1. Voglia di rinascere

    di , il 17/4/2005 00:00

    Ciao a tutti.

    Non pensavo di trovare un sito che parlasse di queste cose, dove tanta gente come me ha voglia di dare un taglio alla propria vita cambiandola con un posto così meraviglioso e certamente meno stressante della nostra società.

    Io sono un fotografo professionista oltre che operatore video che come tanti altri è stanco di vivere con questi ritmi imposti dalla nostra società per poter sopravvivere.

    Mi piacerebbe moltissimo cambiare e ricominciare una nuova vita in un posto dove esistono ancora valori legati alle cose più importanti della nostra vita, l'ambiente, la serenità, i rapporti umani, le tradizioni culturali.

    Non voglio dilungarmi troppo per non mettere a nudo il mio stato depressivo in questo momento, vorrei solo sapere se vi è una sola possibilità di potersi trasferire in polinesia per lavorare e non certo come da noi.

    Ciao

    Giuseppe

  2. Turista Anonimo
    , 14/5/2005 00:00
    i francesi possono andare in Polinesia senza visto ne permessi, anche a viverci.. come uno di torino può trasferirsi a lecce, uno di lione si trasferisce a rangiroa...
    anche oggi vogliamo continuare a vivere sotto l'ombra del campanile e considerarci cittadini del mondo.
    I francesi sono nazione da più di 1000 anni, loro discendono dai barbari galli, noi dalla civiltà romana... (forse forse..)
    un francese è prima di tutto orgogliosamente francese, poi di parigi, grenoble ect ect.. come qui, vero? non possiamo cercare di capire gl'altri (in generale, non solo i francesi) se prima non proviamo a conoscerli....
    Ma cosa lo dico a fare?
  3. Turista Anonimo
    , 13/5/2005 00:00
    @@@un pò la mentalità francese (molto diffusa naturalmente da quelle parti.....)@@@

    scusa.. ma qui in Italia è molto diffusa la mentalità italiana. La Polinesia è FRANCESE non a caso.. politicamente è francese a tutti gli effetti. abbiamo capito che non hai capito.
    In Germania sono molto tedeschi, in Australia sono molto inglesi, che caso, vero? In egitto invece sono appicosi come tutti gli arabi. Pensa che una volta in una località ITALIANA (non faccio nomi) mi sono presentato dal fornaio per comprare del pane, con i soldi in mano e mi sono sentito chiedere, nel dialetto loro: Perchè abbiamo pane?
    di pane ne avevano ed anche tanto, io avevo un accento diverso e non me lo hanno venduto. ITALIA non paese del terzo o quarto mondo e pagavo con delle lire non con coriandoli di carta.
  4. Cristina Cangialosi
    , 13/5/2005 00:00
    Ciao Giuseppe.
    Sono stata in Polinesia francese lo scorso anno ad agosto, ho girato qualche isola (non ho visto papetee) ma non credo ci siano prospettive di lavoro interessanti per noi italiani, soprattutto perchè conosco un pò la mentalità francese (molto diffusa naturalmente da quelle parti.....)
    Non arrenderti, ci sono posti anche migliori per cominciare una nuova vita!
  5. Turista Anonimo
    , 2/5/2005 00:00
    Go for internships. Apply for an internship in one of the hotels there, they will usually take you for 6 months, pay your food and lodging . But I think you need experience in the hospitality or tourism industry... but you can still give it a shot. You can do these internships in either kitchen, service, housekeeping, bar... the list goes on.
  6. Turista Anonimo
    , 20/4/2005 00:00
    non mi pare che tu sia tanto informato sulla polinesia
  7. Giuseppe Laiolo
    , 17/4/2005 00:00
    Ciao a tutti.
    Non pensavo di trovare un sito che parlasse di queste cose, dove tanta gente come me ha voglia di dare un taglio alla propria vita cambiandola con un posto così meraviglioso e certamente meno stressante della nostra società.
    Io sono un fotografo professionista oltre che operatore video che come tanti altri è stanco di vivere con questi ritmi imposti dalla nostra società per poter sopravvivere.
    Mi piacerebbe moltissimo cambiare e ricominciare una nuova vita in un posto dove esistono ancora valori legati alle cose più importanti della nostra vita, l'ambiente, la serenità, i rapporti umani, le tradizioni culturali.
    Non voglio dilungarmi troppo per non mettere a nudo il mio stato depressivo in questo momento, vorrei solo sapere se vi è una sola possibilità di potersi trasferire in polinesia per lavorare e non certo come da noi.
    Ciao
    Giuseppe