1. TURISTI ITALIANI SEVIZZIATI DALLA POLIZIA CROATA

    di , il 9/10/2007 12:11

    E' successo quest'anno (agosto 2007) in croazia A PUNTA VERUDELA(Pula),io in vacanza con la mia famiglia, tutte persone perbene. Dividerò in 2 parti la mia testimonianza,

    Il villaggio all'apparenza sembrava! quello visto sia su internet che da catalago(bello),ma in realtà i SERVIZI erano pessimi!! mancanza di assistenza sanitaria(se ti fai male ti lasciano li a morire!) scale ripide senza protezioni e pavimentazione attigua alla piscina scivolossissime!!regole di silenzio rigorosissime!! (da convento) dalle 22 in poi il villaggio rimane completamente abbandonato in mano a sciacalli delinquenti con in dosso una divisa di security. Quest' ultima è stata la causa della nostra disgrazia, una sera dopo una banalissima discussione verbale con la security che entando di forza nel nostro buncalow(dove c' eravamo riuniti 9 persone tra amici e parenti per vedere un film) pretendeva che appena alle ore 22:00 si dovesse tacere e ognuno doveva rientare nei propri bungalow, mentre il regolame

  2. ledfrw
    , 9/10/2007 12:11
    E' successo quest'anno (agosto 2007) in croazia A PUNTA VERUDELA(Pula),io in vacanza con la mia famiglia, tutte persone perbene. Dividerò in 2 parti la mia testimonianza,
    Il villaggio all'apparenza sembrava! quello visto sia su internet che da catalago(bello),ma in realtà i SERVIZI erano pessimi!! mancanza di assistenza sanitaria(se ti fai male ti lasciano li a morire!) scale ripide senza protezioni e pavimentazione attigua alla piscina scivolossissime!!regole di silenzio rigorosissime!! (da convento) dalle 22 in poi il villaggio rimane completamente abbandonato in mano a sciacalli delinquenti con in dosso una divisa di security. Quest' ultima è stata la causa della nostra disgrazia, una sera dopo una banalissima discussione verbale con la security che entando di forza nel nostro buncalow(dove c' eravamo riuniti 9 persone tra amici e parenti per vedere un film) pretendeva che appena alle ore 22:00 si dovesse tacere e ognuno doveva rientare nei propri bungalow, mentre il regolame