1. SULLA LAMA DEL TERRORE INFINITO

    di , il 10/7/2005 00:00

    Ad ogni atto di terrorismo corrisponde una nuova stretta sulle limitazioni dei diritti civili e sulle libertà in genere.

    E' aberrante quello che si sta consumando ai danni dell'Umanità.

    Chiunque siano gli autori di tali misfatti siano essi mente o braccia è sicuro che puntano spediti alla guerra tra religioni e tra civiltà.

    Con questo vecchio sistema mentis consiglio di acquistare una bella scorta di tappi di sughero, cosi almeno non ce la perderemo per strada...

    Ironia a parte è veramente un bel casino, siamo messi sempre più gli uni contro gli altri e questo volutamente a nostra insaputa.

    E’ se cercassimo di usare l'Amore, la speranza, la comprensione, il dialogo e di provare a sentire le ragioni dell'Altro elargendo loro tutte quelle concessioni a più non posso che noi usufruiamo già da molto tempo e che gli altri si sognano soltanto di avere?

    Comportiamoci in modo fraterno come in una grande famiglia in quanto questo noi siamo e facciamolo in modo sostanziale

  2. Turista Anonimo
    , 16/8/2005 00:00
    Questa mentalità chiusa e vendicativa ci riporta solo indietro di 1000 anni. La violenza è la sola soluzione? Così diventiamo tutti degli incivili, senza distinzione...
    Lo sbaglio è ritenersi superiori a loro, ma chi l'ha detto?????

    Roby
  3. Turista Anonimo
    , 11/8/2005 00:00
    Sei un po' confuso. O almeno il messaggio così appare.
  4. Turista Anonimo
    , 10/8/2005 00:00
    io sono convinta che la nostra civiltà sia migliore della loro...e
    per ...da loro... lo sai benissimo che cosa intendo!!!
    vai da loro se devi farti curare un tumore, per fare uno stage universitario, sono loro che hanno mandato avanti la tecnologia...ecc...ecc..ecc.. che trattano le donne come merde...sono 2000 anni indietro... e la jihad ce l' hanno nel DNA
  5. Turista Anonimo
    , 9/8/2005 00:00
    "prova ad andare da loro" non significa nulla. è proprio qui che sta il concetto di civiltà: o almeno noi ci riteniamo più civili.....
  6. Turista Anonimo
    , 8/8/2005 00:00
    a mali estremi...estremi rimedi...
    siamo troppo buonisti...prova ad andare a casa loro...
    io li manderei tutti a casa loro...
  7. Giovanni Ioannoni
    , 29/7/2005 00:00
    Ma si, andiamo all'arrembaggio caccia all'uomo e guerra su tutti i fronti al nemico al nemico...

    Questo è proprio quello che si aspettano i signori del terrore infinito, non si faccia il loro gioco.

    L'Umanità coscientemente consapevole sono sicuro non lo consentirà, non lo consentirà, non lo consentirà............

    NOI SIAMO UNO.
  8. Turista Anonimo
    , 29/7/2005 00:00
    scusami g g. ma cosa ci trovi di tanto farneticante nelle parole di giovanni ? ci sono stati interventi molto più farteticanti...
    nelle parole di giovanni io vedo solo la speranza che le cose si possano cambiare, che le persone possano cambiare...
    sono parole dolci ma molto forti...A me colpiscono molto e mi fanno credere che la speranza non può morire e mi convince ancora di più della mia idea più radicata: sono solo le persone, tutte insieme, che possono dare una svolta a questo mondo...
  9. Giovanni Ioannoni
    , 29/7/2005 00:00
    E’ ora di farla finita da parte dei paesi occidentali
    di comportarsi da sanguisuga nei confronti dei paesi
    poveri che sono fuori dalla loro area occidentale e
    non solo, che poi se vogliamo noi saremo
    occidentali a che e a chi?
    Se siamo occidente noi siamo occidentalmente i veri
    miseri elargitori di briciole verso i popoli oppressi.
    Gli oppressori hanno occidentalmente il loro vero
    Nome.
    Trovo inoltre incivile ed imperialista il voler imporre
    con la forza ad altri il nostro sistema di vita
    ( SAPESSI CHE AQUISTO di presunzione… ).
    E’ la cultura del benessere diffuso per tutti che bisogna coltivare
    ( liberi dal bisogno ),
    E’ la cultura del lavoro per tutti che bisogna coltivare
    ( dignità di partecipazione al tutto ),
    E’ la cultura delll’istruzione per tutti i popoli che bisogna coltivare
    ( liberi dall’ignoranza ),
    E’ la cultura della pace per tutti i popoli che bisogna coltivare
    ( pace in noi pace tra di noi ),
    E’ cultura dell’amore che bisogna coltivare
    (l’amore come unica medicina DEI popoli tutti ).
  10. G G 1
    , 28/7/2005 00:00
    la gente in questo forum comincia a farneticare!!!
    (vedi post di giovanni)
  11. Giovanni Ioannoni
    , 28/7/2005 00:00
    Formiamo idealmente una catena di tutti i cuori
    umani affinché i terrorismi vengano risolti.

    Usare la parola chiave sonora e vibrata,
    NOI SIAMO UNO.

    Ripetere questa DIVINA meditazione più volte
    al giorno con pieno trasporto emozionale e tenerla
    sempre focalizzata in sé nel proprio cuore…

    ============

    AMA E RILASCIA.

    Amare è partecipare…
    Amare è aiutarsi…
    Amare è complicità…
    Amare è rispettarsi…
    Amare è riconoscersi…
    Amare è perdonarsi…
    Amare è non giudicare…
    Amare è accertarsi…
    Amare è donarsi…
    Amare è adoperarsi…
    Amare è farsi usare…
    Amare è sorreggersi…

    AMA E RILASCIA.
  12. Turista Anonimo
    , 27/7/2005 00:00
    Giu S...che bello leggere parole che condivido e non solo opinioni contrarie...cominciavo a sentirmi un po sola...
    sono daccoro con te su tuta la linea. e dico anche che di tutto questo odio che sta venendo fuori non nascerà niente di buono. se anche non dovesse sfociare nella violenza vera e propria sarebbe un pregiudizio, quello che poi genera il razzismo...e dal razzismo nasce solo altro odio....non posso credere che odiare in questo modo chiunque sia diverso da me, solo perchè mussulmano sia la giusta reazione a questo inferno...la rabbia c'è. la tristezza e lo sconforto...l'angoscia e la pena per chi è morto e per i famigliari e amici di chi è morto...che sono ancora vivi ma che dovranno convivere con l'inaccettabile sensazione di una morte ingiusta, senza un perchè....cerco di pensare a cosa proverei io ed è difficile rispondere...ma se per chi è stato colpito in prima persona è dura è chi è stato così fortunato da non esserlo stato a dover reagire. non solo con il cuore ma con la testa sgombra....e per capire cosa fare dobbiamo chiederci cosa è sbagliato. e se troviamo che ci sia anche i casa nostra, cominciamo a sbarazzarci di quello che puzza qui....senza chiuderci gli occhi e far finta che non ci sia o che sia nulla in confronto al resto...perchè fra chi uccide con le bobe e chi ci guadagna con quelle morti non so chi mi fa più schifo...alla pari direi....
  13. Giu Se
    , 26/7/2005 00:00
    Mi stranisce vedere quanta gente predichi odio e vendetta nei confronti di "queste bestie" nei confronti dei quali "come si può essere tolleranti". Evidentemente non è attitudine comune quella di sapersi identificare nell'altro e di riconoscerne e apprezzarne la diversità. Sono turbato. Una faida senza fine sta per cominciare tra due culture e religioni che forniscono solo una maschera agli interessi economici dei quali ahimè godono pochissime persone al mondo. Prendere posizione sull'uno o l'altro fronte è parimenti sbagliato. Non c'è bene nè male, giusto o sbagliato, buoni o cattivi....c'è solo gente che si arricchisce sulla vita di migliaia di persone, sia sul fronte occidentale che su quello islamico. Il mondo è governato da dieci maialini che vogliono solo ingrassare, e giustificano tutti i loro atti con giustificazioni che fanno breccia sulla popolazione (religione, democrazia, libertà...). Meditate gente...meditate!!
  14. Giovanni Ioannoni
    , 26/7/2005 00:00
    Trovo che è il sistema dell'attuale schema
    pensiero di quella matrice stabilita da altri
    che ha stufato buona parte di noi tutti…

    Una volta resosi conto del gigantesco inganno
    perpetrato su se stesso attraverso anche le
    generazioni passate il risvegliato trova il
    coraggio per un tale rifiuto categorico e si
    appresta al rilascio della trama per riconquistare
    se stesso…

    Non è che noi siamo stufi di noi stessi, ma
    riconosciamo che è la trama dell'antico essere
    manipolati e sublimati che crea ormai rigetto
    negli animi ormai portati verso il risveglio di sè...

    Come il pulcino che si fa strada nel voler
    superare il proprio guscio d’uovo che ancora
    relativamente lo contiene per venire con veemente
    impeto alla vita sua che gli appartiene e che
    rivendica i suoi pieni diritti alla vita sua vera…

    Tutto sta nella nuova presa di coscienza.
    consapevole ed è proprio questo che fa la
    differenza tra il continuare ad essere controllati
    attraverso la manipolazione indotta e il non
    volerlo più essere rilasciando la trama
    manipolativa con le sue conseguenti paure
    ingabbiante l’Umanità tutta…

    Noi possiamo fare la differenza noi siamo la
    differenza basta crederci basta solo volerlo
    riconquistando ognuno il proprio potere
    individuale e rilasciando la trama della paura
    inflittaci come un vestito galera cucitoci addosso...

    Tutto sta nella scelta portata all’azione…

    Bene, ma in concreto cosa fare ?

    Riporto che la persona potrebbe e dovrebbe
    orientarsi nella sua misura di come pensare di
    proprio per giungere a cosa pensare serenamente
    in piena coscienza ed equilibrio…
  15. F F 1
    , 25/7/2005 00:00
    via i musulmani...dal mondo!
  16. Turista Anonimo
    , 25/7/2005 00:00
    ripeto il concetto via sta gentaccia da casa nostra, dategli il foglio di via e se ne andassero in palestina, pakistan o dove meglio ritengono, ma non venissero qui a rompere le balle...

    Rocco