1. Fiumicino/Malpensa

    di , il 4/2/2008 23:38

    Si parla tanto in questi giorni del ridimensionamento di Malpensa. Se l'Hub lombardo genera forti perdite non credo ci siano altre soluzioni. Inoltre in Europa l'Italia è l'unico Paese con 2 aeroporti di riferimento invece di uno (per esempio: Spagna-Madrid, Germania-Francoforte, Francia-Parigi, etc.).

    Sbaglio?

  2. r.soffientini
    , 21/3/2008 10:27
    Da lombardo soffro vedere penalizzato un grande hub come quello di Malpensa: tuttavia devo fare necessariamente alcune considerazioni anche tecniche.
    1)- Malpensa era un aeroporto militare e di scarsa importanza sino agli anni '60: solo dopo assume un ruolo fondamentale con i grandi jet transatalntici che operavano con difficoltà da Linate.
    2 )Urbanisticamente Malpensa è raggiungibile con difficoltà attraverso grandi arterie trafficate (tangenziali di Milano ed autostrada) per cui l'ora di partenza da casa è certa ma mai qualla di arrivo.
    3) I due terminal di Malpensa sono mal collegati tra loro;
    Il nuovo terminal ha uno sviluppo verticale della movimentazione pax ( check al terzo livello e imbarco al secondo).
    4) Dal punto di vista tecnico le due piste parallele 35L e 35R sono troppe vicine per una manciata di metri ed inagibili contemporaneamente;
    5) I raccordi a spina di pesce e le vie di rullaggio costringono a volte l'attraversamento di una pista per raggiungere il gate bolccandola per un attimo.
    6) la particolare orografia circostante costringe, per le rotte verso la Francia e per aerovie che sorvolano il bianco, a far quota obbligatoriamente sino a 20000 piedi prima del massiccio montuoso, con impronte di rumore importanti al suolo.
    Malgrado ciò l'obbligo imposto ai milanesi ed a tutto il nord di imbarcarsi a Roma per un volo intercontinentale potrebbe farli deviare su Zurigo o Francoforte, molto ben collegati da Verona o Linate anche con code sharing.
    Correggetemi.
    Roberto
  3. r.soffientini
    , 21/3/2008 10:25
    Da lombardo soffro vedere penalizzato un grande un come quello di Malpensa: tuttavia devo fare necessariamente alcuni considerazioni anche tecniche.
    1)- Malpensa era un aeroporto militare e di scarsa importanza sino agli anni '60: solo dopo assume un ruolo fondamentale con i grandi jet transatalntici che operavano con difficoltà da Linate.
    2 )Urbanisticamente Malpensa è raggiungibile con difficoltà attraverso grandi arterie trafficate (tangenziali di Milano ed autostrada) per cui l'ora di partenza da casa è certa ma mai qualla di arrivo.
    3) I due terminal di Malpensa sono ma collegati tra loro;
    Il nuovo terminal ha uno sviluppo verticale della movimentazione pax ( check al terzo livello e imbarco al secondo).
    4) Dal punto di vista tecnico le due piste parallele 35L e 35R sono troppe vicine per una manciata di metri ed inagibili contemporaneamente;
    5) I raccordi a spina di pesce e le vie di rullaggio costringono a volte l'attraversamento di una pista per raggiungere il gate bolccandola per un attimo.
    6) la particolare orografia circostante costringe, per le rotte verso la Francia e per aerovie che sorvolano il bianco, a far quota obbligatoriamente sino a 20000 piedi prima del massiccio montuoso, con impronte di rumore importanti al suolo.
    Malgrado ciò l'obbligo imposto ai milanesi ed a tutto il nord di imbarcarsi a Roma per un volo intercontinentale potrebbe farli deviare su Zurigo o Francoforte, molto ben collegati da Verona o Linate anche con code sharing.
    Correggetemi.
    Roberto
  4. maurizioviola
    , 8/2/2008 15:19
    Beh, La Germania, anche se adesso è meglio parlare per compagnia aerea e non per stato, quindi Lufthansa ha 3 HUB Francoforte, Monaco, Zurigo (con la ex Swiss air), la Spagna ha Madrid e Barcellona in forte sviluppo, la Francia ha solo Parigi, ma con l'alleanza di KLM anche Amsterdam può essere considerato francese........ Alitalia purtroppo non ha saputo (voluto?), sfruttare come hanno fatto le più grosse compagnie la crisi venuta dopo il famoso 11 settembre 2001. Le grosse compagnie (British-AF-LH ecc) hanno "sfruttato" la crisi ridimensionandosi nel personale addetto ai servizi accessori, licenziando (purtroppo) migliaia di persone, le altre un po' più piccole Sabena e Swiss sono state fatte fallire, per rinascere subito dopo con situazioni economico/finanziare nettamente migliori........ Alitalia è stata tenuta in vita solo da grossi impegni statali (molte delle nostre tasse) che sono serviti solo ad allungare l'agonia. Adesso quindi ci ritroviamo un Malpensa che sarebbe l'aeroporto più importante per il business con collegamenti precari sia alla città di Milano che al resto d'Italia (pensa a cosa servirebbe Roma Fiumicino se Malpensa avesse una stazione ferroviaria Alta Velocità collegata ai terminal, che ti permettesse di arrivare nel centro di Roma in 3 ore!) inoltre si trova circondato da Linate, Montichiari (BS), Orio al Serio (BG), Verona, tutti aeroporti in crescita che non fanno altro che danneggiare Malpensa. Inoltre la politica aziendale di Alitalia era tutta incentrata su Roma (equipaggi e piloti tutti di istanza a Roma, quindi se dovevano pernottare a Milano oltre ai costi di pernottamento avevano anche l'indennità di trasferta!), magazzini e officine di collaudo e riparazioni solo a Roma. Di conseguenza anche se operativamente Malpensa era migliore di Roma (fra l'altro uno degli aeroporti in Europa con il miglior livello di puntualità) i costi per spostare tutto al nord sarebbero stati insostenibili.... (senza considerare le lotte sindacali che ci sarebbero state......) Ma tant'è che ultimamente ad un programma televisivo un noto politico ha affermato che nelle assunzioni "raccomandate dai politici" i posti più ambiti e considerati più sicuri erano proprio in Alitalia e alla RAI, dove anche se non c'era bisogno un posticino s'inventava sempre.......
    mah??!!!
  5. Toni
    , 4/2/2008 23:38
    Si parla tanto in questi giorni del ridimensionamento di Malpensa. Se l'Hub lombardo genera forti perdite non credo ci siano altre soluzioni. Inoltre in Europa l'Italia è l'unico Paese con 2 aeroporti di riferimento invece di uno (per esempio: Spagna-Madrid, Germania-Francoforte, Francia-Parigi, etc.).
    Sbaglio?