1. Diritti del Turista in viaggio

    di , il 1/9/2007 09:43

    **Forum Evergreen**

    Le vacanze estive sono alle porte. Non siamo qui per fare gli uccellacci del malaugurio, ma che prevenire sia meglio che curare non è solo un luogo comune.

    In questo forum parliamo delle esperienze negative che vi sono capitate e di come le avete risolte. Parliamo di risarcimenti, di assicurazioni e di piagnanze inascoltate. Diritti veri e presunti. Richieste doverose e pretese.

    Uno spazio dove chi ha qualcosa da rivendicare o da "denunciare" trovi una soluzione, una guida, un consiglio.

    Per saperne di più dei Diritti del Turista in viaggio...

  2. Iside
    , 30/1/2008 18:56
    Grazie!! Difatti dopo qualche giorno che sono tornata, ho fatto una bella raccomandata indirizzata al T.O. e per conoscenza al mio agente di viaggio. A oggi, ben 20 giorno dopo, ancora non so una mazza.

    Ora vado a leggere il tuo link! Grazie!


    P.s.: non so se per fatica o xchè non ci si interessa o altro, ma hai ragione. Ben pochi disagi vengono dichiarati purtroppo e questo fa si per le compagnie, di approfittarsi di molti viaggiatori ingiustamente! E' nostro diritto invece tutelarci e farci sentire qualora si sia subito un disagio!!
  3. Afrolounge
    , 30/1/2008 10:08
    Ciao Iside ,
    in relazione a quanto ti è successo posso darti 2 consigli :
    1 non far passare tempo e spedisci tutti i documenti agli organi interessati tramite raccomandata con ricevuta di ritorno , anche se ti dicono che basta il fax o l'e-mail ;
    2 visita questo sito dovrebbe esserti di aiuto , in particolare leggi le norme europee che salvaguardano il viaggio organizzato http://www.enac-italia.it/documents/Diritti_pax/intro_diritti_pax.htm
    Spero di esserti stato d'aiuto ,a mio avviso se il pagamento da parte tua risulta essere stato fatto correttamente nei tempi previsti e lo puoi dimostrare , non sono riconducibili a te eventuali errori o malfunzioni nello scambio di informazioni tra il circuito di credito e il Vettore , ma potresti chiedere eventuali soluzioni per i disagi subiti ( tutto via legale ).
    Considera che in italia vige , come in altri BEI PAESI , la legge dei numeri ....... su 1000 persone che subiscono un ipotetico disservizio solo una o due cercano e a volte ottengono un risarcimento per via legale e questo alla controparte conviene !!!!
  4. Iside
    , 25/1/2008 09:13
    Ciao a tutti! Colgo l'occasione per dirvi quanto mi è accaduto!

    Io viaggio molto, ma in una situazione così non mi ero mai ritrovata.

    Ho incaricato la mia agenzia di viaggi a effettuare per me prenotazione e pagamento di un pacchetto (volo+hotel) ad un T.O. facente parte di un gruppo prestigioso. (Per ora non faccio nomi).

    Mi perviene per e-mail i voucher da stampare e presentare in aeroporto e all'hotel.

    Morale?

    - giungo all'aeroporto alle 5 di mattina e il volo era già stato cancellato da giorni.
    - non esisteva alcuna prenotazione ne a nome mio ne di quello del mio compagno sia per il volo di andata che per quello di ritorno (e io avevo invece in mano i vouchur del T.O. con tanto di numero di prenotazione!!)
    - ho perso un'intera giornata all'aereoporto per poi riuscire a prendere un volo delle 18 (dalle 8 di mattina che dovevo partire) e comunque senza biglietto di ritorno, che ho dovuto fare elettronicamente, e il tutto perchè a questo T.O. non risultava il pagamento fatto, nonostante avessi in mano i documenti che dimostravano il contrario.

    Tornata dalla diciamo vacanza, ho spedito una raccomandata di reclamo al T.O e una al mio agente di viaggio per conoscenza.

    che altro devo fare? Otterrò qualcosa a parer vostro?

    Grazie a tutti per l'aiuto!
  5. Afrolounge
    , 23/1/2008 15:35
    I ritardi dovuti al traffico Air Trafic Congestion non sempre sono giustificazioni valide .... perchèun aereo trova " traffico " ? Non ha un suo orario dipartenza schedulato e a volte una precisa restrizione per decollare ( SLOT ) ? Dunque , a volte , ripeto a volte , è a causa del protrarsi di determinate operazioni aeroportuali ( l'accettazione , il carico dei bagagli , il ritardato arrivo del mezzo per il carburante etc... l'arrivo degli equipaggi a bordo ) che determinano la puntualità di un volo . Se un volo fa ritardo in una tratta difficilmente lo recupera , l'aereo è fatto per volare e di solito il suo transito negli scali è limitato a tempi stretti in base alla sua tipologia .Se arriva tardi , questo aspetto pregiudica la puntualità di altri voli , perchè il personale che opera negli scali per assicurare questo transito ha una precisa scaletta di marcia dettata dai voli in arrivo e partenza , che salvo diverse disponibilitànon viene rispettata .
    Hai ragione sul fatto che ENAC dovrebbe essere più visibile negli scali , e che fornire le dovute nformazioni rimane comunque una carta in più da parte dei Vettori o di chi ne fa le veci per dare un servizio adeguato nei confronti dei propri clienti .
  6. utente_deiscritto_10
    , 21/1/2008 10:34
    "il ritardo imputato alla scalo di origine o di destinazione". Non e' sempre cosi'. Puo' accadere, per esempio, che ci sia trafficio o sorga qualche altro problema sulla pista di decollo...

    Per quanto riguarda la carta dei diritti del passeggero, mi domando se ci sia qualche compagnia che la rispetti... E forse e' anche colpa degli organi competenti, e non parlo solo di quelli di controllo, perche' se si "pubblicizzasse" di piu' la cosa sarebbero molte di piu' le persone a sapere di qeusta carta e molte di piu', di conseguenza, saprebbero come far valere i propri diritti...
  7. Afrolounge
    , 17/1/2008 00:28
    Hai perfettamente ragione , ma il ritardo imputato alla scalo di origine o di destinazione , è sempre un ritardo del Vettore che a sua volta addebiterà a chi lo ha causato ( esistono codici appositi ) .
    La carta dei diritti al passeggero EU261 comunque stabilisce che sia il Vettore , ad eccezione di ritardi causati da forza maggiore ( meteo etc.. ) a rispondere o meglio a intervenire nei confronti dell'utenza .
    una dellecose basilari , che nei nostri scali funziona ancora a rilento è l'informazione ai passeggeri, a volte questo piccolo aspetto viene messo in secondo piano .
    Le compagnie aeree si avvalgono molto spesso di collaboratori per effettuare i servizi per loro conto , in questo caso a garantire informazione e servizi , in base al contratto stabilito , sono le società di assistenza o meglio di handling aeroportuale le quali rispondono per i servizi che devono contrattualmente al Vettore . E' per questa ragione che spesso a seguito di un ritardo di voli low cost , gli addetti all'accettazione invitano i passegeri che richiedono rimborsi o cambi di prenotazione a contattare il numero verde della compagnia .....
  8. utente_deiscritto_10
    , 8/1/2008 18:03
    Afro, dipende anche dai tipi di ritardi e dalle motivazioni. A volte il ritardo può essere causato da problemi o altro relativi all'aeroporto da dove si parte o dal personale di questo, non dalla compagnia o da un ritardo di uno scalo...
  9. Afrolounge
    , 12/9/2007 21:30
    Vi è mai successo di arrivare in aeroporto e vedere che il vs. volo è in ritardo ??? Avete mai notato una particolarità sul tabellone ci sono due sigle STD ( orario schedulato di partenza ) che indica l'orario originale del volo e ATD ( orario attuale di partenza ) ques'ultimo di solito indica il ritardo . Ho fatto questa breve parentesi perchè molto spesso i Vettori sanno già se un volo partirà in ritardo in quanto quando un aereo parte da uno scalo viene inviato allo scalo di destinazione un messaggio di partenza . Quindi se si sa già che un volo arriva con 2 ore di ritardo perchè il ritardo in partenza è di sole 1 ora e 50 minuti ? Perchè la carta dei diritti del passeggero regolamentata a livello europeo prevede un certo tipo di servizio a favore dei passeggeri solo dopo un tot di tempo ...e a costo del Vettore , anche i low-cost. Poi una volta a bordo ci si accorge che il ritardo pubblicato in origine non era corretto , ma una volta a bordo ......
  10. grignanilaura
    , 20/8/2007 11:18
    Cara Annarita, il dubbio é venuto anche a me in merito alle regole che accettiamo dalle varie compagnie.
    Peró secondo me su puó chiedere via e-mail.
    Il regolamento é stato stipulato dalla commissione europea di Brussels
    Il sito e gli e-mail li ho riportati in fondo, al mio primo messaggio.
    Ti mando al tuo e-mail il regolamento che ho scaricato in italiano..
    Confesso che non l'ho letto tutto....
    Ciao
  11. utente_deiscritto_10
    , 12/8/2007 22:53
    Ben fatto Laura!
    :-)
    Per caso sai se questo tessto si può reperire da qualche parte online (magari in inglese)? Sai, in modo da mostrarlo se e quando capitano certe cose. E chi lo ha redatto e poi convalidato?
    Sai pure se il tutto vale anche nel caso in cui le norme delle varie compagnie (in pratica il regolamente che ognuno di noi accetta quandoe ffettua una prenotazione) riportano cose differenti?
    Son domande che ti pongo perchè magari le risposte sono nell'opuscolo che hai avuto. Grazie.
  12. grignanilaura
    , 2/8/2007 10:47
    Ho pubblicato questo messaggio sul forum tutto voli...
    ma credo che sia utile anche qui....

    Diritti del passeggero...

    L'altro giorno ero all'areoporto di Budapest, dove stavano distribuendo degli opuscoli in merito ai diritti del viaggiatore. Sono rimasta stupita nel leggere le norme che sotto vi riporto, dato che di solito si sentono enormi lamentele da parte di viaggiatori che subiscono ritardi, etc, etc...
    Il testo piú o meno dice (lo traduco dall'inglese):
    Normativa applicabile per qualsisi volo, inclusi i charter!

    In caso di OVERBOOKING o CANCELLAZIONE:
    La compagnia puó chiedere se volontariamente vuoi prendere un volo alternativo o preferisci un rimborso del biglietto oppure vuoi ritornare alla destinazione di partenza.
    Se non ti dichiari volontario (e qui viene il bello) la compagnia ha l'obbligo di darti un volo alternativo o il rimborso o come sopra.... ma deve inoltre risarcirti la somma di 250 euro in caso tu arrivi a destinazione con oltre 2 ore di ritardo su voli fino a 1500 km.
    400 euro con oltre 3 ore di ritardo su voli fino a 3500 km
    600 euro 4 ore di ritardo su voli oltre i 3500 km

    In caso di RITARDO (incluso i voli charter):
    Bibite e pasti in caso di ritardo di oltre 2 ore su voli fino a 1500 km., oppure
    con oltre 3 ore di ritardo su voli fino a 3500 km
    oppure 4 ore di ritardo su voli oltre i 3500 km
    In caso di ritardo superiore anche albergo e transfer!
    Su ritardi superiori alle 5 ore la compagnia ha l'obbligo di risarcirti il costo totale del biglietto nel caso tu preferisca rinunciare al viaggio... , ivi incluso il biglietto di ritorno alla destinazione di partenza se sei in transfert!

    in caso di SMARRIMENTO O RITARDATA CONSEGNA DEI BAGAGLI:
    In caso di smarrimento si sapeva giá
    Ma anche in caso di ritardata consegna la compagnia deve risarcirti una somma fino ad un massimo di 1200 euro per passeggero.
    (a me una volta mi é capitato con la Srilanka airlines... 50 usd a testa...)


    Se la compagnia non espleta queste regole devi comunicare il fatto al numero 0080067891011 (freephone)
    oppure e-mail: mail@europe-direct.cec.eu.int
    fax (32-2)2991015
    e-mail tren-aprights@cec.eu.int
    C'é anche un sito plurilingue da consultare:
    http://europa.eu.int/comm/transport/air/rights/index_en.htm
  13. utente_deiscritto_10
    , 21/6/2007 16:22
    Roberto, purtroppo certi contratti tutelano più che altro chi li prepara. E se nero su bainco non c'è scritto che in un caso come il tuo tu puoi essere almeno in parte rimborsato, purtroppo non c'è nulla da fare. Anche perchè, se volessi fare qualcosa, ti verrebbe risposto che hai firmato quel contratto e, di conseguenza, accettato tutto. Inoltre, ovviamente non vi è motivo per cui agenzie e tour operators dovrebbero cambiare i contratti agevolando chi paga, sebbene ragione vuole che così sarebbe più onesto.
    E finchè saranno tantissimi questi tipi di cotnratti firmati, di certo chi lavora nel ramo non ha alcun interesse nè alcuna necessità a cambaire le cose.
  14. utente_deiscritto_10
    , 21/6/2007 16:19
    Carlo, purtroppo se non è un racconto di viaggio è normale che venga eliminato dalla sezione dei racconti di viaggi.
    Comunque parlane a Roberto nel forum apposito.
  15. roberto_ce
    , 7/5/2007 18:43
    Come mai un organizzatore viaggi è tutelato per annullamento viaggi per cause a lui non imputabili, mentre invece un povero viaggiatore che pochi giorni prima di una partenza si rompe una gamba (causa fortuita), deve pagare per intero il soggiorno?
    A prescindere ovviamente da assicurazioni.
    Non mi sembra che i viaggiatori siano in questo caso tutelati.
    Cosa ne pensate?
    Grazie
    Roberto CELI
  16. carlo bosia
    , 4/5/2007 17:23
    per la seconda volta il mio racconto sul viaggio in Marocco con Francorosso è stato CENSURATO.
    D'accordo che non è un resoconto delle cose bellissime che ho visto nel tour delle città imperiali ma è senza dubbio un supporto utile a tutti coloro che devono compiere una scelta con quale TO andare.
    Non mi sembra un comportamento corretto