1. Myanmar - Birmania

    di , il 27/9/2007 13:10

    Quello che sta accadendo in Birmanaia è storia.

    Non ho mai visitato questo paese, ma ho sempre letto affascinato i resoconti dei turistipercaso.

    Se ne può parlare in un forum?

    Il sito di turistipercaso può fare qualcosa?

    Ci sono proposte?

  2. dany.d
    , 20/5/2008 16:40
    scrive Aug Zaw:il 3 maggio,dopo essere stata travolta da venti a 190 km orari e da un maremoto,la Birmania è sprofondata in una crisi umanitaria senza precedenti.Secondo le stime i morti sono 100mila.Il popolo birmano è in lutto,ma i generali della giunta militare non hanno rilasciato nessun messaggio ufficiale di cordoglio per le vittime.Inoltre è colpevole di non aver avvertito la popolazione del delta.Dopo il passaggio del ciclone non ha inviato subito aiuti ma ha ostacolato l'arrivo degli aiuti internazionali.I leader dell'opposizione accusano il capo della giunta Than Shwe di crimine contro l'umanità.Dopo il ciclone i giornali hanno continuato a pubblicare articoli di propaganda che chiedevano di votare si al referendum del 10 maggio.Da quando il regime ha annunciato il referendum e le elezioni nel 2010,nel paese si è diffuso un clima di paura e intimidazione.Il successo del si',infatti,confermerà il ruolo centrale dei militari nella nuova costituzione del paese.Gli osservatori internazionali hanno definito il referendum una FRODE.Impiegati statali,soldati e membri dell'usda hanno ricevuto ordini precisi su cosa votare.I birmani all'estero sono stati "invitati" a votare,ma quelli sospettati di aver simpatie per il no sono stati respinti dalle ambasciate.
    Il 10 maggio i birmani hanno visto in tv la immagini che mostravao Than Shwe e sua moglie al seggio elettorale,nella prima apparizione pubblica dopo il ciclone.Molti elettori delle division di Rangoon,Mandaly,Pegu,Sagaing e Magwe hanno dichiarato che sulle loro schede elettorali era già stata barrata la casella del si' e che il referendum non si è svolto in modo "libero e regolare".
    I birmani,che hanno sopportato la dittatura militare per decenni e che ora devono affrontare le conseguenze di una catastrofe naturale,sono stati colpiti due volte.Molti superstiziosi credono che il ciclone l risultato di un intervento divino:scontente dei governi birmani,le divinità avrebbero voluto impedire il referendum.
    Intervento divino o meno,il ciclone ha cambiato le dinamiche politiche birmane e ha compromesso le "linee guida"del regime e il processo costituzionale.La furia del ciclone ha smascherato Than Shwe e i suoi tirapiedi,svelando il loro vero volto al mondo.Potrebbe essere ingenuo sperare che Than Shwe abbia i giorni contati.Eppure questa speranza è condivisa dai birmani e da milioni di persone in tutto il mondo.Le vittime del ciclone non vogliono schede elettoreli,ma cibo,acqua,un tetto e medicine.E LA FINE DELLA TIRANNIA!
  3. stefj
    , 9/5/2008 18:37
    Come tutti quelli che sono stati in Birmania, anche noi abbiamo subito il fascino di questo Popolo e questa Terra. Così tanto, che al nostro ritorno abbiamo deciso di fondare una associazione Onlus a scopo benefico. Se qualcuno volesse aiutarci: www.missionebirmania.altervista.org
    Grazie
  4. Laura G.
    , 9/5/2008 13:28
    PAM, UNICEF: un SMS per Myanmar
    Basterà inviare un SMS al numero 48581 dal telefonino personale TIM, Vodafone, Wind e 3 per donare 1 euro. La donazione sarà di 2 euro chiamando lo stesso numero 48581 dal telefono fisso Telecom Italia

    Roma - Da oggi sarà possibile effettuare donazioni a sostegno della popolazione del Myanmar colpita dal violento ciclone che si è abbattuto sul paese causando morti e devastazioni anche tramite SMS.

    I Comitati italiani di PAM e UNICEF hanno infatti attivato una raccolta fondi congiunta, a sostegno dell’azione delle due agenzie ONU che si sono immediatamente impegnate in Myanmar per soccorrere la popolazione nei distretti più colpiti.

    Basterà inviare un SMS al numero 48581 dal telefonino personale TIM, Vodafone, Wind e 3 per donare 1 euro. La donazione sarà di 2 euro chiamando lo stesso numero 48581 dal telefono fisso Telecom Italia.

    Gli importi (esenti IVA) saranno interamente devoluti a PAM e UNICEF per gli interventi urgenti in Myanmar, attraverso il Comitato Italiano del PAM e il Comitato Italiano per l’UNICEF.

    Da oggi sarà possibile effettuare anche donazioni bancarie sul conto corrente congiunto PAM-UNICEF presso Banca Etica, conto n. 303030, Filiale di Roma, Via Rasella 14, ABI 05018 CAB 03200, «UNICEF-PAM per Myanmar».
  5. grignanilaura
    , 7/5/2008 08:23
    Ho fatto una e-mail die giorni fa a colui che ci ha organizzato l'ingresso in Myanmar da Tachilek, on the road. Essendo stata persona squisita volevo avere notizie riguardo al disastro avvenuto nei giorni scorsi.
    Vi riporto la risposta arrivatami stamattina, da Yangoon.

    Hello Laura,

    I have received your e-mail and I feel more obliged than I can say by your very kind letter.
    We are still remembering the time that you have visited to our country.
    As now and then condition, we didn't get the normal condition yet. But we are trying as much as we can. Everything are now running almost OK.
    Please let you know that another tour destinations like Mandalay, Bagan, Inle and others are fine.
    And Yangon is now getting OK. So if you have friends who would like to go Myanmar, please kindly tell them. Because now and then It is the only way we can promote human life by Tourism and the opportunity to get the job.
    Anyway, thanks again for your kind support and it is really greatest strength for us.

    Have a nice day & best regards,
    Hla Aye

    Dagli altri amici di Pathein e Yangoon non ho ancora ricevuto notizie.
  6. simonac
    , 2/5/2008 18:40
    un bel libro, anche se sconvolgente sul Myanmar? IL CANTO DELLA LIBERTA' di Karen Connelly.
    l'ho letto un mese fa e mi è piaciuto molto, triste (parla di un cantautore, prigioniero politico in Myanmar ) ma ricco di poesia e di pazienza buddhista.
  7. grignanilaura
    , 1/5/2008 08:24
    Ciao... Io ho letto (sul posto peró...)
    Giorni in birmania di Orwell. L'ho trovato suggestivo perché c'erano delle decrizioni di tradizioni (tipo le danze) che rispecchiavano ció che ho visto, ancora oggi.
    Sull'arretratezza del Paese invece sono rimasta un pó scioccata perché in certe localitá ho trovato una modernitá quasi eccessiva. Non me l'aspettavo.
    A Yangoon ci sono supermercati e discoteche modernissime.
    Parabole satellitare ovunque, anche neli villaggi delle tribú Palong nello stato shan.
    A Mandalay siamo andati (con il proprietario della pensione dove alloggiavamo) in un supermercato da far invidia a quelli europei. C'era di tutto. Dallo champagne alla nutella..... e non era per turisti....
    Abbiamo visto birmani poveri e birmani ricchissimi, ma abbiamo conosciuto anche una classe media, che non mi aspettavo esistesse ma c'é.
    Per quello che ho intitolato il mio diario Il Paese dei Mille Volti....

    Io adesso sto leggendo un libro di Terzani, sull'Asia in generale.
    A me piace leggere prima di fare un viaggio o durante. Per cui ora mi butteró sull'India, nostra prossima destinazione.

    Un libro che ti consiglio perché é bellissimo é
    Bambini d'Oriente, di Corrado Ruggeri. É un reportage giornalistico di circa vent'§anni fa. Parla di Laos, Birmania e Cambogia.

    A presto
    Laura
  8. dany.d
    , 30/4/2008 18:46
    ciao Laura,mi sembra di aver capito che,come a me,la Birmania ti ha entusiasmata.Mi è piaciuta tantissimo anche se c'è da dire che la popolazione paga un prezzo troppo alto in aretratezza.E' un Paese che ha pochissimi contatti con l'esterno se non quelli commerciali con la Cina dalla quale viene sfruttato al massimo.Certo il governo ha tanto da nascondere...come dire i panni sporchi si lavano a casa propria(non che i ns.di governi invece brillino di onestà...ma su ciò dovremmo aprire un capitolo che non trova sede qui!)Invece a me piace,dopo essere tornata da un viaggio leggere qualcosa che ne parli e allora vado nella libreria della mia città(viaggeria)e ci passo del tempo a cercare romanzi sull'argomaento.Se ti potessero interessare ho appena finito di leggere 2 romanzi.Il primo:Il palazzo degli specchi di Amitav Ghosh(è uno scrittore indiano un pò lento ma ti assicuro molto suggestivo).Il secondo:l'accordatore di piano di Daniel Mason.Tutti e due ambientati alla fine dell'ottocento quando c'erano i regnanti e anche gli inglesi.Ho visto anche che sull'ultimo numero dell'internazionale(settimanale)c'è un articolo appunto sulla Birmania.Ancora non l'ho letto ma conto di farlo!Beh a questo punto ti saluto e se hai qualche lettura da consigliarmi sono contenta!
  9. grignanilaura
    , 24/4/2008 10:27
    Dany, non volevo dire che non si deve parlare di mezzi pubblici... anzi!
    Ma volevo dire che una persona non deve pensare che il Myanmar si puó girare solo con auto e autista. (era venuto il dubbio anche a me).
    Anche noi, per due volte, abbiamo effettuato degli spostamenti in auto... presa peró sul luogo.
    Poi non é vero che siamo stati un mese in Myanmar... ci siamo stati 19 giorni di cui 5 al mare, pertanto il resto del Paese l’abbiamo girato in 13 giorni, come vedi poco piú di te. Fattibilissimo.
    Da quando siamo tornati dó sempre un’occhiata a questo forum, poiché penso che potrei rendermi utile a chi vuole affrontare un viaggio in Myanmar. Ma penso che non sia il caso di lanciare argomenti a cui magari uno non é interessato...
    Altrimenti io ne avrei a iosa:
    Per esempio vorrei consigliare a tutti che, nel caso dovessero andare al mare, di andare a Chaungtha Beach! É fantastica. Nei giorni in cui siamo stati noi era strapiena di birmani in vacanza! Abbiamo fatto amicizie, abbiamo ballato insieme l’ultimo dell’anno, i nostri figli si scrivono tutt’ora con ragazzi di Pathein e Yangoon. A Chaungtha Beach peró da Giugno ad Ottobre é tutto chiuso!
    Un altro é sullo stato Shan (Kengtung) da non perdere, anche se lí puoi andarci solo in aereo.... purtroppo! La strada, anche se é in ottime condizioni, non é permessa agli stranieri.
    Un’altra cosa che consiglierei a tutti é di girare Bagan in bicicletta! E anche di vedere il tramonto dalla Pagoda di Pyathada!
    In tutti i casi al ritorno dai miei viaggi dó sempre il mio contributo poiché scrivo pubblico un diario dettagliatissimo (... cosí non lo legge nessuno hi hi).
    Ciao
    Laura
  10. dany.d
    , 23/4/2008 22:14
    Volevo in qualche modo rispondere a Laura(grignanilaura):concordo sul fatto che negli ultimi interventi sul forum(compreso il mio!)non si faccia che parlare di agenzie o autisti e che invece il Paese meriterebbe ben altri argomenti ma,visto che mi sembra tu li abbia...perchè non li proponi tu?Nel senso che se si arriva a parlare di mezzi di locomozione è perchè,evidentemente,qualcuno abbisogna di informazioni pratiche prima di partire e saranno loro a scoprire il paese e a condividere poi le loro esperienze con altri.Credo,inoltre,che non tutti abbiano la fortuna di poter stare in vacanze tutto un mese e con la famiglia intera.Io,per esempio ,ho pochiossimo tempo a disposizione e cerco di sfruttarlo al massimo con le poche risorse che possiedo ,quindi mi trovo a dover fare delle scelte che alle volte nascono da compromessi.Ho avuto solo 11 gg.per visitare il Paese e quindi non potevo permettermi di viaggiare coi mezzi locali ma non volevo nemmeno usare l'aereo.Quindi quale miglior maniera se non quella dell'auto?Non credo di avere speso di più di chi fa tratte in aereo e ,comunque sia,mi ritengo soddisfatta di ciò che ho visto e delle emozioni che le persone mi ha saputo dare.Di gente ne ho incontrata tanta...mi sono fermata con le donne che asfaltano le strade o coi bambini nelle cave di pietre.Ho trascorso tutta una serata coi Moustache Brothers a guardare il loro spettacolo e parlare poi della repressione del governo e della prigionia di Par Par Lay.Questa sono le cose che mi hanno toccato del Myanmar,più della valle di Bagan o del Lago Inly.Sono ricordi indelebili che restano incisi nel profondo ma, questa è la mia esperienza ...agli altri bisogna lasciare la libertà di fare le loro ...Thwa bi a tutti
  11. grignanilaura
    , 22/4/2008 08:52
    Vedo che ultimamente questo forum é proprio diventato uno scambio di pareri sulle varie agenzie...
    Sembra che del Myanmar in se, interessi poco.
    Cosa c'é da vedere, quali sono le cose piú o meno interessanti, piú o meno spettacolari, le sensazioni di certi luoghi, le rotte che é meglio fare in auto oppure in aereo... qual'é l'aria che si respira dopo la repressione..etc etc. , sono diventate domande rare... Ed il Myanmar é uno dei Paesi piú affascinanti al mondo!
    Quando ho organizzato il nostro viaggio in Myanmar mi sono appoggiata alla GPC Fabio Glorioso, che mi ha dato tante dritte utili (lo stesso suo diario di viaggio é un pozzo di informazioni)!
    Ora, qui leggo solo di affitti di furgoncini, nomi di agenzie, e il Shan, il Sonny, e il Teo... e la Golden Travel, etc etc..
    Senza nulla togliere alla bravura di queste guide, il Myanmar é pieno di tassisti, guide private, tutta gente che ha bisogno di lavorare quanto loro ma che magari non hanno il sito internet e non hanno la fortuna di avere tutta questa pubblicitá gratuita su TPC.

    Discordo in pieno con tutti coloro che dicono che si risparmia appoggiandosi ad un tour operator o che se hai poco tempo é meglio o, addirittura, é l’unica soluzione...
    L'unico caso in cui puó essere vero sono i prezzi degli alberghi superiori alle 4 stelle, in cui il prezzo dato dall'agenzia é immensamente inferiore al prezzo di listino.
    Ma il Myanmar si puó girare da soli spendendo una cretinata (noi in quattro adulti fra Laos (9gg.) e Myanmar (21) abbiamo speso 3300 euro inclusi i voli Bangkok-Vientiane Kengtung-Heho Bagan-Yangoon e Yangoon-Bangkok, ed incluso 200 usd di permessi speciali e costi per guida e tour di due giorni che ci ha permesso di entrare “on the road” da Tachileck - unico modo possibile -)

    Ad esempio, quando esci dall'aeroporto di Heho trovi decine e decine di taxi, che per 12 usd ti portano al Lago Inle.
    Al Lago Inle la macchina con autista a che ti serve? A nulla, dato che vai in barca e per il noleggio di una giornata intera spendi 15 usd (che nel nostro caso sono saliti a 20 perché la cifra richiestaci ci sembrava proprio troppo bassa!!)
    Se proprio poi vuoi fare un'escursione a Kakku con 24 dollari trovi chiunque che ti ci porta in auto per tutto il giorno.
    Vuoi un'auto per Mandalay via Pindaya perché non vuoi andarci in autobus?
    Vai in una delle agenzie del paese (ce n'é almeno 6 o 7) e prenoti un'auto per 80-100 usd (noi ne abbiamo spesi 75 ma abbiamo trattato..)
    Vuoi fare un'escursione di trekking a Kalaw? Chiunque te la organizza...
    Ho fatto l'esempio della zona di Inle ma é cosí dappertutto!

    Non voglio consigliare a tutti di andare fai da te, per caritá... So bene che tanti preferiscono avere un appoggio...
    Peró vorrei dire che non mi pare giusto sconsigliare di farlo. Giá quasi tutti i diari di viaggio sono racconti di viaggio con auto e guida (sempre le solite poi...) e si fa fatica a trovarne di fai da te (adesso ce n'é uno in piú.... he he)
    E grazie ancora a Fabio perché se non avessi trovato il suo racconto, stavo anch'io per appoggiarmi ad un'agenzia, pensando che in Myanmar non fosse proprio possibile andare alla ventura.
    Il nostro viaggio in Myanmar invece si é rivelato piú facile di quello in Vietnam.
  12. simonac
    , 21/4/2008 19:33
    io sono stata in Myanmar nel 2006, ho viaggiato con Shan, un autista della Golden Swallow Transport e non ho avuto alcun problema tra quelli descritti da SimoUd, anzi, negli hotel dove abbiamo alloggiato, a volte scelti da noi, altri consigliati dal ns autista (solo dopo ns richiesta) il costo era più basso rispetto a quello dei tour op. e della Lonely Planet. So di non essere stata la sola ad avere questa fortuna perchè altri tpc si sono trovati bene con questa compagnia...possibile che in 2 anni sia cambiato tutto?!
    viaggio in Asia (zaino in spalla) da parecchi anni ed in tutti i paesi visitati ( Cambogia, Indonesia,
    Vietnam, Thailandia, India, Myanmar ) il turista paga tutto molto di più dei locali e credo sia giusto perchè, anche se non vogliamo ammetterlo NOI SIAMO I RICCHI e x quanto si paghi anche fino a 10volte di più, parliamo di cifre che in Italia ci sogniamo!!
  13. dany.d
    , 6/4/2008 18:55
    per chi volesse partire x Nyanmar e avesse poco tempo,conviene affittare auto o furgoncino con autista.ci sono persone oneste che ti conducono in posti poco battuti(quelli,naturalmente,accessibili ai turisti)e bellissimi.Io ero con alte 3 persone(tutti amici)e in 11 giorni abbiamo fatto circa 2500 km.L'autista ,una persona colta,di Yangoon ci ha consigliati e spiegato un mucchio di cose durante il viaggio.noi ne siamo rimasti molto contenti e i prezzi contenuti.per chi volesse informazioni sarei contenta di darle.ciao a tutti
  14. grignanilaura
    , 31/3/2008 09:57
    Confermo l'indirizzo giusto dell'Ambasciata del Myanmar a Roma é quello postato da Sierra!
  15. SimoUd
    , 23/3/2008 15:19
    ciao a tutti, son appena rientrato dalla Birmania e vi consiglio vivamente di evitare la GOLDEN SWALLOW TRANSPORT che opera insieme alla EXOTIC TOUR. Trascurando le "provvigioni" che si prendono dai locali ed alberghi dove vieni indirizzato, ci siamo accorti che ci han fatto pagare quasi il doppio l'hotel a Ngapali beach. Alle nostre rimostranze han fatto semplicemente spallucce tanto avevano già incassato..
    Non fatevi mai convincere a prenotare prima e trattate sempre e ovunque; i turisti per loro sono da spennare e oltre certi limiti è il caso di non passare per fessi oltre che per polli...
    In M. mi son trovato, dopo anni che giro in asia con immensa soddisfazione, in situazioni dove il turista paga anche 5 volte + del dovuto e, anche se per noi son cifre "trascurabili", per il loro tenore di vita è come avervi rapinato..
    Vi consiglio inoltre di portare solo dollari recenti di tagli grandi (li acquistate e li cambiate meglio) e euro (il cambio è molto vantaggioso). Non pagate niente in dollari se potete pagarlo in Kyat, ci rimettete almeno il 15/20%. Se siete in partenza e avete bisogno di "dritte" contattatemi!
  16. sierra
    , 19/3/2008 14:06
    Ciao scricciolo, io sono di varese e ti confermo ke esiste solo l'ambasciata di roma, ma i dati ke ho io sono differenti da quelli scritti da laura: EMBASSY OF THE UNION OF MYANMAR
    Via della Camilluccia, 551 – 00135 Rome
    Tel. +39 06 36304056 – Fax +39 06 36298566
    meroma@tiscali.it
    Cmq chiamali o scrivi loro una e-mail ed il funzionario (parla italiano) ti dara' tutte le info necessarie, e ti spediranno il modulo da compilare x ottenere il visto.Sappi ke se non hai conoscenti a Roma, dovrai affidarti a qualke corriere, per lo meno x il ritiro, in quanto il funzionario non puo' recarsi in posta x rispedirti il visto+passaporto.Io ho mandato i moduli, passaporti e ricevuta di pagamento tramite le poste e poi ho contattato 1 corriere per passare a ritirarli qnd erano pronti. L'ambasciata impiega circa 6 gg dal ricevimento, per preparateli. Ciao Antonio