1. LA VERITA' FA MALE.

    di , il 12/2/2004 00:00

    Eccomi qui a scrivere di cuba.

    Prima di partire ero un po' scettico, sentivo che qualcosa mi avrebbe deluso, e sorridevo leggendo i commenti estasiati di chi considera un viaggio lo stare in albergo a 5 stelle parlando italiano e mangiando spaghetti.

    Ho depennato sulla mia lonely planet (ma avrei voluto sinceramente strappare le pagine) quei posti come cayo coco, varadero e affini.

    Sono partito per cuba insieme a mio padre (io ho 25 anni) e a mio fratello di 11 anni.

    Solito viaggio come ne facciamo continuamente.

    Qualcosa non mi quadrava su cuba, ma allo stesso tempo qualcosa mi affascinava, saranno stati i racconti sulla revolucion e sul che che mia madre mi faceva quando ero bambino, o la voglia di scoprire e capire un paese dove l'america non ha la meglio e dove la popolazione ha libero accesso ai beni di prima necessità (sanità, tessera di razionamento, istruzione).

    Prima di partire ho comprato una biografia non autorizzata di fidel (edita da fandango, molto molto inter (il testo è giunto interrotto . NON COPIANICOLLATE! n.d.r)

  2. Turista Anonimo
    , 9/4/2004 00:00
    Al di là del fatto che il testo è giunto interrotto, solo a Cuba la gente ha libero accesso all'istruzione ed alla sanità? In Italia deve andare prima a chiedere il permesso a qualcuno?
    Intanto a Cuba è vietato ai cubani andare a Cayo Largo: le guardie controllano il passaporto, e passi soltanto se sei straniero. In Italia gli italiani vanno dove vogliono.
    Questo per sottolineare le meraviglie della """""verità!!!!!""""""" (PUAH!!!).
  3. Sandra Gioga
    , 24/3/2004 00:00
    Come io non critico chi ama i viaggi in cui uno si arraggia, dal volo a trovarsi da dormire, chi parte all'avventura, chi si affida e si fida dei locali che conosce sul posto, non vedo perche si continuino a deprecare chi sceglie una vacanza organizzata.
    Se ho sempre optato per questa ultima scelta non è che io mi accosti ad un paese ( cuba, per esempio, dove sono stata a febbraio) senza rispetto o con chiusure mentali o pregiudizi, anzi.
  4. Valentina Viroli
    , 23/3/2004 00:00
    ciao a tutti,son valentina e purtroppo ieri sono tornata da cuba,un posto stupendo ed incantevole, dove respiri un aria diversa,non ci credevo : tutti mi dicevano che sarebbe rimasta nel cuore..ho solo 21 anni ma ho già viaggiato molto e sicuramente ogni viaggio ti lascia dei bei ricordi e delle belle emozioni, cuba però ha qualcosa di diverso.
    per quanto riguarda i soldi hai perfettamente ragione è uno sperperio continuo,tutto per loro è basato su questo, forse però a varadero (io ero li), essendo un posto principalmente turistico è ancora più evidente, per quanto riguarda prostituzione e sicurezza devo lanciare una lancia a favore proprio di questa citta: i turisti sono venerati (per ovvi ,motivi) e si può uscire da sole (eravamo 2 donne) anche di sera e per quanto riguarda la prostituzione li è ben nascosta, sicuramente però tutto richiama il sesso, basti andare a vedere un loro soettacolo nei locali la sera...ero al veraclub gran caribe del quale avevo sentito parlare molto male: in effetti la struttura, a livello di manutenzione, lascia un po a desiderare ma credo che si affianchi bene al resto del paese(molto povero) il cibo non era di buon livello, ma calcolato che li han tutto razionato anche questo ti affianca un pelo alla vita del paese l'animazione (per quanto poco servisse in questo paese) era splendida :la maggior parte è locale, insomma io mi son sentita più a contatto con la vita del posto sebbene fossi in villaggio, cuba è comunque un esperienza unica ed indimenticabile e sicuramente presto ci tornero
  5. cubalowcost1
    , 19/3/2004 00:00
    Mi ritengo un turista esperto di CUBA.Ci sono stato 4 volte per un totale di 4 mesi.
    Purtroppo noto con dispiacere ogni volta che ci torno i prezzi aumentano visto che, per colpa di turisti spendaccioni che "buttano" via i dollari, i cubani credono che noi siamo persone a cui i soldi escono da tutte le parti, orecchie comprese!
    Credo che con un pò di equilibro ed attenzione sia possibile rientare nei ranghi!
    Un esempio:stavo mangiando con dei turisti italiani l'aragosta nella casa dove alloggiavo;la signora ci dice che dobbiamo pagare 10 $ a persona e uno dei turisti dice "Capperi ottimo prezzo pensi signora che in Italia costa 50 $".
    Facendo così la prossima volta che torno magari la pagheremo 15 $ l'aragosta..certo che alcuni personaggi secondo me farebbero bene a starsene a casa!
    Chiedetemi tutte le dritte e i consigli per spendere il giusto e per divertirvi alla grande a CUBA. Tariffe aeree scontate, case particular indipendenti a buon prezzo, cose da fare e cose da non fare.

    Viva CUBA al giusto prezzo!
    Mi trovare su
    MSN : cubalowcost@hotmail.com
    ICQ : 270225133

    All the information for pay less money in CUBA. You can rent houses at a good price.
  6. Viviana . 1
    , 20/2/2004 00:00
    Ma se il testo è giunto interrotto, perchè lo avete pubblicato?????????
    BO'!?
  7. Turista Anonimo
    , 16/2/2004 00:00
    E quindi? Su che cosa si dovrabbe discutere , o illuminato?
  8. Carlo genesio Cerutti
    , 16/2/2004 00:00
    Ammiro la tua chiarezza ma il concetto che volevi esprimere potresti chiarirmelo por favor que no intiendo muy bien tu idioma. Gracias amigo.
  9. Alessandro Fruscella
    , 12/2/2004 00:00
    Eccomi qui a scrivere di cuba.
    prima di partire ero un po' scettico, sentivo che qualcosa mi avrebbe deluso, e sorridevo leggendo i commenti estasiati di chi considera un viaggio lo stare in albergo a 5 stelle parlando italiano e mangiando spaghetti.
    ho depennato sulla mia lonely planet (ma avrei voluto sinceramente strappare le pagine) quei posti come cayo coco, varadero e affini.
    sono partito per cuba insieme a mio padre (io ho 25 anni) e a mio fratello di 11 anni.
    solito viaggio come ne facciamo continuamente.
    qualcosa non mi quadrava su cuba, ma allo stesso tempo qualcosa mi affascinava, saranno stati i racconti sulla revolucion e sul che che mia madre mi faceva quando ero bambino, o la voglia di scoprire e capire un paese dove l'america non ha la meglio e dove la popolazione ha libero accesso ai beni di prima necessità (sanità, tessera di razionamento, istruzione).
    prima di partire ho comprato una biografia non autorizzata di fidel (edita da fandango, molto molto inter (il testo è giunto interrotto . NON COPIANICOLLATE! n.d.r)