1. Perù

    di , il 7/10/2003 00:00

    Vorrei andare in Perù, accetto indicazioni e consigli da chi ci è già stato...

    Grazie

  2. anna_mrcs
    , 30/10/2003 00:00
    Ti ringrazio tanto per la spiegazione e per le utili informazioni.
    Passerò sicuramente 'al setaccio' il sito della tua organizzazione... e se avrò bisogno, non temere (eh eh eh) mi farò sentire nuovamente.
    Grazie
    Anna
  3. Gabriele Poli 1
    , 30/10/2003 00:00
    Ciao Anna.
    L'associazione è nata per contribuire a far conoscere la realtà Latinoamericana e per aiutare le persone meno fortunate.
    In questo contesto, abbiamo organizzato alcuni incontri interessanti, soprattutto dal punto di vista culturale, fra i quali una cena a base di piatti peruviani e un'altra boliviana, con la partecipazione di scrittori e giornalisti. Un'altra manifestazione ha visto protagonista Carla Perrotti, "la Signora dei deserti", l'unica donna la mondo che ha attraverato da sola e a piedi ben 5 deserti in altrettanti continenti (l'ultimo giusto 15 giorni fa, in Australia): nello specifico, ci ha presentato l'attraversata del Salar de Uyuni, in Bolivia.
    Abbiamo organizzato anche un concerto di musiche andine, con la partecipazione della pianista "non vedente" Valentina Locchi (più famosa per aver partecipato a parecchie puntate di un quiz musicale su Italia 1) e altro ancora.
    Impegno sociale: lo scorso mese di agosto, ho accompagnato in Perù un gruppo di 20 persone con le quali -oltre a conoscere il paese lungo l'itinerario classico- ho visitato un villaggio andino, al di fuori degli interessi prettamente turistici, nel quale vi è una fatiscente scuola per ragazzi disabili. Abbiamo cercato di aiutarli, autotassandoci, portando materiale scolastico in notevole quantità, ma non ci è parso sufficiente.
    Pertanto, ora stiamo completando un progetto per la costruzione di un centro scolastico "speciale" (o per rinnovare l'esistente) e un altro per la formazione di insegnanti, utenti e famiglie.
    Non è un'idea campata in aria, infatti, sono già coinvolte alcune istituzioni, come appoggio ai progetti, compresa un comune alle porte di Vicenza, interessato al gemellaggio.
    Presto il rpgetto sarà pronto (entro un mese al massimo) e daremo il via ai lavori.
    Non so ancora quando, ma andremo a parlare delle nostre iniziative durante una delle prossime trasmissioni de "Alle falde del Kiimangiaro" e pure in Rai 2, un sabato mattina di dicembre, credo.
    Altro progetto in atto è la costruzione di una scuola materna in un villaggio delle Ande centrali del Perù.
    Tutti questi progetti, nelle nostre intenzioni, sarenno riproposti in altre zone dell'America Latina.
    Non siamo ong e neppure onlus, per il momento, e questa è una scelta specifica, perché desideriamo operare in "piccolo", ma con la sicurezza che tutti i fondi vadano a destinazione, infatti, saremo noi direttamente a gestirli.
    Non credo sia il caso di dilungarmi oltre: se sarai interessata, scrivimi in privato senza problemi e segui il portale, anche se, al momento, è abbastanza statico perché sta per uscire la nuova versione.
    Per i viaggi, li organizziamo con il contributo di un importante tour operator, molto sensibile ai nostri progetti e coinvolto anche economicamente.
    Naturalmente, in Perù ci puoi andare anche per conto tuo e saremo felici di aiutarti in ogni modo: frequenta il nostro forum e questo di "Turisti per Caso" e riceverai tutte le "dritte" utili.
    Ciao.
    Gabriele
  4. anna_mrcs
    , 30/10/2003 00:00
    Posso chiedere dei dettagli sulla tua organizzazione sempre se si può fare su questo forum...
    Volevo capire, a parte promuovere il turismo, presentare il paese, etc... cos'è in grado di fare (in senso buono).
    Se organizzano viaggi individuali, etc....
    Ho fatto un giretto nel sito ma non ho avuto ancora molto tempo per guardarlo con attenzione...
    Grazie
    Anna
  5. Gabriele Poli 1
    , 29/10/2003 00:00
    Naturalmente sì, Anna, dal momento che la nostra associazione collabora proprio con Promperu, l'ente nazionale del turismo. Ti riporto l'indirizzo di seguito, ma il portale è solo in spagnolo e in inglese.
    Ciao.
    Gabriele

    http://www.peru.org.pe/
  6. anna_mrcs
    , 29/10/2003 00:00
    Qualcuno sa dirmi l'indirizzo (web) dell'ente del turismo Peruviano?
  7. Gabriele Poli 1
    , 25/10/2003 00:00
    Accolgo l'invito di Roberto e aggiungo qualche altra notizia sul viaggio in Perù.
    Come scrivevo più sotto, in 15 giorni è praticamente impossibile (a meno di non voler correre senza assaporare nulla) girare il nord e il sud del Perù. Occorre precisare che il Perù è grande 4 volte l'Italia...anche se buona parte del paese è Selva, cioé Amazzonia (alta e bassa).
    Pertanto, consiglio di prevedere (sempre che il budget lo permetta) almeno due viaggi in Perù. Il primo lungo l'itinerario classico che ho descritto nell'altro post, allo scopo di visitare le località più conosciute. Paracas merita per le famose Isole Ballestas (chiamate, un po' pomposamente, le Galapagos peruane) e per il Parco Nazionale di Paracas. Nasca è interessante per le linee e per il sorvolo (anche se a me non entusiasma più di tanto), oltre che per il Cementerio di Chauchilla, ma soprattutto per gli scavi della vicina Cahuachi (non reclamizzati), dove da anni una missione archeologica italiana, guidata dall'archeologo Giuseppe Orefici, sta portando alla luce una città antica davvero interessante.
    Arequipa...è Arequipa. Città bellissima che meriterebbe ben più del giorno (o due) che solitamente i turisti le dedicano. Infatti, oltre al centro storico, al Convento di Santa Catalina, al Museo della mummia Juanita (vedi l'articoletto che ho scritto nella sezione "Perù", dal titolo "Dolce Juanita"), vi sono villaggi limitrofi molto interessanti e per nulla contaminati dal turismo, dove è possibile -con una facile "corsetta" in autobus- lasciare il trambusto cittadino e immergersi nella quotidianità indigena, scandita dal lento ondeggiare degli asini carichi di fascine e chiacchierare con la gente del luogo, magari sorseggiando un boccale di chicha. Ma vi sarebbe molto di più da dire...
    Puno non è una bella città (interessante solo per le feste, visto che è considerata -assieme a Cajamarca- la capitale folclorica del Perù), ma è il porto di partenza per la visita alle isole del Lago Titicaca (splendide soprattutto Taquile, Amantaní e Suasi).
    Cusco è l'antica capitale dell'impero inca, ricostruita in toto da Inca Yupanqui Pachacutec, dopo l'assalto dei chankas e distrutta in gran parte dagli spagnoli e dagli stessi incas, durante il famoso attacco che Manco Inca operò contro gli invasori iberici.
    E' ancora oggi una città bellissima, anche se troppi turisti l'affollano.
    Imperdibili le rovine vicine (Sacsayhuaman, Tambo Machay, Q'enqo e Puca Pucara), il villaggio di Chinchero con le sue viuzze e il mercato da visitare di domenica, al posto di quello di Pisac (molto più turistico e visitabile anche di martedì), le andenes di Moray e le saline di Maras. Da queste ultime, tra l'altro, è possibile scendere a piedi fino alla Valle Sacra di Yucay (o dell'Urubamba) dove conviene alloggiare (in uno dei tanti villaggi, come Urubamba, Calca, Pisac, Ollantaytambo, Yucay...) per la visita tranquilla e molto interessante della valle stessa. Cosa vedere nella valle? Bè, c'é molto, ma ricordo in particolare la splendida fortezza di Ollantaytambo, alle estremità settentrionale (dal villaggio, inoltre, è possibile salire sul treno per Machu Picchu e Aguas Calientes), Pisac, all'estremità meridionale, con il mercato e, soprattutto, con le rovine inca poste sopra il monte vicino. Segnalo, poi, un'interessante visita alla casa/laboratorio di Pablo Seminario, a Urubamba. Pablo è un amico artista, grande ceramista. Le sue opere sono splendide, tanto da essere state esposte persino alla Biennale di Venezia.
    Poi rimane Machu Picchu, sul quale non mi dilungo perché tanto è stato scritto.
    Secondo itinerario.
    Il nord è altrettanto meraviglioso, anche se meno conosciuto.
    Iniziamo da Caral, la città più antica delle Americhe (non scrivo nulla, rimandandovi agli "Itinerari di viaggio" sul Perù, dove, appena terminato di scrivere questa lunga mail, pubblicherò un articolo al proposito). Proseguiamo con Trujillo -città molto accogliente- con l'antica cittadella di Chan-Chan della civiltà Cimú, le Huacas della Luna e del Sol (solo quella della Luna è visitabile) e l'interessantissima Huaca El Brujo (anche se un po' difficile da trovare, quest'ultima: consiglio di farsi accompagnare da una guida).
    Andiamo poi a Chiclayo e, in particolare, a Lambayeque, dove si potranno ammirare gli scavi dove è stata rinvenuta la tomba del Señor de Sipán e il nuovo Museo Tumbas Reales de Sipán (molto interessante).
    Cajamarca, dove è stato assassinato l'Inca Atahualpa, Chachapoyas e il sito archeologico di Kuelap...e molto altro ancora, senza dimenticare il sito di Sican o il Callejon de Huaylas, con interessantissime escurisoni (anche trekking e scalate) verso lo Huascaran, in partenza da Huaraz e il belissimo sito archeologico di Chavín de Huántar.
    Ma quante cose avrei ancora da dire...
    Ciao.
    Gabriele
    http://www.peru.it
  8. Turista Anonimo
    , 24/10/2003 00:00
    Ciao Gabriele,
    hai ragione e mi scuso se nell'intervento precedente posso aver usato termini sbagliati nell'invitare te, come altri partecipanti ai forum di turistipercaso, a proporre i propri contributi apertamente qui sul forum.

    Il mio vuole essere un invito rivolto a tutti, pubblico, ad intervenire con contributi utili ai lettori.

    Siti internet dove reperire approfondimenti ce ne sono tanti: i tuoi, questo, e davvero tanti altri. Mi ha fatto specie leggere che tu, anche come Guida per Caso, non abbia sentito il bisogno di approfondire...
    Posso aver compreso male, e nel caso rinnovo le mie scuse.

    PS: il sito di tpc non e' mio.
    PPS: guai a te se ti asterrai dall'intervenire ulteriormente ;-)
    Ok?
  9. Gabriele Poli 1
    , 24/10/2003 00:00
    Caro Roberto, giuro che non comprendo il motivo del tuo sarcasmo. Quali sarebbero le "numerose e variegate notizie"? Posso sbagliarmi, ma non mi pare che ci sia più di tanto nella scheda Perù...
    Comunque, se i miei interventi ti danno fastidio -visto che questo sito è tuo- non hai che da dirlo e mi asterrò dall'intervenire.
    Buon lavoro anche a te.
    Ciao.
    Gabriele
  10. Turista Anonimo
    , 23/10/2003 00:00
    re: 21/10/03 di (gpoli@peru.it)
    Grazie Gabriele per la solerzia con la quale presenti i tuoi interessi peruviani :-(
    Come gia' accaduto anche in passato, mi sarei aspettato da parte tua, come Guida per Caso sul Peru', *almeno un accenno* alle innumerevoli e variegate risorse rintracciabili nella rete.
    Buon proseguimento.
  11. Gabriele Poli 1
    , 21/10/2003 00:00
    In 16 giorni faticherai a visitare le spiagge (e le bellissime località) del nord. Ti consiglio, come prima volta in Perù, di percorrere l'itinerario classico, vale a dire: Lima, Paracas, Nasca, Arequipa, Titicaca, Cusco, Machu Picchu.
    Per ogni informazione, ti consiglio di visitare il portale (e relativo forum) dell'associazione Magie delle Ande agli indirizzi http.//www.magiedelleande.it e http://www.peru.it
    Ciao.
    Gabriele
  12. Franco .
    , 20/10/2003 00:00
    SONO QUI IN QUANTO STO PROGRAMMANDO UN VIAGGIO IN PERU PER META' MARZO DEL PROSSIMO ANNO (2004). AL MOMENTO NON SONO MOLTO INFORMATO SU COSA FARE E DOVE ANDARE A PARTE CHE DOVRO' PER FORZA DI COSE ALLOGGIARE A LIMA, DOPODICHE' VIAGGERO' PER CUZCO E QUINDI MACCHUPICCHU. MI PIACEREBBE ANCHE VISITARE LE SPIAGGIE ALL'ESTREMO NORD SE MI RESTA DEL TEMPO A DISPOSIZIONE. PENSO CHE AVRO' A DISPOSIZIONE CIRCA 16 GIORNI E QUINDI STO CERCANDO CONSIGLI UTILI, POSTI CHE DEVO ASSOLUTAMENTE VISITARE E SOPRATTUTTO INDIRIZZI DI OSTELLI O CASE PRIVATE DOVE POTER ALLOGGIARE A POCO PREZZO (10/15 EURO). MI SARANNO UTILI ANCHE EVENTUALI INFORMAZIONI SU COME SPOSTARMI, QUINDI NOMINATIVI DI COMPAGNIE DI BUS E TRENO.
    RINGRAZIO QUANTI MI VORRANNO DARE UNA MANO.

    FRANCO (UDINE - ITALIA)
  13. Matteo A.
    , 17/10/2003 00:00
    Se passi dal Cusco vieni a trovarci: PICCOLA LOCANDA ITALIANA siamo un piccolo ostello che aprirà i battenti questo Natale ma se vieni un caffè e quattro chiacchiere le facciamo molto volentieri......
    matteo
  14. Turista Anonimo
    , 9/10/2003 00:00
    psst Irene che non ci senta gabriele....tu passaci lo stesso per aguacalientes...tanto che tu ci arrivi dalla valle o dai monti dopo il trekking è obbligatorio. Chiudi tutte e due gli occhi invece sull'albergo che sta nei pressi della magica città (Macchu Picchu).....
  15. Gabriele Poli 1
    , 8/10/2003 00:00
    In effetti, Aguas Calientes ha un'atmosfera quasi da Far West:-))). Ancora oggi ci sono pochi treni, la sera, mentre durante il giorno c'é il via vai dei treni turistici. A me, Aguas non piace, comunque, perché ha poco a che vedere con il vero Perù: è un paesino sorto dal nulla, grazie a Machu Picchu, e dedito unicamente al commercio turistico.
    Per quanto riguarda la domanda di Anna, consiglio di seguire l'itinerario scritto da Andrea, che è quello classico. Il Perù, naturalmente, è molto di più, ma la prima volta -a meno che non si abbiano a disposizione molte settimane- è quasi d'obbligo percorrere quel tragitto.
    Non è necessario prenotare hotel o hostales: si viaggia tranquillamente giorno dopo giorno. L'unica prenotazione che conviene fare è il volo Cusco-Lima, al ritorno, per non incorrere in spiacevoli inconvenienti. Prenota il volo già ad Arequipa (chiedi il primo volo disponibile nella prima mattinata!) e confermalo a Cusco almeno 24 ore prima.
    Per quanto riguarda il mio modo di viaggiare...bé sono un caso atipico, perché in Perù vado ogni anno da 23 anni (a volte anche più spesso)...ed è praticamente casa mia; inoltre, mi sposto in zone spesso sconosciute al turismo e dove anche i mezzi pubblici faticano ad arrivare.
    Ciao.
    Gabriele
  16. Turista Anonimo
    , 8/10/2003 00:00
    io prenoto solo l'aereo e poi giro come viene, avendo in mente le cose che voglio assolutamente vedere....a me piacerebbe sapere cosa pensa gabriele di Aguascalientes il paesino sotto Macchu Picchu: io me lo ricordo con un' atmosfera splendida. La finestra della pensione dove dormivamo dava sulla ferrovia come tutto il paese che è raggiungibile solo in treno. Di treni ce n'erano pochetti per cui persone animali mercanti stavano sulle rotaie sino al lontano sbuffo del treno. Se ti sporgevi dalla finestra della stanza potevi toccarlo... Ci tornerei domani...