbiamo dedicato un giorno al fiordo e ad un escursione su esso. Il giorno successivo abbiamo fatto un tour sulle montagne cicostanti attraverso la Trollstigenn che è una strada montana simbolo di ingegneria che attraverso i monti. Durante il percorso ci si può fermare perché vi sono passarelle e piazzole per fare osservazioni. Vi dirò che non ci siam fatti mancare nulla , abbiamo fatto anche una discesa in rafting!!!
    Dopo 2 giorni abbiamo lasciato Geiranger diretti a Bodo , e a quel punto riflettevamo sul fatto che forse i posti più belli li avevamo visti. La fatica iniziava a farsi sentire , la nostra auto è comodissima da guidare ma i Km percorsi ormai son tanti e spesso pensando ai Km da fare per il ritorno ci venivano i brividi.
    Ma ormai eravamo drogati dall’avventura e ci incamminammo verso BODO.

    Mi ero dimenticato di dirvi che a Berger il solo tramontava alle 22 50 circa ma mentre viaggiavamo verso Bodo ci accorgemmo che il giorno era ancora più lungo. Spesso guidavamo e non ci facevamo che erano le 21 visto che il sole ( quando c’era) era ancora ben alto!

    A Bodo ci dedicammo più al relax e a fare escursioni comode o “ normali”.

    Dopo 2 giorni ci dirigemmo a Tromso una città abbastanza grande considerata la capitale dell’ Artico.

    Quando attraversammo il parallelo che fa da frontiera al circolo polare artico eravamo emozionati, ci fermammo e mandammo messaggi a tutti, ormai eravamo ad un passo da compiere “l’impresa” si perché è una cosa non da molti e per noi è stata una vera è propria impresa. >Ci sentivamo dei discendenti dei primi esploratori dell’Artico .Nel leggermi sicuramente non potete percepire l’emozione che ancora mi gonfia il cuore nel ricordare quei posti.dirci cosa ci sta da vedere a Tromso sarebbe lungo ma noi siamo rimasti 3 giorni e forse alla fine non abbiamo visto tutto ma il ricordo
    della Cattedrale Artica è ancora vivo nei nostri occhi. Il vantaggio di avere l’auto è stato quello di soffermarci anche a vedere dei posti che non erano delle mete turistiche ma lo spirito di avventura e di conoscere ci ha portato anche in piccoli villaggi di pescatori o in piccole anse formate da fiumi che affluivano nei fiordi.

    Dopo Tromso ormai era ora di puntare alla meta finale, ma occorreva ancora fare una tappa intermedia e scegliemmo Alta.

    E qui abbiamo “vissuto “ il sole di mezzanotte.
    Alta città ormai in pieno polo , abbiamo provato la slitta con i cani!!!
    Sia Alta che tromso son città ben servita da treni ed aerei.
    Dopo Alta finalmente Nordkapp o Caponord. La meta era raggiunta ma come dicevo all’inizio un posto deludente.
    Una piazza , un bar, un negozio di souvenir e un mappamondo!!! Tutto qui

    alla prossima per la quarta parte
  15. DIDIADRY
    , 28/9/2015 17:45
    Ciao Giovanni!
    contenta di risentirti! :) .. e anche di sapere che sono stata utile nella tua organizzazione di viaggio.
    Tu e tua moglie avete effettuato una scelta molto impegnativa perchè partire da Napoli e arrivare a NordKapp ovviamente a/r non è semplice ... oltre ad essere stanchevole c'è il fattore clima che genera rallentamenti e anche molta stanchezza, so che non è piacevole guidare con la pioggia e visibilità pessima ....
    Ho letto le tue due puntate e aspetto le altre ... sicuramente saranno utilissime a tutti i TpC che pensano di fare un viaggio come il tuo ...
    Capisco il tuo poco entusiasmo per NordKapp, in fondo è una rupe :) e i paesaggi che hai visto nel percorso erano migliori ma è nell'immaginario collettivo il progetto di arrivare fino a lì.
    Mi spiace per le strade un po' sconnesse, complimenti per la salita fino al Pulpit Rock! e ottima scelta ritornare a Flam ... c'era il sole! :approved:
    Bergen, è così carina senza la folla dei crocieristi ... per fortuna poi sono ripartiti ...
    Ciao!
    A risentirci!
    Adriana
  16. Giovanni62
    , 28/9/2015 17:15
    parte seconda

    Siam rimasti ad Oslo 3 giorni , l’abbiamo visitata tutta, il clima in questa occasione è stato clemente con alternanza di sole e pioggia. Una città modernissima un sistema di trasporto perfetto anche se preferiamo girare a piedi. Abbiamo avuto facendo una escursione l’impatto con i fiordi.

    Dopo i 3 giorni di relax e riposo con l’auto ferma al parking abbiamo iniziato la nostra vera missione. La tappa stabilita era Oslo – Stavanger km 550 ma tempo previsto circa 8 ore. Con la pioggia e freddo ci rendemmo conto che non saremmo arrivati in un ora decente per cui facemmo tappa a Kristainsand una piccola cittadina in piena Norvegia del Sud.

    Abbiamo scelto la strada più difficile ma perché volevamo vedere anche i posti più sperduti ,altrimenti da Oslo si può anche andare direttamente a Berger. Ormai posso fare la guida on the road dei quei posti. Durante questo percorso abbiamo provato il brivido di passare dalla strada al traghetto e viceversa.

    Mattina dopo partenza per Stavanger , cittadina molto carina bella tranquilla dove arrivammo nel pomeriggio, nel sistemarci in hotel decidemmo che era giusto provare ad arrivare a Pulpit Rock.

    Impresa superata giornata entuasismante , giorno successivo riposo stando seduti al bar e scaldarci al sole. Abbiamo impiegato circa 5 ore la scalata ma ne valeva la pena.

    Giorno successivo partenza per Bergen e ancora oggi 2 traghetti sul percorso ormai era una costante.

    Sul mio arrivo a Berger devo chiarire una cosa: la mia prima impressione che esternai anche ad Adriana fu pessima; tanta gente che ti saliva anche sui piedi , cattivi odori caos ecc. quasi rimpiangevo di aver prenotato per 3 notti. Ma poi capii subito il motivo di tutto ciò, in porto erano ormeggiate 3 navi da crociera per cui immaginate circa 6000 persone in una piccola cittadina. La sera le navi ripartirono e la città divenne come per incanto un piccolo paradiso. Anche a Berger portammo la macchina nel parking (attenti i parking più son vicini al centro e più costano e credetemi soncarissimi )e girammo a piedi .
    giorno 4 avevamo in programma il tour Sognefjord il fiord piu lungo della norvegia. Partenza alle 7 30 di mattina con una motonave molto bella peccato che era una giornata fredda, avevamo giacca a vento invernale. Arrivammo a Flamm dopo circa 5 ore. Flam e solo un centro commerciale ma da dove parte la famosa ferrovia Flamm-Myrdal. Un percorso pazzesco emozionante in 20 km paesaggi da favola il treno procede lentamente visto anche l’enorme dislivello e fa anche una sosta sotto ad una cascata. Peccato quel giorno pioveva per cui non l’avevamo gustata bene. Arrivati a Myrdal poi dovemmo prendere il treno per Berger e li fu un'altra avventura tra pioggia e neve.

    Siccome i viaggiatori son anche poì matti la mattina dopo visto che era bel tempo decidemmo di rifare la Flamsbana per cui auto fino a Myrdal treno a/r per Flam cosi gustammo tutto il percorso sia in ascesa che in discesa in una bella giornata di sole.