1. Los Roques: una tragedia annunciata?

    di , il 8/1/2008 10:55

    Tutti i Turisti per Caso sono accanto ai familiari degli italiani e delle altre persone disperse.

    Continuano le ricerche degli otto nostri connazionali e degli altri passeggeri del piccolo aereo Transaven disperso nelle acque venezuelane di Los Roques. Tra l'attesa e le speranze non ci sfugge una preoccupata constatazione: Perché ancora una volta su quella rotta?

    Il giornalista Emiliano Guanella scrive su La Stampa: "Compagnie private piccole piccole, pressapochismo all'ordine del giorno, pochissimi controlli da parte di chi dovrebbe controllare, deregulation assoluta nel paese della rivoluzione bolivariana e socialista. Los Roques rimane il piccolo paradiso dei Caraibi abbastanza a buon mercato (soprattutto se si paga col cambio nero in bolivares) e sarebbe bello pensare che questa ultima tragedia possa servire a migliorare la sicurezza dei voli. Ma la vedo difficile..."

    E' questo il caso di una tragedia annunciata? Cosa ne pensate, Turisti per Caso?

    Ecco quello che ci scrive una nostra lettrice, Creativa:

    Devo assolutamente parlare con qualcuno!

    Mi sento malissimo! come turista per caso ho ricevuto da Bruna diverse e-mail che chiedevano consigli per il suo viaggio di gennaio a Los Roques con la famiglia, ci siamo scritte diverse volte e ora... Il loro aereo è precipitato in mare e probabilmente lei il marito e le bambine (una della stessa età di mia figlia) sono morti, che crudele scherzo del destino! mi sento malissimo, non la conoscevo se non tramite le e-mail, ma era come se la conoscessi! il viaggio è anche questo è vero... Ma sono sconvolta, stanotte dirò una preghiera per chi ci crede per loro, turisti per caso come me.

  2. diddi
    , 26/11/2014 18:10
    ...c'eravamo anche noi su quel bellissimo lockheed Tristar del 1979 che ci ha riportati a casa (fortunatamente vivi ) da Santo Domingo ...e che si e' spento sulla pista di decollo... ricordo ancora le parole del comandante "questo aereo ha tutte le abilitazione per effettuare un volo intercontinentale bla bla bla....e poi tre motori sono meglio di due no ? (tipo two gusti is meglio che one) se se ne rompe uno ne restano 2 (ah meno male)
  3. tolly
    , 7/1/2013 18:50
    Salve ,la mia perplessità riguardo questo ennesimo caso di sparizioni di aerei in quell'arcipelago


    venezuelano di los roques è dovuta soprattutto al fatto che non ci sono più tracce delle persone


    che erano a bordo.Un traffico di droga ci può pure stare, ma a parte l'aereo perchè trattenere le


    persone? oltretutto non è stato chiesto nessun riscatto e non c'è stato nessun contatto con le famiglie


    e se fossero caduti in mare per un incidente, dopo un pò si sarebbero trovati i cadaveri o perlomeno i resti!! Poi ci sono persone che sono dispersi da 5 anni completamente spariti nel nulla!


    Quello che penso io ,anche se macabro e triste,è che si potrebbe trattare di un traffico internazionale


    di organi che da quelle parti rende anche molto.


    Vi ringrazio dell'attenzione e ditemi che cosa ne pensate
  4. YoSoRa vacanze
    , 5/4/2010 10:38
    Vorrei segnalarvi questo interessante articolo:<a href="http://www.cronacaqui.it/news/apri/33971" target="_blank" rel="nofollow">http://www.cronacaqui.it/news/apri/33971</a>che racconta di uno scenario credo inedito
    Da italiano affermo che uno stato che dal 27 giugno 1980 non ha ancora dato ai familiari delle vittime la verita' sulla strage di Ustica non dovrebbe permettersi di criticarne un altro.

    Io sono un italiano che vive in Venezuela e, aldila' dell'ovvio dispiacere per i familiari dei dispersi, trovo sempre un po sgradevole l'accanimento che i media italiani mettono nel trattare l'argomento.
    Non lo ritrovo contro le autorita' americane per l'incidente dell'elicottero a New York...ma d'altra parte neanche l'aereo del Cermis ha suscitato la giusta indignazione.
    Io vivevo gia' qui all'epoca dell'incidente...non ho letto tutti gli articoli della stampa italiana ma credo che a differenza della stampa locale non sia emerso il fatto che in quei 3-4 giorni i tre (se non sbaglio) aerei o elicotteri che lo stato venezuelano possiede con il sistema che rileva il calore anche nell'acqua fossero impegnati in Colombia durante l'importantissimo primo rilascio di ostaggi della Farc (credo quello immediatamente precedente a quello piu' clamoroso di Ingrid Betancourt)
    Sono a disposizione per eventuali chiarimenti
  5. utente_deiscritto_79249
    , 5/7/2009 13:07
    Cari compagni di "forum" ho letto attentamente i messaggi. In questo ultimo mese sono caduti altri 2 aerei, centinaia di morti, l'aereo di Air-France sparito nell'oceano..... Cosa facciamo? Non andiamo più in Brasile? Non andiamo più alle Comore? Non andiamo più in Tunisia? Stiamo tutti a casa nostra???
    Non ho voglia di polemizzare nè di scherzare sui disastri aerei ma non credo che consigliare ai viaggiatori di non recarsi più a Los Roques piuttosto che in altri posti meravigliosi sia la cosa più giusta da fare!
    Io sono appena tornata da Los Roques e l'aereo era in ottimo stato così come ho preso Air-France il giorno prima della disgrazia di Rio per recarmi a Caracas.
    Immagino anche che le ricerche siano costosissime e difficilissime in mezzo al mare, e che l'unica cosa che noi viaggiatori possiamo pretendere è chiedere a gran voce che la sicurezza e i controlli siano severi.
  6. davovad
    , 27/5/2009 21:34
    Ragioniamo un attimo. Ma voi credete davvero che contrabbandieri e narcotrafficanti, con i milioni di dollari che fanno girare, si prenderebbero la briga di sequestrare e desaparecer dei turisti stranieri solamente per rubare l'areoplanino? Ma sapete che queste organizzazioni hanno hangar interi di aerei, piste di atterraggio clandestine ed una struttura logistica da far invidia?
    E mi potresti spiegare l'esempio che sarebbe successo in Colombia? Ci vivo da 7 anni e non mi ricordo nulla di analogo.
  7. tinoplus
    , 27/4/2009 12:32
    sono convinto che l'aereo è stato sequestrato da contrabbandieri per farne uso nei loro traffici.
    Altrimenti i resti sarebbero già apparsi.
    Non sarebbe il primo caso che ciò accade, sia ne los Roques, sia nel circondario, per es. Colombia.
    Io ho smesso a malincuore di andare a los Roques, al solo pensiero di questa tragedia , di tutti i mini aerei caduti negli anni e l'uccisione recente per errore di due italiani nella posada!
    Vero peccato perchè los Roques sono meravigliose, però ....
    Volete un'alternativa? andate a Cayo largo - Cuba, altrettanto bella e maggiormente attrezzata con hotel 5 stelle al posto delle scomodissime posadas de los Roques, prezzi sostenibili.
  8. andaland
    , 13/4/2009 11:46
    Sulla rivista "OGGI" di questa settimana c'è un nuovo articolo sulla tragedia. Pare che il cellulare del copilota, sia stato usato due volte a distanza di ore dal il presunto incidente. C'è un grande mistero intorno a quello che è successo a quell'aereo e una gran tristezza al pensiero di quelle persone. Vorrei tanto che qualcuno scoprisse la verità.
  9. davovad
    , 26/3/2009 15:24
    Per andarli a riprendere bisognerebbe prima sapere dove si trovano.
  10. thelight76
    , 26/3/2009 09:35
    Il dispiacere per i dispersi e per i loro famigliari è scontato, che razza di domande. Quando guardo le loro foto non ci sto bene.
    Detto questo bisogna saper andare oltre è ricercare i veri problemi. Abbiamo perso un nostro funzionario in Iraq per andare a riprendere una giornalista che si trovava in un posto dove sapeva di non dover stare. Sono convinto che è stata un azione giusta e che andava fatta ma ora non siamo in grado di andarci a riprendere dei nostri connazionali che si trovavano in un posto che tutti indicavano come un paradiso e che non erano in cerca di gloria ma bensi di un po di meritato riposo? io non ci sto! mi dispiace.
  11. davovad
    , 26/3/2009 03:01
    Non riesco a capire se ti dispiace per le presunte vittime ed i familiari, o per la figura che fa l'Italia a livello internazionale...
  12. thelight76
    , 25/3/2009 11:50
    Buon giorno,
    cosa dire, poi ci lamentiamo se siamo un popolo con scarso senzo patriotico che rispolvera il tricolore solo per qualche manifestazione calcistica.
    Quello che sta accadendo a questi famigliari è inammissibile. Ancora una volta stiamo dimostrando di essere uno Stato politicamente debbole che non riesce a farsi rispettare neanche dal Venezuela. Qui parlano di procuratori venezuelani con le lacrime, ma smettiamola pretendiamo risposte (queste benedette celle quando si degneranno di rivelarcele) e rivogliamo in dietro i nostri fratelli connazionali. Ho servito e servo questo stato con orgoglio e ci tengo che tutti sappiano che questa debbolezza che riescono a far percepire all'esterno del nostro Paese non fa onore al nostro popolo costituito da tanta gente buona, coraggiosa e che mai ammetterebbe sopprusi di questo tipo. Vicino a chi soffre e un complimento ai gestori di questo sito.Che Dio ci aiuti, un saluto Fabrizio
  13. iaiapepe
    , 24/3/2009 22:10
    Penso spesso ai poveri turisti scomparsi a Los Roques e seguo anche costantemente i pochi purtroppo progressi della storia. Mi si stringe il cuore al pensiero di quale tremenda fine possano aver fatto tutti quei poveri ragazzi e soprattutto le 2 bambine....è una tragedia assurda e sono convintissima che l'aereo non sia precipitato ma sia stato dirottato e i suoi passeggeri fatti fuori..non voglio neanche pensare come. Comunque credo sia importante avvisare più persone possibile DI NON ANDARE PIU' A LOS ROQUES, per quanto bella possa essere, almeno fino a quando il governo non dimostri di riuscire a proteggere i turisti e rendere sicuri i voli.
  14. davovad
    , 9/2/2009 17:39
    Dopo 13 mesi non si sa ancora niente. E peggio ancora, nessuno si chiede più niente.
  15. davovad
    , 2/1/2009 17:40
    Io non voglio togliere speranze, però in caso di sequestro estorsivo non passa mai tanto tempo senza che i presunti rapitori si mettano in contatto per chiedere il riscatto.
  16. DIDIADRY
    , 2/1/2009 09:48
    Ho visto poco fa - ore 09:00 raiuno - un servizio sulla tragedia di Los Roques, non si sa nulla del ritrovamento dell'aereo, hanno detto che all'inizio le autorità venezuelane si sono prodigate nelle ricerche, poi più nulla, forse la rotta seguita era un'altra, forse non è caduto in mare ma in una zona montuosa... il pilota ritrovato in mare sembra che sia stato messo lì da pochi giorni quando, invece, era già passato molto tempo dalla tragedia... i parenti delle vittime andranno il 12 Gennaio al Ministero degli Esteri a chiedere di riprendere le indagini e di andare avanti fino ad una risposta, perchè c'è anche il dubbio del sequestro...