1. E' raggiungibile l'India via terra?

    di , il 27/4/2005 00:00

    E' raggiungibile l'India via terra con un proprio mezzo meccanico?C'è qualcuno che possa dire " io l'ho fatto"?

    Perchè sarà bello visitare l'India dopo averla raggiunta con un viaggio aereo ma conquistarsela per via terra deve essere meraviglioso.

    Proviamo a parlarne?

  2. Beatrice
    , 1/7/2005 00:00
    Felicissima ci rivederti e contenta di sapere che qualcuno alla fine partirà per quest'avventura.
    Hai 2 grandi fortune dalla tua:
    l'età, visto che ancora studi suppongo tu sia sotto i 30.
    e il tempo, sempre visto che ancora studi.
    Io mi accontenterò del tuo racconto quando ritorni e....
    il link che ti avevo inviato fuori forum ti è poi stato utile?
    Ciao Bea
  3. Stefano Montesi 2
    , 1/7/2005 00:00
    Ciao Bea ( che mi hai tirato in causa) ciao a tutti i partecipanti a questo forum da cui ,debbo ammettere,in questi ultimi tempi mi sono un poco allontanato in quanto mi sembra che si stia ormai marciando fuori tema.Voglio ribadire però che non sono quello che voi chiamate "il provocatore".Il mio quesito " è raggiungibile l'India via terra"è stato lanciato con le migliori intenzioni e debbo dire che le risposte sono state molteplici ma nessuna era attinente alla domanda,nessuno ha ancora detto"ecco io l'ho fatto e mi è andata così".Comunque il partecipare a questo forum mi ha arricchito molto perchè mi sono reso conto che il sogno indiano non appartiene solo agli anni 70 ma è attuale anche adesso.Il mio sogno.allo stato attuale,è il seguente:ho il mezzo meccanico ( un camper VW Westfalia) su cui sto lavorando alacremente nel tempo libero) ed i problemi di Fede,cioè gli esami universitari.
    Se il diavolo non ci mette la coda( o le corna) ho intenzione di partire in principio di dicembre 2005 per ritornare in marzo 2006 con questo itinerario di massima:Turchia,Iran,Pakistan,India del Nord,Nepal e ritorno.Oramai il sogno sta finendo,si sta avvicinando l'alba.ciao.
  4. Beatrice
    , 1/7/2005 00:00
    Conosco la zona che vuoi visitare perchè ho letto ormai un'infinità di libri sull'India, però non ci sono mai stata.
    Anche io quest'anno faccio il centro India, esattamente partendo da Varanasi mi sposterò in treno a Raipur (Chattisgarh) e da lì scenderò attraverso questa regione per entrare in Orissa all'altezza di Jagdalpur, poi proseguirò attraversando la zona tribale per arrivare alla costa, esattamente a Puri.
    E visto che tempo non ne ho tanto il tutto durerà 1 mese.
    Ciao Bea.
  5. Turista Anonimo
    , 1/7/2005 00:00
    Bea, hai ragione, però non è possibile che ogni volta che si ragiona su qalche cosa, debba saltare fuori il solito a provocare senza costrutto, io forse sbaglio a rispondere, dovrei lasicarlo perdere....
    a proposito di Stefano, mi sembra sia intervenuto qualche tempo fa, non credo proprio sia lui il provocatore incallito....
    Comunque io vorrei partire il prossimo anno a settembre/ottobre, in quanto quest'anno ho poco tempo a causa dei miei studi, quindi mi accontenterò di un 45/50 giorni in India centrale. Conoscete la zona di Bijapur, hyderabad, hampi, ajanta/ellora? Qualche dritta?
    Per il mare opterei per Gokarna, in quanto la zona di Goa sta diventando quasi un Club Med......:) :) :)
    Tra parentesi, ho conosciuto un ragazzo di origine iraniana, il quale mi ha confermato che non esiste reale ostilità da parte della popolazione nei confronti dell'occidentale, anzi l'italiano è visto con smpatia. Il problema riguarda le autorità civili/militari/religiose, che paiono interessate a spremere un po' chi si avventura da quelle parti...
    A presto
    Il capo di stato maggiore
    Federico
  6. Beatrice
    , 30/6/2005 00:00
    Uffa!!!!!!!!!!!!!!
    Ragazzi se continuate così la gente che vede per la prima volta questa discussione non è stimolata a rispondere, legge 2 righe e lascia.
    Vi siete accorti che da un po' di giorni si è bloccato tutto?
    Provate a rientrare in tema.
    Fede........a che punto sei con l'organizzazione?
    E il signor Stefano che ha lanciato la discussione e poi se l'è defilata, che fine ha fatto?
    Comincio a pensare che l'amico ( ) sia lui e che questa discussione sia stata una provocazione fin dall'inizio.
    Se così è, che tristezza..........................non aver niente da fare....................e divertirsi così..........................
    Ciao Bea.
  7. Turista Anonimo
    , 30/6/2005 00:00
    se io generalizzo tu che stai facendo? il capo di stato maggiore? storia? complimenti! imparato molto. basta!
  8. Turista Anonimo
    , 30/6/2005 00:00
    Mi dispiace che tu o ti ostini non capire oppure non sai leggere. Dalle varie discussioni ho chiarito più di una volta, tanto che ora sono quasi stufo di ripetere sempre le stesse cose, che non mi aspetto affatto un viaggio di totale sicurezza e relax via terra. Tuttavia il tuo discorso non regge perchè, per uno come te che non ha mai avuto problemi in Italia del sud o del nord che sia, ce ne sono molti altri che invece di problemi ne hanno avuti eccome... il mio dentista ad esempio derubato di orologio mentre era fermo al semaforo a Torino, la mamma di un mio amico derubata della borsetta, sulla macchiana a Bari, io stesso ho visto in diretta uno scippo a Nizza in Francia, uno a Barcellona, risse e pestaggi vari lungo i murazzi del Po a Torino... come fai a generalizzare?... le tue argomentazioni mi sembra dunque non apportino nessun contributo coerente al problema che ci si è posti in questo forum. Per cui ribadisco: il tema del forum riguarda la possibilità di raggiungere l'India via terra, nessuno sostiene che sia una passeggiata, si vuole capire se sia possibile e con quali rischi. Provocazioni, insulti, insinuazioni, tutte cose non gradite, nè da me nè da tutti gli altri, credo.
    P.S. Io seguo un dottorato per poter assecondare la passione che ho nei confronti della Storia, non per stare ad ascoltare le tue insinuazioni. Magari un giorno insegnerò ai tuoi figli....
    Fede
  9. Turista Anonimo
    , 30/6/2005 00:00
    "A Bologna vengono stuprate ragazzine sotto gli occhi di alcune persone che si girano dall'altra parte... E' sicurezza questa? Preferisco rischiare qualcosa cercando di realizzare un sogno, se permetti. "
    ??????????????????????????????????????????????????????????????????????
    A VILLA SPADA le persone non passano attraverso i cespugli come possono fare in mezzo ai portici di via Indipendenza. Fatto la salerno reggio più volte, anche no autostrada, anche in moto, non solo auto (targata città del nord) E MAI AVUTO PAURA.
    Ma se hai paura di quella strada..... cosa sostieni a fare che andare in India è sicuro? (trattengo qualsiasi espressione che potrebbe dare adito ad inutili discussioni, però tu che fai dottorato hai capito, vero?)
    Ho letto giusto che oramai di "avventura" è rimasto poco o nulla. In India (come altrove) uno ci va come come gli pare, che problemi ci sono? ognuno conoscerà i propri, se le proprie paure sono la Salerno-Reggio...... problemi per andare in india credo ve ne siano molti.

    p.s. vado spesso al sud italia, chiaro che non giro con rolex a Forcella o allo Zen, orologino cinese con cinturino di plastica... mai avuto problemi.
  10. Turista Anonimo
    , 27/6/2005 00:00
    Sono d'accordo su tutta la linea!
    Fede
  11. Turista Anonimo
    , 25/6/2005 00:00
    Da quello che so il problema del viaggio via terra non sono tanto i rapporti con i civili ma le pressochè continue inferenze dell'esercito, della polizia ecc... mi dicono che controllano i documenti ad ogni passo, ti fermano e perquisiscono... che si devono pagare "mazzette" per attraversare le frontiere ecc...
    ma chi sa, magari sono leggende metropolitane!
    per quanto riguarda i mezzi certo che con un bel furgone attrezzato o un fuoristrada è meglio ma ho conosciuto vecchi freak residui dei favolosi anni '60 che ci vanno tranquillamente i camper per comprare oggetti da vendere nei mercatini occidentali. In questo caso è un po' diverso perchè i continui viaggi verso est via terra hanno permesso di intessere una serie di rapporti e agganci molto simili alla realtà delle vie carovaniere dell'antichità.
    Voglio raccontare un'altra storia...
    Da poco al Gurdwara (luogo di culto) della comunità sikh di Montevarchi presso la quale studio il sikhismo è arrivato un ragazzo in bicicletta... beh... questo ragazzo è partito da Calcutta per fare il giro del mondo... in bici, appunto! HA i contatti con varie comunità indiane nel mondo (sono veramente tante) e quando arriva ad un Gurdwara si riposa, si rifocilla e riparte... ha confermato che è un viaggio difficile soprattutto per i continui controlli e impedimenti militari... anche se in bici si è meno visibili che in un mega furgone attrezzato...
    comunque è la dimostrazione che c'è sempre la possibilità di muoversi, di attraversae terre e popoli... anche se la direzione che stiamo prendendo è quella di chiusura e di blocchi di civiltà... che menzogne, che inganno! Il mondo è di tutti e un vero progresso ci sarà solo quando finiremo di considerare confini e frontiere, nazionalità e cittadinanze come qualcosa di naturale e necessario!
  12. Beatrice
    , 24/6/2005 00:00
    Qualcosa tipo
    Abbigliamento sportivo?
    Tende?
    Scarpe da trekking?
    Orologi sportivi?
    Qualche banca simpatica della tua città?
    E se provassi a partecipare al Kilimangiaro lanciando l'idea del progetto? Magari trovi qualcuno a cui interessa.
    Sai in queste cose chi la dura la vince, non ti stancare di bussare alle porte.
    Ciao Bea
  13. Turista Anonimo
    , 24/6/2005 00:00
    L'idea dello sponsor l'ho presa in considerazione più volte, il problema è attirare l'attenzione di qualcuno che ci possa vedere un rientro economico, se non è difficile.... del resto il fuoristarda sarebbe l'unico mezzo, assieme ad un buon furgone, con il quale intraprendere il viaggio. Ho alcuni contatti con persone che sin dedicano all'alpinismo ed hanno ottenuto un minimo di finanziamenti, ma i loro canali non mi hanno considerato molto... Si potrebbe provare con qualche radio o TV di viaggi, ma forse è un'idea un po' abusata....
  14. Beatrice
    , 23/6/2005 00:00
    Mi aggrego agli applausi, peccato però che non ci sia peggior sordo di chi non vuol sentire.
    Ed io ho la sensazione che quì ci sia qualcuno che si è messo i tappi!!!!
    Ma torniamo al viaggio, non hai mica pensato di trovare qualche sponsor? Lo fanno in tanti, perchè non provare?
    Magari trovi il mezzo.
    Perchè non provi a proporre la tua idea a qualche grossa ditta di camper o fuoristrada.
    Il fuoristrada sarebbe l'ideale, e lo slogan potrebbe essere:
    " con te ovunque e comunque".......
    A parte gli scherzi pensaci, ci sono state veramente tante persone che in questo modo hanno fatto degli ottimi viaggi.
    Ciao Bea
  15. Tamara
    , 23/6/2005 00:00
    ...APPLAUSO FINALE!!!!

    Bravo fede...
    Ma va la "realizzazione" del tuo sogno?????
  16. superpalem
    , 23/6/2005 00:00
    Una precisazione: io lavoro per potermi mantenere gli studi di dottorato e per poter viaggiare in libertà, perchè sono due cose che adoro, e non vado certo in mezzo ai locali con la valigia piena di dollari... Se tu credi di essere l'unico a sapere che un viaggio in India via terra comporti alcuni rischi e disagi, beh, hai bisogno di un bagno di umiltà forse.... perchè io certamente non li ignoro. La storia dell'umanità è fitta di esempi di persone che hanno rischiato qualcosa di proprio per assescondare una propria inclinazione o bisogno di qualcosa, che magari non si spiega ma esiste... nel mio piccolo anch'io sono fatto così. Ho fiducia nel prossimo. Se metto una mano sotto la sega perdo il braccio al 99,9 %, ma se vado in India con mezzi di terra, miei o statali quante possibilità ho di tornare a casa mutilato o di non tornarci proprio? Se decido di intraprendere un viaggio simile, non mi fermano certo i ritardi di treni, o un po' di dissenteria, perchè non avrei tempi ristretti e limitati... Le paure e le ansie e le disperazioni che mi spaventano di più sono quelle di una vita del tutto routinaria, senza nulla concedere al sogno, all'avventura, alla conoscenza di sè e dell'altro... Tu hai mai percorso la Salerno-Reggio Calabria senza aver paura?
    A Bologna vengono stuprate ragazzine sotto gli occhi di alcune persone che si girano dall'altra parte... E' sicurezza questa? Preferisco rischiare qualcosa cercando di realizzare un sogno, se permetti.
    Ciao