1. LAOS

    di , il 6/3/2001 00:00

    Ciao a tutti, sono antonella, una viaggiatrice fai

    da te appassionata dell'estremo oriente. Ho

    Visitato Cina, India, Thailandia e Birmania e

    Mi piacerebbe a brevissimo fare una capatina in

    Laos. Vorrei sapere se qualcuno di voi c'è stato

    Di recente, e se ha notizie su eventuali regioni

    da evitare o in genere sulla situazione del paese

    (a leggere i forum sull'argomento tenuti dai turisti

    Americani c'è da mettersi le mani nei capelli, ma

    Non capisco se son loro che esagerano).

    Grazie in anticipo per l'aiuto

    Ant

  2. Gionni Lz
    , 22/8/2001 00:00
    Care amiche,
    spero di darvi qualche informazione utile (se non siete già partite per il Laos).
    Sono stato in quel paese nel 1999 e devo dire che è stata una piacevole sorpresa.
    Non vi sono stato molto tempo (8-9 giorni), ma tanto è bastato per rendermi godo della gradevolezza di quella terra e della sua gente.
    Il mio viaggio si è limitato a Vientiane e Luang Prabang e relativi dintorni.
    Sono entrato in Laos dalla terraferma e non ho incontrato alcun problema: sono arrivato al mattino presto nella cittadina thailandese di Nong Khai (proprio al confine) e qui mi sono recato in una agenzia che ha provveduto a stilare tutti i documenti necessari per l'ottenimento del visto. Sinceramente non ricordo il costo del tutto (penso non meno di 20 US$), ma nel giro di poco più di 1 ora ero già in Laos. Probabilmente si può fare tutto facendo da sè e spendendo meno, ma rivolgendosi ad un'agenzia tutto è più facile e più veloce.
    Consiglio di fermarsi a Vientiane non meno di 2-3 giorni, perchè nonostante sia trascurata da tour-operators e turisti, a mio avviso è invece una città interessante.
    Il Pha That Luang, il tempio più importante, è uno dei più belli che abbia visto. Anche il Wat Phra Kaew ed il Wat Sisaket sono belli.
    Nei dintorni si trovano un parco (chiamato "Buddha Park") contenente decine di gigantesche sculture moderne di Buddha e varie divinità, un tempio rupestre sul Mekhong ed il Mekhong stesso, che però da queste parti non è particolarmente intrigante.
    Per chi è stato in altre capitale del sudest asiatico, Vientiane è davvero una novità: la città è tutt'altro che caotico, anzi sembra muoversi al rallentatore. Del resto, più che una città vera e propria è un paesone.
    Gli alberghi ed i ristoranti per turisti sono buoni, mentre la sera i pochi locali aperti si trovano tutti lungo una via del centro (una delle poche bene illuminate).
    Per spostarsi da Vientiane a Luang Prabang si può prendere l'aereo, ma io vi consiglio di sobbarcarvi le 10 ore e più di autobus, perchè si attraversano aree naturali bellissime e si ammirano paesaggi collinari fantastici. Gli autobus partono al mattino presto (sia da Vientiane che da Luang Prabang) e sono tutti strapieni, per cui vi conviene arrivare alla stazione il prima possibile per comprare il biglietto e prendere posto. Su questi bus i turisti sono pochi e si ha la possibilità di viaggiare fianco a fianco con la gente del posto. Questi bus effettuano una sosta per rifocillarsi ed altre a richiesta, per espletare i bisogni personali.
    Mammano che ci si inoltra all'interno del paese i paesaggi diventano sempre più belli e sulla strada si incontrano numerosi villaggi di tribù delle colline (veramente autentici). Sia all'andata che al ritorno, gli autobus però non si sono mai fermati presso questi villaggi.
    Vi conviene optare per l'aereo se soffrite il mal di mare o le curve: da un certo punto in poi è una curva continua (tra l'altro su fondi stradali dissestati) e vi sono continui saliscendi.
    Luang Prabang è una cittadina
    molto carina e dalla bella atmosfera. Il suo forte sono i templi buddhisti: ve ne sono tantissimi e tutti molto eleganti. A questi occorre aggiungere le architetture coloniali risalenti al periodo dell'occupazione francese, che aggiungono un tocco di bellezza in più alla città. Luang Prabang è dominata dalla collina Phu Si (vero punto di riferimento), sulla cima della quale si trova un santuario molto importante per gli abitanti della città. La salita non è molto faticosa (caldo a parte) e dalla cima della collina si hanno belle vedute della città, delle colline circostanti e del Mekhong.
    Per quel che riguarda la mia esperienza, trovare da dormire a Luang Prabang può risultare difficile: in città vi è un buon numero di turisti e le sistemazioni non sono molte. Se vi è il pienone, restano a disposizione solo guest-houses di livello davvero basso oppure alberghi di livello medio-alto, nei quali si spendono non meno di 25-30 US$ a notte. Logicamente, se siete in cerca di vita notturna rimarrete delusi da Luang Prabang (e dal Laos intero !): la cosa migliore da fare è passeggiare per le sue strade ed assaporarne l'atmosfera.
    Vi consiglio di visitare il mercato all'aperto al mattino presto, quando è al massimo dell'affollamento del folklore.
    Secondo me, vi conviene fermarvi in città non meno di 4-5 giorni, perchè almeno un paio di giorni è quasi d'obbligo passarli sul Mekhong, che qui è semplicemente fantastico.
    Per fare un giro giornaliero sul Mekhong basta recarsi al mattino sul lungofiume, e sicuramente verrete contattati da qualche barcaiolo. Passare una giornata su questo fiume è una delle esperienze più belle che si possano fare in Laos. A parte le famose grotte di Pak Ou, si possono visitare i villaggi che sorgono sulle sponde o semplicemente godere della bellezza dei paesaggi. Sempre in barca, ma nella direzione opposta rispetto a Pak Ou, si trovano le cascate di Khuang Xi, che ho trovato molto belle. Queste si posso raggiungere anche (e più velocemente) via terra, ma credo che arrivarci via fiume sia più piacevole. Una volta giunti in zona, le cascate possono essere poi raggiunte in auto via terra (10-15 minuti), partendo da uno dei villaggi sulle sponde del fiume: basta rivolgersi ad un qualsiasi proprietario di un mezzo privato e contrattare il prezzo della corsa.
    Per quel che ho avuto modo di vedere il Laos è un paese molto tranquillo e sicuro, anche se allontandosi dai centri principali conviene sempre essere cauti. Sia la guida Lonely Planet che siti su Internet, dicono che il percorso in autobus tra Vientiane e Luang Prabang non è del tutto sicuro, poichè nei pressi del paesino di Kasi (circa a 2/3 del percorso) sono attivi gruppi di guerriglieri che in passato hanno anche attaccato gli autobus. Quando ci sono passato io tutto è andato bene ed è probabile che così sia nella stragrande maggioranza dei casi. Io personalmente non ho avuto sensazioni di pericoli incombenti. Per il resto, Vientiane e Luang Prabang sono assolutamente tranquille.
    Se avete intenzione di andare nel Laos, il mio consiglio è semplice: fatelo !
  3. Lucia Bricca
    , 1/7/2001 00:00
    Ciao Antonella!!
    Anch'io vorrei tanto andare in Laos, magari abbinandolo alla Cambogia!!
    Perchè non ci sentiamo e magari chissà potremmo partire insieme!!
    Ho fatto i tuoi stessi viaggi, e sono sempre più innamorata di quelle zone e dei loro abitanti!!
    Fatti sentire mi raccomando!!
    Ciao Lucia!
  4. Antonella Sangalli
    , 6/3/2001 00:00
    Ciao a tutti, sono antonella, una viaggiatrice fai
    da te appassionata dell'estremo oriente. Ho
    visitato Cina, India, Thailandia e Birmania e
    mi piacerebbe a brevissimo fare una capatina in
    Laos. Vorrei sapere se qualcuno di voi c'è stato
    di recente, e se ha notizie su eventuali regioni
    da evitare o in genere sulla situazione del paese
    (a leggere i forum sull'argomento tenuti dai turisti
    americani c'è da mettersi le mani nei capelli, ma
    non capisco se son loro che esagerano).
    Grazie in anticipo per l'aiuto
    ant