1. Meduse

    di , il 31/5/2004 00:00

    Vorrei andare in vacanza in un'isola delle baleari, ho sentito dire che ci sono molte meduse, è vero? Come ci si deve comportare quando si viene urticati?

  2. Tiziana 6
    , 21/8/2004 00:00
    Amici
    14/08/2004 shock anafilqttico dq medusa giallognola a Koh Samui...mi dicono che forse fra un anno scompariranno i segni che mi ha lasciato la Tailandia....o forse non spariranno piu.....facevo il bagnetto senza il mio fidanzato che e' salvo e mi hanno preso ...;;ero a riva e non le ho viste .....altra gente era in acqua...io mi sono sentita svenire ......il dopo e' stato terribile ......3 giorni in ospedale in Thailandia ;;;;ora torno in Italia e vedremo se occorrera la plastica..........
  3. Stefano Bacchelli
    , 19/8/2004 00:00
    STO PER ANDARE ALL ISOLA D ELBA-LOCALITA LACONA/CAPO STELLA.
    AVETE NOTIZIA DI MEDUSE E PROBLEMI SIMILI?



    BO 19-8-2004
  4. Emi Castellini
    , 16/8/2004 00:00
    Sottovalutavo le meduse. Ora non più. Mi ha preso in pieno sulle costole mentre in piedi in acqua guardavo il panorama. Non facevo niente di male al mare. Ho sentito come il morso di una grande murena. Ho urlato e l'ho allontanata da me: era trasparente, con dei puntini violetti, grande quanto la lesione che mi ha lasciato. Ho stritolato per un quarto d'ora la mano della mia amica per il dolore, poi eroicamente ho raggiunto la barca nuotando. Non so cosa mi diceva che appena sarei ucita dal mare il dolore sarebbe esploso. Infatti è stato così. Istintivamente ho fatto cose sbagliate, e ho poi risolto con Foille e cortisone per via generale. Ho pianto dal dolore per due ore come una bambina, con la mia bambina che mi teneva la mano. Ora ho terrore delle meduse. State in guardia!
  5. Marco Rossi 16
    , 2/8/2004 00:00
    Vorrei andare a Skopelos, ho letto in una guida che le meduse sono un problema, qualcuno c'è stato, è vero? Grazie.
  6. Turista Anonimo
    , 15/6/2004 00:00
    Cavolo...questo non è un primo soccorso per aver strusciato in una medusa...ma se veni attaccato da una "marea" di esse :-) comunque meglio sapere sempre cosa fare.
    ;-)
  7. Turista Anonimo
    , 11/6/2004 00:00
    Primo Soccorso: Valutare la situazione ed i segni vitali ed iniziare il primo soccorso. Neutralizzare le nematocisti: irrorare abbondantemente l’area colpita con acido acetico al 5% ( aceto bianco), questo previene altre lesioni sia al sub che al soccorritore. Se non c’è aceto, irrorare con acqua di mare o soluzione salina. Indossare sempre guanti protettivi per evitare la trasmissione di malattie e lesioni al soccorritore da parte di nematocisti ancora attive. Una volta neutralizzate le nematocisti, si possono rimuovere i tentacoli residui con pinze chirurgiche o pinzette estetiche. Si può anche radere la zona con crema da barba e rasoio di sicurezza. Applicare creme o lozioni a base di idrocortisone e tenere sotto controllo per l’eventuale insorgenza di reazioni allergiche o infezioni. Se c’è dolore, applicare ghiaccio o un impacco freddo

    da http://www.sublandia.it/sublandia/ambulatorio/dan/300.htm#Irritazioni
  8. Turista Anonimo
    , 4/6/2004 00:00
    Beccata, avevo voluto giocare a fare la spiritosa
    in realtà (tornando seria) io penso davvero che siamo noi uomini a essere intrusi nella natura e in moltissime situazioni, come diceva giustissimamente Rambutan con il quale concordo pienamente. (cavoli, ma non ti sfugge proprio niente!...)
    tuttavia è anche vero che in acqua, se le becchi incautamente, le meduse bruciano!! come i serpenti mordono, o gli squali ti staccano un arto... sempre se li avvicini o ti scontri con loro in modo ..."incauto"
    In questo post si cerca di capire se esiste un modo cauto (e, ovviamente, rispettoso) per minimizzare il danno da brucio o evitarlo tout court.
  9. Turista Anonimo
    , 4/6/2004 00:00
    Ahhhhh !!! Hortensia, scusami, evidentemente ho interpretato male il tuo post ... capita ... mah ... boh ... beh ...
  10. Turista Anonimo
    , 4/6/2004 00:00
    veramente avevo giurato che non ne avrei toccata mai più una, che hai capito? sei ribollito?
    lo so benissimo che se c'è uno che si deve togliere dai piedi in certe situazioni e in certi habitat è solo l'essere umano!!
    e se c'è un essere vivente che sta distruggendo velocemente la terra è sempre lui, l'uomo e non certo la medusa...
    grazie della lezioncina caro rambutan, dolce frutto orientale...
  11. Turista Anonimo
    , 4/6/2004 00:00
    Hortensia, ma ritirati dalle scene, per favore ...
    Forse non l'hai ancora capito, ma il mare è l'habitat naturale dalle meduse, non quello dell'uomo, che non sò se ne sei al corrente, ma non è un animale marino.
    E' logico che le ustioni delle meduse sono dolorose e spiacevoli, ma cosa bisogna fare allora, sterminarle tutte ?!?!
    Mah ... sono davvero perplesso ... "turisti per caso" ... non c'è nome più adatto per riassumere il tuo pensiero ...
    Col tuo ragionamento, per consentire ai bagnanti della costa australiana di nuotare tranquilli senza rischi, bisognerebbe eliminare tutti gli squali bianchi, perchè mettono in pericolo la loro vita !!! Poi, magari facciamo la stessa cosa anche coi serpenti, sai ... anche questi sono pericolosi per chi fà trekking nella giungla ... e potrei continuare con altre centinaia di specie ...
    Spero tu non abbia mai intenzioni di visitare un qualsiasi paradiso naturale, perchè con la sensibilità e l'attenzione che mostri nei confronti della natura ci sarebbe davvero di che preoccuparsi ...
  12. Turista Anonimo
    , 4/6/2004 00:00
    Povere medusine tenere e rosa, ma sì lasciamole galleggiare intorno a noi, hai ragione Serena perché farle liquefare crudelmente arrostite dal sole, loro che non fanno quasi male a nessuno?.... giuro non ucciderò mai più un così dolce animaletto
  13. Turista Anonimo
    , 3/6/2004 00:00
    Io non esagererei visto che le meduse del Mediterraneo non sono di certo...quelle australiane!!! Se proprio la sfiga è grande le parti prese sono estese (allora vorrebbe dire che la medusa è di dimensioni grandi). Posso capire che faccia male, ma vi assicuro che se vi struscia appena, il bruciore dura poco e non è insipportabile. Io eviterei prodotti farmaceutici e opterei, come ti hanno già detto, per ammoniaca, urina e sabbia calda. Comunque...non ce ne sono così tante e poi dipende dalle correnti del momento e sinceramente farle fuori buttandole sulla spiaggia, mi sembra poco carino.
  14. Turista Anonimo
    , 2/6/2004 00:00
    Si dice anche che il veleno della medusa, essendo termolabile, puo' essere contrastato con un impacco molto caldo, al limite anche sabbia. Pare pero' che l'ustione, soprattutto se estesa, lasci tracce di lunga durata, ahinoi...
  15. Turista Anonimo
    , 1/6/2004 00:00
    Se si trova in un bar o ristorante vicino al mare bisogna versare dell'aceto sull'ustione.
    In caso di mancanza dell'aceto è sufficiente versarci dell'...urina.
    Può sembrare disgustoso, e lo è, ma funziona.
    Serve ovviamente un bicchiere...a meno che non si voglia chiedere la cortesia ad un amico!
    Ci sono ovviamente anche delle medicazioni che vengono vendute in farmacia.
    Ma in ogni caso l'ustione resta e fa male.
  16. Turista Anonimo
    , 1/6/2004 00:00
    Io ho visto un pescatore di filicudi scarnificarsi la pelle con le unghie ridacchiando...
    Io uso il sistema retino: si individua la medusa si prende il retino la si pesca, la si getta sulla riva e si torna a nuotare. questo sistema parte dal presupposto che la medusa non nuota ma si lascia trasportare, dunque resta lì dove l'hai vista nei secoli dei secoli (a meno che il mare non sia mosso)
    ma il presupposto potrebbe essere sbagliato...
    chi le conosce meglio parli!