1. L'ultimo viaggio di Tiziano Terzani

    di , il 30/7/2004 00:00

    Viaggiatore e giornalista, letto ed amato da molti di noi, due giorni fa ha intrapreso il suo ultimo viaggio. Lasciamo qui i nostri messaggi di saluto, ringraziamento e speranza!

  2. Donatella Pettinati
    , 28/9/2004 00:00
    Al signor Tiziano Terzani. Roma, 27-09-2004

    Caro Signor Terzani,
    so che non ci sei più, ma credo che tu possa capire il perchè io ti stia scrivendo in questo momento.
    Ti ho visto e ascoltato per la prima volta questa sera... in TV.

    Credo che, nel tuo cercare, alla fine tu abbia trovato la cura alla mortalità umana. La cura é nel cuore: in ciò che ti rimane dopo una vita vissuta e in ciò che di buono riesci comunque a lasciare di te negli altri.

    Questa sera ho riso con te (sentendoti ridere così fragorosamente) mentre dicevi di cominciare e finire la giornata ridendo. Mi hai ricordato una guida mongola che ho incontrato qualche anno fà nel Deserto dei Gobi. Anche allora non sono riuscita a trattenermi dal ridere sentendo il sussultare della sua voce e guardando i suoi occhi luminosi.

    Sarebbe troppo lungo doverti spiegare il perché sono d'accordo con te contro l'inutilità dei conflitti.

    Sappi che é stato bello ascoltarti. Ringrazio anche la tua famiglia per questo.

    Sii felice dove sei. Tutto é Uno.

    Ciao.

    Donatella
  3. soonia
    , 31/8/2004 00:00
    ...Molte parole risultano inutili per descrivere il dolore di questa perdita per l'umanità...Tiziano, riuscivi a dare una spiegazione ad ogni azione, la comprensione per le cose più crudeli, la tolleranza per tutti quelli che incontravi nel tuo cammino se pure di culture diverse...
    Grazie d'averci insegnato ad aprire occhi, cuore e mente...
    Sonia
    p.s. Grazie anche ad Angela...sempre presente!
  4. Turista Anonimo
    , 24/8/2004 00:00
    Se posso consigliarvi un libro NON scritto da Tiziano....
    "Il cancello" di Francois Bizot......sulla Cambogia, su khmer rossi, sull'assedio all'ambasciata francese (avete visto "Urla del silenzio"?) sulla sua prigionia di francese in terra d'Asia......BELLISSIMO
  5. Laura Novara
    , 24/8/2004 00:00
    Volevo farti i complimenti, mi sento un po' meno sola
    grazie
  6. Turista Anonimo
    , 24/8/2004 00:00
    Ciao Didone, quando "riaprirà" il sito www.tizianoterzani.com non dimenticare di visitarlo.....ci trovi i suoi articoli dal 1992.....e altre cose.....
    Ho da poco finito di leggere il suo "Un altro giro di giostra"........un altro gran bel libro.....pare che ne uscirà un altro postumo, pare che sarà un libro/dialogo tra padre e figlio.......Tiziano e Folco......spero ciò accada il più presto possibile......
  7. Turista Anonimo
    , 23/8/2004 00:00
    Fabio sei proprio tanto gentile! Grazie e non solo per il link, ma anche per quello che hai pubblicato qui di Terzani.
    Mi verrebbe una gran voglia di metterci anche questa lettera. E' bellissima. Le << urla scomposte>> della Fallaci riempiono l'aria solo di negativitá.
    Ci voleva una voce limpida, chiara e luminosa come quella di Tiziano per portareun po' speranza davanti al pessimismo di una donna che sembra essere solo colma di rancore per... la vita, per il mondo.
  8. Turista Anonimo
    , 23/8/2004 00:00
    Ciao Didone......ora il sito www.tizianoterzani.com è in rinnovamento.......
    clicca su questo link
    http://www.stringer.it/Stringer%20Schede/WAR/spec_WAR_terzani.htm
  9. Turista Anonimo
    , 23/8/2004 00:00
    Caterina saresti così gentile da indicarmi dove trovare la lettera scritta alla Fallaci? Vorrei tanto leggerla.
  10. Caterina Salassa
    , 23/8/2004 00:00
    Mi vergogno quasi nel dire che non conoscevo Tiziano Terza-
    ni, finchè mi è capitato, da poco, di leggere la splendida lette-
    ra da lui scritta ad Oriana Fallaci, in risposta alle farneticazio-
    ni di quest'ultima, dopo la tragedia delle Torri Gemelle dell'11
    settembre.

    Voglio colmare la mia grave lacuna, al più presto, leggendo
    i suoi libri. Mi addolora, molto, la sua recente scomparsa. Ab-
    biamo tanto bisogno di voci limpide, in mezzo a tante urla scomposte!

    Caterina
  11. Puccipucci Sissi
    , 21/8/2004 00:00
    apprendo solo adesso la notizia della morte di tiziano terzani, xché ero in viaggio: posso dire che grazie a lui i miei viaggi sono stati diversi, perché leggendo i suoi libri ci ha insegnato a guardare con curiosità e rispetto chi è diverso da noi. grazie tiziano, per aver avuto il coraggio di essere veramente controcorrente e per averci trasmesso tante sensazioni e tanto desiderio di scoprire culture, nazioni e storie umane di immensa ricchezza. ancora grazie, tiziana
  12. Turista Anonimo
    , 20/8/2004 00:00
    addio tiziano, mi ero illuso che l'indovino di Hong Kong avesse veramente il potere... anche se non sei arrivato a 84 anni hai fatto sognare molti. io sono uno dei molti, mi accompagni sempre neimiei viaggi in asia e mi aiuti a capirla...
  13. Michele Judica
    , 12/8/2004 00:00
    Ho appena appreso della morte di Terzani, voglio comunque spedire ugualmente questo messaggio e rimarcare la mia ammirazione per questo grande scrittore e giornalista.
    Egr. sig. Terzani,

    sino a qualche tempo fa lei per me era uno sconosciuto. Poi, un giorno, sintonizzato sulla Rai3, ho ascoltato un giornalista leggere alcuni brani del suo ultimo lavoro: "un altro giro di giostra"; mia moglie ed io ne siamo subito rimasti molto colpiti, perchè in quelle poche righe, avevamo ritrovato molti dei concetti riguardanti l'esistenza dell'uomo che da molto tempo abbiamo sviluppato in noi.
    Siamo perciò subito corsi in libreria ed abbiamo acquistato il volume.

    Mia moglie ed io siamo usi leggere i libri insieme, solitamente io leggo ad alta voce, e poi commentiamo.

    Così stiamo facendo nella lettura del suo libro, lettura che ci sta entusiamando sia per i contenuti che per il modo di esporli.

    Condividiamo pienamente che la vera rivoluzione deve essere operata all'interno di ogni uomo, attraverso lo sviluppo della consapevolezza di sè , l'espansione della propria coscienza ed il consolidamento di quegli immutabili valori umani che sono l'amore ed il rispetto reciproco, la tolleranza e la compassione.

    Nessuna guerra potrà mai risolvere i problemi umani che ci affliggono da decine di secoli,problemi che scaturiscono principalmente dallo smodato desiderio di potere, di ricchezza che genera la violenza del l'uomo sull'uomo.

    La storia conosciuta dell'uomo è costellata di guerre, di sofferenze , di miserie, guerre che non hanno mai risolto alcun problema, ma anzi generata altra violenza in una spirale infinita.

    Nonostante questo, l'uomo continua ad avere in pratica lo stesso comportamento da secoli, perdendo, ogni volta, la memoria e le esperienze passate.

    Certo, decine di secoli sono niente in confronto all'eternità, e questo pensiero ci conforta, poichè ci fa sperare in un futuro umano migliore, anche se siamo certi che noi ( ormai sessantenni ), non potremo assistervi.

    Le scrivo principalmente per complimentarmi con lei , ma anche perchè credo che esprimere le proprie idee, quando soprattutto sono idee di pace e fratellanza, sia utile e dia comunque un piccolo contributo e impulso al miglioramento delle condizioni umane.

    Sono fortemente orientato a credere che lo scopo della nostra esistenza terrena non si limiti al solo " ciclo vitale ", nascita ,sviluppo e morte, perchè non avrebbe alcun senso, perchè tutto quello di materiale che abbiamo costruito e costruiremo, è comunque destinato a finire ( così come tutto il nostro sistema solare ), vanificando ogni nostro sforzo, anche se positivo.
    Deve quindi esserci una ragione molto più importante, quella vera, che noi uomini andiamo cercando da sempre, ma che forse, in questa dimensione materiale, non potremo mai chiaramente vedere e quindi comprendere.

    La perfezione del creato ( che noi comunque conosciamo in maniera molto parziale e limitata ), mi fa credere all'esistenza di un Essere Superiore perfetto da cui, come tale, possono scaturire solo cose perfette.

    Anche l'uomo, quindi, è destinato ad armonizzarsi con tutto il creato, e l'esperienza di vita terrena ha probabilmente lo scopo di fargliene acquisire intima coscienza.

    Forse il male, così come molti di noi lo intendono, non esiste; certe situazioni devono essere vissute per facilitare la comprensione della Verità, e per prendere quindi coscienza di chi siamo veramente.

    L'argomento è profondo e non può essere certo sviluppato in poche righe.

    Voglio comunque congratularmi con lei e ringraziarla per il significativo contributo che sta dando alla causa umana, libero da condizionamenti e fuori quindi dal coro, coro che , di questi tempi, trova, nei sofisticati e capillari mezzi di comunicazione di massa, un prezioso se non indispensabile alleato.

    La saluto cordialmente

    M.Judica
  14. Turista Anonimo
    , 11/8/2004 00:00
    Bella pagina, anonimo, veramente. La Rete e la sua liberta' sono il modo migliore per ricordare uno come Tiziano, libero fino al midollo e felice di esserlo.
  15. àlen from imola
    , 10/8/2004 00:00
    Stavo preparando proprio una pagina on-line dedicata a lui, dopo aver terminato da poco il suo libro. Beh, la finirò con calma, arricchendola con tanto altro materiale.
    Dateci un'occhiata.

    http://www.sgimola.it/terzani.html

    Ciao Tiziano, sei sempre un grande...
  16. Mariaelena Valzelli 1
    , 4/8/2004 00:00
    ...una parte di noi se ne va' con lui chi ha letto i suoi libri sa bene..cosa intendo...la poesia espressa nelle sue parole non morira' mai...finche' noi ne alimenteremo...le radici
    grazie, grazie di cuore tiziano
    m.elena