1. ...DESTINAZIONE FILIPPINE...

    di , il 22/2/2005 00:00

    Sono due anni che mi preparo psicologicamente....ad agosto partirò....finalmente vedrò che cosa sono le Filippine e tutto quello che è la sua vita e la sua cultura....

    Per chiunque abbia visto e amato quei posti posso dire che sarei immensamente felice di poter accogliere spezzoni di racconti, ricordi, consigli ed esperienze per poter partire con un bagaglio ancor più pieno di emozioni.

    A chi dice che è un paese pericoloso....beh....non può essere tanto pericoloso un luogo da cui proviene gente così umile.

    Raccontatemi tutto....io sono qua per assorbire quante più esperienze possibili.

    Un bacio a tutti!

    Rossana.

  2. Antonella 26
    , 2/4/2005 00:00
    ciao vado nelle filippine a giugno a troaver il mio amore nigeriano..t consiglio tagaytay è un posto bellissimo nn lontano da manila dove c'è un vulcano inattivo e un lago bellissimo..e la temperatura è fresca..volevo un 'informazione nn serve il visto se s sta meno d 3 settimane ?ciao
  3. Turista Anonimo
    , 22/3/2005 00:00
    qualcuno e' stato a palawan avevamo intenzione di andarci ad ottobre ......
    potete darmi maggiori info ?
    sembrano dei posti stupendi
    consigliate di piu il volo su manila o su cebu
    ciao
    federica
  4. Massimo Andreuzzi
    , 1/3/2005 00:00
    A settembre ho conosciuto una splendida ragazza filippina tramite chat, all'inizio si parlava del più e del meno (solite cose), ma poi l'interesse reciproco piano piano aumentava e abbiamo deciso di scambiarci le foto (che si sa ritraggono il meglio di noi stessi), dopo le foto si è passati alla videochat e infine a chiamarsi ogni giorno al cellulare (italia-manila uno sproposito)...
    Ho preso la grande decisione di andare a trovare questo fiore di ragazza per natale e il capodanno (dal 21 dicembre al 11 gennaio) e all'arrivo a Manila sono stato colpito da qualcosa di particolare, ne ho sentite di tutti i colori da parte di amici e parenti (attento, è un posto pericoloso, attento, hanno sequestrato un italiano e una marea di attento attento attento...), ma ripeto che all'arrivo mi sono sentito come dire, non so, in un posto speciale, mi sono sentito felice di essere li in quel momento.
    Manila è una grande metropoli con grandi contrasti di ricchezza e povertà, basti pensare che alle porte di Makati (il quartiere ricco) la gente vive nelle baracche, ma quello che mi ha colpito di più in tutto questo è il fatto che la gente è fiera di quello che ha, per loro non è una baracca, ma è "la casa", non so nemmeno io come spiegarlo ma è stata una sensazione particolare che mi faceva sembrare belle anche quelle "case" di lamiera...
    La gente per le strade, il dentista che nel tempo libero riparava biciclette, centinaia di venditori di "manga" abilissimi nello sbucciare e tagliare il frutto che va mangiato con una salsina particolare dicui non ho chiesto e non voglio sapere gli ingredienti, gli odori di carne e salsicce alla griglia miste agli odori di una grande metropoli e i taxi, i taxi, meritano un discorso a parte.
    A Manila vige la legge del "chi suona prima passa prima" e non è importante la dimensione dei due mezzi interessati, ho perso 5 anni di vita il primo giorno che ho preso un taxi, quando vedevo le ruote del pulmann all'altezza del finestrino, ma niente paura qui tutto gira con la regola del disordine organizzato e ho visto ben pochi incidenti nonostante la mole di traffico.
    Ho visitato un po i dintorni di Manila, Intramuros, Rizal park e un paio di altri posti di cui non ricordo il nome e tutti i centri commerciali della zona, alla disperata ricerca di cibo familiare... Eh si perchè tante cose non avevo la minima idea di che cosa fossero anche se la mia ragazza (già già, nel frattempo è diventata la mia fidanzata) mi dicesse che era buono buono, comunque meglio non indagare, fino al giorno in cui lei ha comprato 2 "balut"... cosa sono i balut? A tornare indietro non vorrei saperlo nemmeno io, ma visto che lo so e ho pure assaggiato, voglio rendervi partecipi... Sono uova di anatra covate 10 giorni e cucinate come uova sode e all'interno vi potete trovare il pulcino con tanto di ciuffetto di piume...
    Beh... a parte questo, Manila mi è veramente piaciuta e dopo capodanno ci siamo spostati a Baguio dove sono andato a conoscere i genitori di lei (si si, la storia diventa sempre più seria), un posto se non sbaglio a 1600m sul livello del mare, che lei mi ha descritto "freddo" (25 gradi giorno e notte), e dove gli autobus preferiscono prendere le scorciatoie giù per i burroni piuttosto che fare le curve...
    Lungo la strada (7 ore di autobus) tutta a tornanti per Baguio tantissimi lavoratori di radici d'albero, sculture meravigliose, veramente stupende, e Baguio è stata una sorpresa, poco traffico, aria pulita e fresca e una miriade di mercatini caratteristci che si inerpicano su per lunghe e strette scalinate, l'Accademia Militare degli Ufficiali Filippini con il loro buffo modo di marciare, e tanti ricordi di guerra...
    Siamo rimasti 3 giorni a Baguio e ho conosciuto i Genitori e tutta la famiglia di lei (15 persone), gente umile ma ospitale, gente curiosa di sapere come funzionano le cose dall'altra parte del mondo, gente che è scoppiata a ridere quando entrando in casa gli ho quasi distrutto lo stipite della porta con la testa (il mio metro e 91 si notava tutto)...
    Ho lasciato con dispiacere Baguio, per tornare a Manila, e ho lasciato con molto dispiacere Manila, per tornare in Italia, ho lasciato un pezzo di cuore in quel posto a mio avviso meraviglioso.
    Ci ritorno adesso in Maggio per altri 20 giorni e ci ritornerò probabilmente in ottobre novembre con mia moglie... Ah già dimenticavo a maggio torno in Italia con la mia fidanzata che diventerà mia moglie a breve...
    Ne avrei tante da raccontare ma il tempo è tiranno... Andateci che non sapete cosa vi perdete...
  5. Turista Anonimo
    , 25/2/2005 00:00
    Purtroppo non posso esserti molto utile, il mio viaggio in Filippine risale al 1986... Ho ancora nella mente alcuni piccoli flash...
    Il cimitero cinese di Manila, una vera città nella città, monumentale e impressionante.
    A Palawan ho visto i pesci più colorati (Port Barton) e le spiagge più deserte del mondo (Tanabag) , oltre a mangiare benissimo at Elsa’s Place ...
    Boracay si stava affacciando al turismo allora ed era già un luogo notevolmente affollato: il prototipo dell’isolina da sogno 6km di lunghezza per 1 di larghezza, un laghetto al centro, spiagge bianche di borotalco da una parte, nere dall’altra, quando non camminavo me ne stavo spaparanzata sull’amaca nel nostro bungalow di paglia sulla spiaggia, insomma un paradiso... non tornerei mai più a Boracay per conservarne il ricordo di com'era.
    Oggi come allora eviterei il sud Mindanao , arcipelago delle Sulu... ed eviterei soprattutto di viaggiare in estate, come dice Rambutan, le piogge sono davvero pesanti e rendono gli spostamenti estremamente complicati e in molti casi molto rischiosi!
    Comunque buon viaggio, e mi raccomando ci aspettiamo un racconto dettagliato!
  6. marihellen
    , 25/2/2005 00:00
    Ciao, sono Ludovica vivo a shenzhen in cina e sono stata a fine ottobre a Boracay dopo una breve sosta a Manila.
    Boracay merita tutta la fama di una delle spiagge piu' belle del mondo se fossi in te una scappatina ce la farei se hai bisogno dell'indirizzo di un hotel fammelo sapere in posta saro' lieta di fornirtelo.A manila si respira un'aria particolare ma a me non e' sembrata cosi terribile.certo le guardie armate nei ristoranti e l'invito a depositare le armi prima di entrare non e' cosa abituale ma basta in effetti non farsi prendere troppo dall'ansia.Il popolo filippino e' solare cordiale e sorridente vale la pena farne la conoscenza.Ti auguro un felice soggiorno
  7. Rossana Carbone
    , 25/2/2005 00:00
    Grazie per le vostre risposte, siete stati molto carini.....
    Posso dire con esattezza che andrò a Pagsanjan - Laguna.
    Andrò esattamente la perchè è la che vive la famiglia del mio fidanzato. Sicuramente cercheremo di vedere Boracay che di fama è splendida ma anche Manila e dintorni per assaporare anche un pò di quel traffico infernale di cui sento tanto parlare.....
    Spero di poter tornare con tante belle esperienze che naturalmente verrò immediatamente a raccontare qua per tutti voi.
    Rossana.
  8. Virginia Tagliavini
    , 23/2/2005 00:00
    Nelle Filippine ho vissuto e lavorato per due anni. Il posto dove ho lavorato è sperduto all'interno del Luzon, a circa 100 km a nrd di Manila, lontano da tutto e da tutti, trattandosi della costruzione di un impianto idroelettrico non è che fosse esattamente in centro città. Per questo motivo e a causa dei ritmi di lavoro non ho girato il paese tanto quanto avrei sperato. Manila è inquinatissima e caratterizzata da un traffico infernale, ma ti dirò, tornata a bologna certe volte mi rendo conto che anche qui non è da meno. La povertà della gente in città è molto più impressionante che nei paesi piccoli. Il quartiere di Makati è il più in ordine, ci sono dei bellissimi hotel e centri commerciali.
    Non so come sei organizzata, comunque tieni presente che gli spostamenti possono essere molto difficoltosi, ci sono poche strade molto trafficate, spesso allagate durante la stagione delle piogge.
    L'isoletta di Boracay è bellissima, merita davvero una visita perchè unisce la bellezza classica spiaggia bianca + palme + mare azzurro con un ambiente informale di paesino sul mare pieno di localino e negozietti e, da non sottovalutare, ci sono pochissimi italiani caciaroni. Bella anche Cebu e Davao, di Palawan ho sentito grandi cose ma non l'ho visitata.
    Piccoli consigli: la guida Lonely Planet è l'unica fatta veramente bene, però credo ci sia solo l'edizione in Inglese. Indispensabile, ci trovi proprio tutto.
    A Manila, se ti interessa, fai un salto al centro commerciale Greenhills dove si trovano perle grezze di tutti i tipi a prezzi ridicoli.
    Buon viaggio
    Virgi
  9. Turista Anonimo
    , 23/2/2005 00:00
    Le Filippine sono bellissime, tutte le informazioni che richiedi le puoi trovare su Internet o su guide affidabile. Non ho voglia, nè interesse a raccontare di posti o a consigliarti qualche posto specifico, scoprili da te. Quello che posso dirti è che personalmente ti sconsiglierei di andarci d'estate perchè è in assoluto la stagione peggiore per visitare le Filippine. E quando si parla di maltempo, nelle Filippine, non si parla di pioggerelline o di tempeste tropicali di passaggio, ma si può parlare di tifoni o di piogge devastanti. Non ti voglio spaventare, ma sappi che, se già i monsoni possono essere molto potenti nell'Asia continenale (sudest asiatico, India, eccetera), nelle Filippine lo sono ancora di più.
    Riguardo ai pericoli e alla sicurezza, valgono le solite regole. Le Filippine non sono certo il paese più tranquillo al mondo e soprattutto a Manila, bisogna essere guardinghi il giusto, ma non è il caso di farsi prendere troppo dalla paranoia. Basta la giusta prudenza e il non sottovalutare certe situazioni.
    Bye.
  10. Rossana Carbone
    , 22/2/2005 00:00
    Sono due anni che mi preparo psicologicamente....ad agosto partirò....finalmente vedrò che cosa sono le Filippine e tutto quello che è la sua vita e la sua cultura....
    Per chiunque abbia visto e amato quei posti posso dire che sarei immensamente felice di poter accogliere spezzoni di racconti, ricordi, consigli ed esperienze per poter partire con un bagaglio ancor più pieno di emozioni.
    A chi dice che è un paese pericoloso....beh....non può essere tanto pericoloso un luogo da cui proviene gente così umile.
    Raccontatemi tutto....io sono qua per assorbire quante più esperienze possibili.
    Un bacio a tutti!
    Rossana.