1. Protocollo di Kyoto: un sogno impossibile?

    di , il 1/12/2003 00:00

    L'ennesimo tentativo di ratificare il protocollo di Kyoto per la limitazione delle emissioni atmosferiche stà per fallire.

    Quali sono le motivazioni che ne ostacolano la ratifica?

    Si tratta di motivazioni biecamente commerciali, o dell'idea sostenuta da un filone di scienziati secondo i quali l'effetto serra non esiste?

    Chi va contro corrente? Può la questione del protocollo allargare ulteriormente la spaccatura tra Europa e USA? ...e cosa può fare ogni semplice abitante del pianeta Terra per portare il suo contributo?

  2. Antonio t. T
    , 4/1/2004 00:00
    I ricchi, arricchendosi, non sono diventati più generosi e nemmeno più saggi. L’aiuto dei paesi ricchi ai paesi poveri è diminuito, non è aumentato. È passato dallo 0,35% del loro Pil (all’inizio degli anni novanta) allo 0,22% dell’anno 2000. Il Segretario generale dell’Onu, Kofi Annan, alla vigilia di Johannesburg, denunciava due drammatici punti irrisolti: l’assenza di una strategia politica internazionale per affrontare, tutti insieme, la sfida della povertà sul pianeta; e l’evidenza delle minacce derivanti simultaneamente dai ritmi di produzione e di consumo, insostenibili dall’ambiente naturale.
    La situazione odierna è peggiore rispetto a quella prevista a Rio de Janeiro: i trend negativi che erano stati individuati sono oggi in gran parte più gravi e nessuna delle tendenze attuali induce a una qualche forma di ottimismo.

    L'amministrazione Bush è davvero uno dei peggiori governi che gli Stati Uniti abbiano da molti anni. Prima ancora della guerra in Iraq, lo scandalo Enron e l'attacco sferrato contro tutte le politiche redistributive dal New Deal in poi avevano già rivelato un gruppo dirigente reazionario, affarista, immerso nei conflitti d'interessi. Non fosse stato per l'11 settembre, peserebbe ancora su Bush la dubbia legittimità di un'elezione rubata con i brogli in Florida

    Considerato che adesso per molti versi finiranno per governare il mondo,traete voi le conclusioni
  3. Antonio Galliani
    , 11/12/2003 00:00
    Provate ad andare sul sito www.bancadelclima.it non è male.
    Ciao!
    Antonio
  4. Turista Anonimo
    , 10/12/2003 00:00
    Quali sono le motivazioni che ne ostacolano la ratifica?
    Si tratta di motivazioni biecamente commerciali, o dell'idea sostenuta da un filone di scienziati secondo i quali l'effetto serra non esiste?


    LA PRIMA CHE HAI DETTO.
  5. Turista Anonimo
    , 10/12/2003 00:00
    Noi cittadini non possiamo fare nulla. ci prendono in giro dicendoci di risparmiare su una lampadina, di fare raccolta differenziata, quando riciclare la carta, vetro...si fa poco perche' troppo costoso...Certo i politici e i vari manager preferiscono ingrassarsi lo stipendio che fare qualcosa per il mondo..
  6. Turista Anonimo
    , 10/12/2003 00:00
    Secondo me e' impossibile. Purtroppo l'economia di tutto il mondo e' guidata da pochi stati che non permettono agli altri di espandersi. Il mondo sara' sempre piu' inquinato.
  7. Turista Anonimo
    , 5/12/2003 00:00
    p.s. dimenticavo, noi singoli possiamo fare parecchio ma solo se cambiamo stile di vita, TUTTI. Che so: lasciare l'auto a casa e viaggiare coi mezzi pubblici (scioperi permettendo), abbassare di un grado il riscaldamento, isolare meglio le abitazioni, non usare elettrodomestici inutili, ecc. Insomma, cose che tutti gia' sanno ma che ci sa fatica mettere in pratica.
  8. Turista Anonimo
    , 5/12/2003 00:00
    Eh, e' un bel rompicapo. I Paesi che rifiutano di ratificare il protocollo (soprattutto USA ed Australia) sostengono che i costi sarebbero di molto superiori ai presunti benefici: e forse non hanno tutti i torti. Del resto le prove scientifiche sul fatto che l'aumento della temperatura media del globo sia dovuta proprio ai gas serra ci sono ma sono assai discusse. E poi, provateci voi a mettere d'accordo 6.000 persone - tante sono riunite questi giorni a Milano per la COP9 - che vengono da Paesi diversi con problemi, prospettive ed aspettative molto differenti! Personalmente temo che il protocollo di Kyoto sara' l'ennesimo elefante che partorisce il topolino: sempre pero' meglio che niente, visto pure che l'umanita' nel suo insieme si muove per piccoli passi ... Chi volesse saperne di piu' puo' andare su http://www.iisd.ca/climate/cop9/ oppure su http://unfccc.int/cop9/index.html o anche su http://www.panda.org
  9. Mauro Cerina
    , 1/12/2003 00:00
    L'ennesimo tentativo di ratificare il protocollo di Kyoto per la limitazione delle emissioni atmosferiche stà per fallire.
    Quali sono le motivazioni che ne ostacolano la ratifica?
    Si tratta di motivazioni biecamente commerciali, o dell'idea sostenuta da un filone di scienziati secondo i quali l'effetto serra non esiste?
    Chi va contro corrente? Può la questione del protocollo allargare ulteriormente la spaccatura tra Europa e USA? ...e cosa può fare ogni semplice abitante del pianeta Terra per portare il suo contributo?