1. Il papa non è più giovane.

    di , il 25/2/2005 00:00

    Lo sò benissimo che questo è un sito dedicato ai viaggi, ma visto il sondaggio che proponete mi sento di scrivere due righe per il papa. Quanti anni ha Giovanni Paolo II? Mi pare più di ottanta. Sta male, gia da qualche tempo. Credo che noi ( fedeli, stampa, ecc.) gli manchiamo di rispetto. Quando una persona anziana sta male, secondo me, va lasciata in pace, anche se è il papa. Ci sono giornalisti accampati sotto l' ospedale giorno e notte, quando è stato dimesso, qualche giorno fa, tutti a fare foto, a salutarlo, ad assalirlo. Mi faceva pena, nella sua automobile blindata, vederlo stanco, appena dimesso, mostrato come se fosse in vetrina. Non credete che urla, saluti, flash e quant'altro non diano fastidio ad una persona vecchia e ammalata! Pretediamo troppo. Il papa è al servizio dell' uomo, ma non è il suo servo. Non è un articolo da vendere. Chiedo rispetto per Lui, è un suo diritto stare male ed essere curato, lasciamolo un po' in pace. Rispettiamolo. Paola.

  2. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Certo imporre il preservativo è un po' dura,

    anche se forse è l'unica via di salvezza.

    Quasi quasi mi apro un fabbrichino...se passa la legge è ovvio.
  3. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    rambutà quando ti fai grande te lo faccio spiegare... ; )

    Gianni
  4. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Gianni R,
    devo ammettere che non riesco proprio a seguirti, ma forse questo è un mio limite.
    Però, qualche piccola precisazione mi sento in dovere farla.
    Il Bangladesh, a maggioranza musulmana, non è stato creato per motivi religiosi, nè tanto meno dagli Hindu, ma semplicemente per motivi di autonomia politica, visto che faceva parte del Pakistan stesso (era conosciuto come "Pakistan orientale"), a maggioranza musulmana anch'esso.
    Il Kashmir a maggioranza buddhista mi suona come nuovo, a meno che si torni indietro di secoli ... perchè vuoi mettere a tutti i costi un mitra tra le braccia di chi non l'hai mai messo e se mai l'ha fatto è stato solo ed esclusivamente per difendersi ?
    Riguardo a quanto dici su preservativi e sesso, ammetto di non averci capito praticamente nulla, ma non importa.
  5. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    si vabbè ;
  6. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Porno forum!!!!!!!!!!!
    era una vita che lo aspettavo!!!!!!!
  7. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Rambutan la tua riflessione mi dà spunto :

    ammesso che tutti nei paesi a rischio usino i preservativi,

    secondo te è umano costringere una nazione intera (o intere popolazioni) a vivere il sesso facendo ...sempre la stessa posizione...?

    Mi spiego (sperando che non mi censurino)... al sig. e alla sig.ra rossi potrebbe piacere avere dei rapporti orali (e non mi dilungo in descrizioni sennò veramente scadiamo)

    e col preservativo come fanno ?

    Insomma sarebbe frustrante pretenderlo di usarlo sempre, cosi' come è pericoloso non usarlo affatto...

    in medio stat virtus...
  8. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    solo per chiarire il pensiero sulla storia della persecuzione hindu' contro le minoranze musulmane in India :

    subito dopo l'indipendenza dell'India (1947 se non mi sbaglio...)
    si rese necessario creare 1 stato indipendente musulmano nel bengala proprio perchè gli hindu (una frangia fanatica ovviamente non tutti, come sempre si scrive per velocizzare, me è ovvio che non tutti...però una parte consistente e violenta...tra l'altro il Mahatma Gandi chi l'ha ucciso ? Un fanatico ...hindu') non sopportavano che sul loro territorio ci fosse una minoranza di musulmani.

    Nel 1972 con lo stesso processo fu necessario creare un nuovo stato il Bangladesh (anch'esso a mggioranza musulmana) per evitare una strage e comunque nelle migrazioni dall'India ai neo stati ci furono migliaia e migliaia di persone musulmane ed indu' morti per scontri a fuoco (sparavano perfino sulle carovane...questo l'ho letto, ma non so se la fonte è attendibile)

    Inoltre qualcuno di voi ha mai sentito parlare del gruppo delle Tigri Tamil o dei guerrieri sikh ?

    La Cina ha combattuto contro il Kashmir (a maggioranza buddhista) e non ha avuto vita facile (e non solo per l'opposizione dei paesi confinanti ...India, Tibet etc...), ma proprio perchè la comunità buddhista sovvenziono' un vero e proprio esercito di mercenari (del resto ce lo vedete il dalai lama con un fucile in mano...si sparerebbe in un piede)....

    cmque la mia era solo per dimostrare che in ogni parte del mondo il fanatismo religioso è un male (ci vorrebbe un po' di equilibrio)

    e che con la scusa di affermare la propria religiosità spesso si nascondono le peggiori nefandezze.

    Il punto è un altro.

    Non capisco che c'entra la questione preservativi :

    la cosa è semplice : la Chiesa detta una regola per preservare la vita umana che è quella di fare all'amore senza preservativo per creare piu' occasioni di procreare (certo ai tempi di Abramo non c'era il problema dell'esplosione demografica...al contrario E SOPRATTUTTO MAI NESSUNO AVREBBE POTUTO IPOTIZZARE LA SCIAGURA AIDS); con la questione AIDS in Africa specialmente le cose si sono ingarbugliate di brutto :

    ancora la chiesa non accetterà mai le unioni fra omosessuali , proprio per questo: perchè non permettono la nascita di una vita umana nuova (e qualche maligno ha detto...tendenzialmente cattolica ...puo' anche essere vero).

    (detto per inciso non è che la chiesa perseguita o uccide o scomunica gli omosessuali ...con tutti i preti gay che ci sono rimarrebbero in pochi, certo per i motivi di cui sopra non puo' incoraggiare la pratica...;)

    LA QUESTIONE DI FONDO E'

    permettere di usare il preservativo : e quindi di usarlo sempre e comunque (e di conseguenza addio anche a ogni speranza di procreazione); oppure negarlo e lasciare via libera al contagio e alla diffusione della malattia ? La scelta non è facile,
    probabilmente si spera di riuscire a debellare la malattia altraverso altre forme (vaccini, antidoti...); ma questo allo stato degli atti è difficile.
    D'altronde ricordate che non è che la Chiesa indica una strada e gli altri giu' a pecoroni (sibuana sibuana), si tratta di un po' di buon senso. il vero problema è che negli stati ad alta diffusione del contagio aids la gente ha altri problemi che non comprarsi i preservativi (del resto se noi fossimo cosi' equi e solidali potremmo pure regalarglieli noi con una maxi colletta, invece di sperare che santa madre chiesa muova la sua macchina burocratica, contraddica a millenni di catechismo e decida tutt'a un tratto di rinnegare un caposaldo della sua storia mandando missionari con pacchidi preservativi e una copia omaggio di playboy di settembre...cioè rinneghi il sesso legato alla procreazione...INSOMMA e' da ingenui sperare una cosa del genere).

    Ovviamente adesso non vi mettete a scrivere come la pensa ognuno di voi sul sesso prima o dopo il matrimonio sennò arriviamo a mille e una notte e qualcuno ci verrà a raccontare delle sue esperienze ...gagliarde... perfavore NO .

    Volevo solo fare il punto.
  9. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    x il Chiaro.
    Personalmente non sono d'accordo con te sul fatto che poi ognuno deciderà di proprio arbitrio se usare o meno il preservativo. Mi spiego meglio, secondo me non si devono mettere i preservativi nelle farmacie dell'Uganda e poi dire: "Ok, i preservativi ci sono, ora fate che cazzo volete. Se li volete usare usateli, altrimenti non usateli". Bisogna dare i preservatici alle farmacie dell'Uganda e poi invitare esplicitamente gli ugandesi ad usarli, facendogli chiaramente capire che è alquanto urgente e necessario che li usino. I paesi che negli ultimi 10 anni sono riusciti a ridurre l'espandersi dell'Aids, sono riusciti a farlo grazie ad una continua campagna di sensibilizzazione e di informazione, quasi un bombardamento a tappeto, atto a far prendere coscienza a gente che solo pochi mesi prima non sapeva nemmeno cosa fosse un profilattico, che era invece un qualcosa di necessario. Insomma, tornando sul discorso generale, vedo la Chiesa completamente assente sulla questione, anzi peggio, la vedo assumere un comportamento controproducente.

    P.S.: non è che la Chiesa deve adeguarsi alle nostre idee, è semplicemente che essendo una delle più grande istituzioni RELIGIOSE al mondo (se non la più grande), dovrebbe adeguarsi a mirare al bene delle persone e degli esseri umani e non a indirizzarli a farsi del male.
  10. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Dire che per combattere l'Aids ci vuole l'astinenza totale dal sesso e' come dire che per combattere la fame nel mondo tutti dovrebbero mangiare......
    Passo e chiudo.
  11. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    03/03/05 di (Paola b. )
    Per Fabio G.
    E' sicuramente vero che la chiesa nei secoli ha sfruttato, ucciso, bruciato le streghe ecc. ma non facciomo di tutta
    l' erba un fascio.

    Appunto......non facciamo di tutta l'erba un fascio...in un senso ma anche nell'altro....


    Rispondo a un precedente messaggio.....ovviamente i galli non fanno le uovo.....ma visto che chi aveva insinuato certe cose era un maschietto mi sono permesso di cambiare un po' la frase originaria...pensavo lo capissi...
  12. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Ovviamente la barzelletta, che non è una barzelletta ma un monologo, non è mia....ma del vero Paolo Rossi.
  13. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Grazie per la barzelletta....

    Non mi sembra che Gianni abbia portato la TOLLERANZA, visto i toni che ha usato nei suoi messaggi.....

    Concordo con te su Madre Teresa, ce ne fossero di persone del genere....
  14. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Sono ancora paola.b, quella che ha lanciato il forum. Visto che più volte ho parlato di rispetto, prego gentilmente di abbassare i toni. Tutto si può dire... siamo in un paese libero, ma ricordatevi che ce modo e modo per esprimere le proprie opinioni!!!
    Per Fabio G.
    E' sicuramente vero che la chiesa nei secoli ha sfruttato, ucciso, bruciato le streghe ecc. ma non facciomo di tutta
    l' erba un fascio. Ci sono anche tante persone, ce le ricordiamo meno, che sono morte per cristo, per un fratello. Quella che io più ammiro, è MADRE TERESA DI CALCUTTA, per farti un nome. Nel mondo comunque ci sono molti missionari che auitano le persone solo per amore. Qundo c'è stato il maremoto, chi ha potuto ha aiutato le persone in difficoltà, c'è gente che è partita apposta. Il mondo non è tutto nero o tutto bianco...
    A Paolo Rossi... mille grazie per la tua barzelletta. A volte si capisce di più ridendo per una battuta che leggendo un libro!

    A Gianni grazie per aver portato in questo furum il concetto della TOLLERANZA, senza di essa non si arriva da nessuna parte. Ciao Paola B.
  15. Marco Chiarolini
    , 3/3/2005 00:00
    per Rambutan:

    Guarda che io sono della tua opinione, ma non si può pretendere che la chiesa debba adeguarsi alle nostre idee, tutto qui.
    La Chiesa propone una soluzione al contagio AIDS che è la più sicura (sicuramente la meno adottata, ma di certo la più sicura), se poi uno vuole o non vuole seguirne i dettami sono affari suoi.
    Non è la chiesa che deve portare i preservativi in Africa, ma i popoli ricchi, poi ognuno si comporterà secondo libero arbitrio.
    Buon viaggio a tutti, Marco.
  16. Turista Anonimo
    , 3/3/2005 00:00
    Giovanni Paolo II ha passato una notte tranquilla al policlinico Gemelli dove è ricoverato da una settimana e si sta riprendendo dopo l'intervento di tracheotomia. Il Papa prosegue gli esercizi di riabilitazione del respiro e della fonazione dopo l'operazione di tracheotomia subita giovedi' scorso che stanno dando, secondo i sanitari, inaspettati risultati. Proprio ieri il cardinale arcivescovo di Colonia Joaquim Meisner ha addirittura detto, dopo aver fatto visita al Pontefice, di aver trovato la voce del Papa ''piu' forte di quanto mi aspettassi''.


    (2005-03-03 08:57:22)