1. Grecia e Isole della Grecia

    di , il 3/5/2008 16:45

    Le Guide per Caso delle isole greche sono Puccy e Artemisia59!

  2. dimodriver
    , 16/4/2014 12:53
    Ho solo 3 settimane, ma non sono amante della lettura, neanche della pennichella pomeridiana, sull'asciugamano non resisto più di mezz'ora al giorno, il pc lo lascio a casa, il tablet non l'ho, il telefono in vacanza spesso lo lascio spento, oltretutto sono un tipo sportivo e tu lo sai, consideriamo poi che il Mondo è grande e meraviglioso e la vita piuttosto breve........penso possa bastare
  3. Adeliana
    , 16/4/2014 12:10
    carissima Monia Non pensare a che cosa diremmo noi dei meravigliosi tuoi tramonti e dei panorami bellissimi...mettili lu facebook. Mi piacciono tantissimo le foto della natura ed anch' io come te non vedo l' ora di vedere il mare !!

    Comunque noi da Takis abbiamo le informazioni in diretta su Nisyros e tutto quanto ci serve delle isole greche. Oggi ha postato diverse foto di:


    "Sono incominciati i lavori di stabilizzazione della rocca del monastero ,Adesso siamo alla fasi di allontanamento delle rocce cadute"
  4. Monia Montini
    , 16/4/2014 09:42
    ma sai adeliana che proprio ieri pensavo di fare la stessa cosa? ho riletto con attenzione il diario di nisyros di puccy e pensavo anche io di girarlo a Takis.. beh mi hai preceduta, son contenta che gli sia piaciuto, la nostra puccy sa rendere tutto una poesia! qualche sera fa pensavo alle sue descrizioni, e di fronte ai colori del tramonto tornando dal lavoro mi sono sorpresa a pensare cosa avreste detto voi davanti a un tale spettacolo di colori... sarà per questo che io in una vacanza non cerco tanto il panorama quanto il mare...semplicemente perchè ogni mattina ho quasi davanti alla finestra l'alpe della luna :-)
  5. Adeliana
    , 16/4/2014 08:12
    messaggio urgente per la nostra PUCCY

    sai quando al mattino mi sveglio per iniziare bene la giornata entro in facebook dove ormai ho parecchi amici...".veri amici".

    E questa mattina il carissimo amico TAKIS YANNIOS che abita ad Atene d' inverno ci parlava della sua adorata NISYROS con foto (e spesso posta foto antiche che sono una meraviglia). Un' altra cara amica fiorentina parlava della spiaggia di pomiche e.............il mio intervento è stato la pubblicazione del sito del bellissimo tuo diario.

    Risposta di Takis...al quale già l'avevo passato tempo fa quando hai detto che vendo le banane agli africani o il ghiaccio agli esquimesi.

    "IL DIARIO DELLA TUA AMICA E' IN ASSOLUTO IL MIGLIOR DIARIO CHE IO HO MAI LETTO PIENAMENTE DOCUMENTATO CON TANTE FOTO. BRAVA TU E LA TUA AMICA. E DILLE LA MIA GRATITUDINE"

    ....adesso mi dai un messaggio per lui. Lo farai felice perché ha seri problemi di salute e facebook gli tiene compagnia.

    Certo quando parlo con lui, ormai quotidianamente, il mio pensiero va sempre all' altro carissimo amico ELENIKO.....ti ricordo sempre e spero che tu possa passare una

    S E R E N A P A S Q U A
  6. artemisia59
    , 15/4/2014 20:24
    @FDM
    Certo che ci fa piacere! DEVI tenerci informati! Ormai sei entrata nel gruppo, mica te la cavi così...!
    Dopo il viaggio aspettiamo anche il diario! Eheheheh :sbam:
  7. FDM
    , 15/4/2014 17:35
    @artemisia @puccy

    Grazie ancora per i preziosi consigli!

    Riesco a capire con quanta cura e amore sono dati..!

    1. In effetti mi dispiacerebbe escludere le meteore, perché non so quando potrò riconcedermi un nuovo viaggio in Grecia dopo questo.
    Però è giusto anche calcolare bene il percorso e cercare di non renderlo un tour de force estenuante....perderei uno dei miei obiettivi, ovvero cercare di godermi il tutto il più possibile!! Sono dell'idea che tutti i luoghi che si vogliano conoscere, debbano essere assaporati e vissuti fino in fondo, almeno per quanto possibile in un tempo che di solito (e per me sempre!) è piuttosto ristretto.

    Il mio itinerario è dunque ancora in progress! Vi terrò, se vi fa piacere, aggiornate!

    A presto e ciao a tutti!!!
  8. artemisia59
    , 15/4/2014 16:39
    @PUCCY
    Anch'io, come Margaretgra, voglio il racconto su MYKONOS!!! E mi sa che lo vuole pure Adeliana!!
  9. artemisia59
    , 15/4/2014 16:36
    @Elena Avanzi
    Adeliana ti ha ben informato su Milos.
    Voglio solo farti una piccola traccia di quelle che secondo me sono le spiagge più adatte alla bambina, cioè con acqua bassa e fondo praticabile a piedi nudi.
    SARAKINIKO come già detto da Adeliana, perché è spettacolare e facile, ma occhio al bianco abbacinante delle scogliere: occhiali da sole, cappelli e meglio arrivare presto: la spiaggetta è minuscola, e gli unici ripari sono due o tre cespugli.
    PROVATAS
    La spiaggia più riparata di Milos, da privilegiare da qualunque parte tiri il vento. Anche qui l'acqua è bassa e con sabbia.
    TSIGRADO
    La bimba si divertirà molto a scendere con la corda: piccola e leggera, con un adulto alle spalle, non avrà difficoltà. La spiaggia che troverete è ancora una volta di sabbia, con acqua cristallina (come sempre a Milos), piccola e racchiusa dagli alti scogli che offrono anche riparo dal sole.
    AGIA KIRIAKI
    Battigia di sassolini bianchi e rotondi, possibilità di affittare ombrelloni.
    HIVADOLIMNI
    La spiaggia di fronte ad Adamas, superato l'aeroporto. frequentata soprattutto dai locali, ha arenile sabbioso e morbido, molte tamerici e acqua bassa per decine e decine di metri. Si raggiunge direttamente dalla strada statale.
    PALEOHORI
    Spiaggia molto grande, con sabbia e ombrelloni. Forse la meglio servita, ma anche la più affollata.






    Ciò non significa che le altre spiagge di Milos non siano adatte, visto che sono una più bella dell'altra e con acque e colori unici. Nessuna è pericolosa. Ti ho voluto pero' citare queste, nel caso avessi quei momenti in cui si ha voglia un attimo di "staccare" e lasciare che la bimba possa giocare e bagnarsi anche col solo sguardo dei genitori.


    Un'ultimo consiglio sulle gite in barca. Sicuramente la farete, fosse solo per andare a Kleftiko. Non partite, come noi, da Kipos, per stare in barca meno tempo. La barca che parte da Kipos è più piccola e non porta il gommone per la discesa. A Kleftiko c'è una piccola spiaggia di ghiaia, che per la bimba sarebbe l'occasione per bagnarsi in quel luogo unico, ma con le barche piccole si è costretti a tuffarsi e, chi vuole, raggiungere la spiaggetta a nuoto. Con la piccola non mi sembra una buona idea. Quindi partite da Adamas con le barche grandi, che poi trasportano direttamente i bagnanti con i gommoncini.
  10. artemisia59
    , 15/4/2014 16:07
    @FDM


    Il consiglio di Puccy, cioè di tenere le Meteore per un altro viaggio, è sicuramente ottimo e sensato.
    Poi dipende da come si è fatti. Per esempio, io soffrirei troppo a tralasciare qualcosa che ho in mente. Difatti noi, volendo assolutamente vedere le Meteore, siamo sbarcati ad Igoumenitsa e là ci siamo diretti. Del doman non v'è certezza...


    Non ce ne siamo pentiti.
    Il mio consiglio è: mettiti davanti una cartina e segna ciò che non vuoi assolutamente perderti. Con Google map inizia con le simulazioni (km e tempi di percorrenza) e incastra con i giorni a disposizione.


    Riguardo il tratto di mare tra Patrasso e le Ionie, è davvero uno spettacolo, ma se scegli di ripartire da Patrasso nei giorni in cui il traghetto salpa nel primo pomeriggio, puoi goderti la traversata nell'orario migliore, cioè quando il sole inizia a calare e le scogliere di Lefkada si infuocano...
    La Minoan in certi giorni a fine luglio salpa alle 16 e la Anek alle 14,30.
  11. artemisia59
    , 15/4/2014 15:50
    @nelard
    GRAZIE!!! I tuoi interventi poetici sono una ricchezza!
    La nostra Grecia del cuore
  12. artemisia59
    , 15/4/2014 15:47
    Folegandros:

    Come Adeliana, l'ho vista solo una giornata, durante il trasferimento da Milos a Santorini. Mi ha stregata.
    Concordo pienamente con la descrizione che ne fa Puccy, cioè quella sensazione di qualcosa di "costruito", ma una sensazione più vicina al mistero che al fastidio. Mi spiego. Siamo arrivati a Folegandros alle 11 di mattina di un 6 luglio, insieme ad una manciata di altri turisti. Sbarcati, arriviamo con il bus alla chora, dopodiché, ognuno viene come inghiottito dal nulla. Il paesaggio si presenta subito assolutamente desolato e brullo, punteggiato da qualche gruppetto di case bianche o piccole chiese. Arrivati alla Chora, ecco le tante bouganvillee, gli studios ricercati e chic, poi il paese incantato. "Costruito" sì, preparato ad accogliere il turista, ma, come se la preparazione facesse parte più di un incanto che di un business...
    La piacevole sensazione di mistero viene acuita dalla assoluta assenza di persone per strada. Saliamo fino al cimitero e poi alla chiesa, senza incontrare nessuno. Ancora nessuno nella discesa di 3 km a piedi fino al porto.
    Alla spiaggia vicino al porto, c'è un po' di gente locale. Così nel ristorantino dove ci rifocilliamo.
    Abbiamo notato anche noi prezzi più alti, così come ci siamo resi conto della tipologia di turismo: un turismo sicuramente poco chiassoso.
    Credo che gli abitanti autoctoni siano davvero pochi, sparpagliati su per le gialle colline.
    Non so come sia Folegandros ad agosto
  13. nelard
    , 15/4/2014 15:25
    "ERANO IN DUE"


    [url=]None[/url]Erano in due, ma sembravano una sola persona;


    forse nordiche, di sicuro venivano da lontano.


    Si muovevano di una sinuosità naturale fatta di curve,


    le lunghe ombre del crepuscolo sulla spiaggia ormai vuota di Anargiri.





    Tre tamerici, sulla sabbia disposte ad arco,


    offrivano un simulacro di privacy e, loro, ne avevano fatto un personale scrigno.


    Il mare, davanti, sciabordava, ormai stanco dei refoli pomeridiani


    e distillava nell’aria una litania ritmica e conciliante.





    In quell’universo diafano fatto di due persone, io, volto ad altrove, ero il terzo;


    sufficientemente lontano per non essere di troppo; abbastanza vicino per far parte


    dei movimenti ritmici, degli sfioramenti, delle curve che andavano magicamente a combaciare,


    l’una sull’altra, dentro l’altra.





    Poi, alla fine, mi passarono accanto, nei loro passi verso il bagnasciuga,


    sorridendomi, radiose nella loro trasfigurata felicità.


    Ricambiai il sorriso, ricevendone una gratitudine fatta di apprezzamento per la mia discrezione.


    Le vidi nuotare nell’acqua, come in una danza purificatrice.





    Era stato l’ennesimo miracolo di Anafi.
  14. artemisia59
    , 15/4/2014 15:25
    @Adeliana
    Ci sono, ci sono...
    Grazie dei preziosi post sulle Cicladi: esauriente e precisa come sempre! :doc:
  15. margaretgra
    , 15/4/2014 15:02
    Puccy grazie ancora, ti dirò di più, colpo di scena, perchè su tuo suggerimento farò la terza settimana a mykonos, verso fine agosto, quindi ti chiedo la gentilezza di regalarmi un altro tuo racconto dettagliato, colorato e intenso su mykonos. Gli altri due, quello su Ios e su Folegandros, li ho già salvati nella mia agenda Grecia 2014. Dalle tue descrizioni mi arriva chiaro il messaggio di ciò che abitualmente osservo in un luogo, quindi sono certa che i luoghi che visiterò sono proprio quelli che sto cercando.Grazie ancora
  16. puccy
    , 15/4/2014 14:56
    @ITINERA .... GRANDE ITI !!! ... condivido, greci fra i greci !!