1. TUNISIA: DJERBA, MATMATA E DOUZ

    di , il 19/6/2006 08:25

    TUNISIA: Djerba, Matmata e Douz

    Il viaggio che sto per raccontare è stato effettuato nel Settembre 2005 ma solo ora trovo il tempo di raccontarlo.

    1:45 di mattina, si parte!!! Carichiamo i nostri soliti “pochi” bagagli, il minimo necessario per affrontare una settimana di sole e mare, e ci dirigiamo verso l’altrettanto solito aeroporto di Milano Malpensa. La convocazione è fissata per le 3:40 e stranamente riusciamo ad arrivare senza ritardi e ingorghi (dipenderà forse dall’orario???). Ancora assonnati, ma con una gran voglia di partire, ci mettiamo in coda per il check-in e dopo due ore siamo pronti al decollo (volo Livingston LM 641).

    1 ora e quarantacinque minuti di volo prima di trovarci immersi nel clima caldo della Tunisia. Non è la prima volta che visitiamo questo paese, in occasione della Crociera sul Mediterraneo, infatti, avevamo già avuto l’occasione di visitare il nord della Tunisia (Sidi Bou Said e Cartagine).

    Giunti all’aeroporto di Houmt Souk (capitale dell’is

  2. BETTI75
    , 19/6/2006 08:25
    TUNISIA: Djerba, Matmata e Douz
    Il viaggio che sto per raccontare è stato effettuato nel Settembre 2005 ma solo ora trovo il tempo di raccontarlo.
    1:45 di mattina, si parte!!! Carichiamo i nostri soliti “pochi” bagagli, il minimo necessario per affrontare una settimana di sole e mare, e ci dirigiamo verso l’altrettanto solito aeroporto di Milano Malpensa. La convocazione è fissata per le 3:40 e stranamente riusciamo ad arrivare senza ritardi e ingorghi (dipenderà forse dall’orario???). Ancora assonnati, ma con una gran voglia di partire, ci mettiamo in coda per il check-in e dopo due ore siamo pronti al decollo (volo Livingston LM 641).
    1 ora e quarantacinque minuti di volo prima di trovarci immersi nel clima caldo della Tunisia. Non è la prima volta che visitiamo questo paese, in occasione della Crociera sul Mediterraneo, infatti, avevamo già avuto l’occasione di visitare il nord della Tunisia (Sidi Bou Said e Cartagine).
    Giunti all’aeroporto di Houmt Souk (capitale dell’is