1. Chi è stato a San Paolo??

    di , il 14/6/2006 23:30

    Ciao ragazzi, ad Agosto vorrei andare in Brasile: destinazione San Paolo. Partirei da Milano da sola, per poi raggiungere là un mio amico brasiliano.

    Ho 19 anni e mia mamma è preoccupata di questa mia intenzione perchè, leggendo svariati articoli, si è fatta l' idea di una metropoli violenta, mafiosa e quant' altro di negativo. Qualcuno di voi ha una diretta esperienza da raccontarmi?

    Grazie in anticipo, ciao!

  2. davide48
    , 14/9/2006 17:29
    Sono stato a S.Paolo tra luglio e settembre del 2006, non era la prima volta e non ci sono stato come turista, ma per risolvere vari problemi familiari. Devo dire che è una città veramente brutta, cioè senza il minimo senso di bellezza. I pochi edifici storici del centro storico, sono completamente abbandonati; c'e' una speculazione edilizia selvaggia, per cui la città continua a costruire grattacieli che vanno a sostituire le villette che costituivano la sruttura originaria della città.Una certa grazia la conservano le favelas che sorgono e vengono realizzate, con pochi mezzi, secondo criteri e logiche umane. Traffico automobilistico ai limiti dell'infarto (però ordinato). aerei che atterrano a Congonhas(uno degli aeroporti della città) passando a 200 metri dalla sommità delle case. Inquinamento atmosferico, visivo e acustico insopportabile.La città comunque ha trovato un suo modo di funzionare. Per la violenza nelle strade da una stima ufficiale il 35% dei paulistani è stato assaltato (solo i casi denunciati); si sta sviluppando con il PCC struttura malavitosa una situazione pre-mafiosa.Lla polizia è praticamente invisibile sia di giorno che di notte ed il 70% dei deputati è accusato di ogni genere di corruzione. I paulistani dicono che la loro è una bella città dove si vive bene, il che significa girare in auto blindate e con i vetri completamente affumicati, risiedere in condomini totalmente chiusi e guardati 24 ore al giorno da portieri; per accedere a vari uffici (avvocati, ag. viaggio, commercialisti, medici etc) si devono far registrare i documenti più farsi fare una foto, oppure come quest'ultima volta mi hanno preso le impronte digitali. Il mio dentista ha come apriporta un ragazzone di 28 anni dedito solo alla sicurezza dei clienti che entrano ed escono. L'assalto o l'aggressione possono avvenire in qualunque momento e a qualsiasi ora. A mia moglie che è brasiliana è successo alle 10 di mattina in una strada discretamente affollata. Occorre mimetizzarsi con scarpe da tennis, jeans e magletta, ma la tensione si sciogle solo passeggiando nei grandi shopping center ultrasorvegliati dalla segurança.
    Mi ricordo del film di Benigni "Jonnhy Stecchino" quando gli domandano: il problema più grave di Palermo? e lui risponde dopo averci pensato: IL traffico!!! Una battuta analoga potrebbe andar bene per S. Paolo sostituendo al traffico la parola "i marciapiedi" eternamente sconnessi.
    Sono di Napoli e una volta definivo la mia città come "L'anticamera dell'Inferno", beh, S. Paolo " é" l'inferno.
    Saluti
    Davide
  3. P & R
    , 7/9/2006 15:35
    Ci ho abitato alcuni mesi per motivi di lavoro (da 12/2002 a 2/2003).

    A parte essere una megalopoli da 40 e passa milioni di abitanti, non mi e' mai sembrata piú rischiosa di una qualsiasi citta' sudamericana.

    Ovviamente, valgono i soliti consigli che valgono per qualsiasi grande citta'. Non esporre soldi, ori, gioielli, non girare a piedi di notte da solo, non far capire che sei straniero. Men che meno lasciare capire che sei un gringo.

    Tieni a casa i documenti, fai una fotocopia, falla autenticare e tieni sempre quella per eventuali incontri con la Policia. Se hai dei problemi, evita la Policia Federal e chiedi di parlare con la Policia Turistica ....

    Buon viaggio
  4. gabriella
    , 25/8/2006 17:00
    vogliosolo aggiungere, che durante il mio ultimo viaggio in Brasile in luglio per cause di forza maggiore ho dovuto attraversare Sao Paulo alle 5 di mattina in autobus e da sola.Strano,sono arrivata sana e salva. ecome me molti altri hanno dovuto lasciare l'aeroporto a quell'ora e dirigersi per davvero in città,nn ho avuto notizia di tragici avvenimenti nonostante in quel periodo san Paolo fosse in piena "guerriglia urbana notturna",tanto per usare le parole dei giornalisti locali.
    ragazzi tutto è rapportato a come ci si comporta, chi si frequenta e dove ci si va ad imboscare e con chi, quel che è certo nn ho messo in bella mostra la mia macchina fotografica, nè telefonini,nè soldi....cosa che purtroppo faccio anche a Napoli e tanto meno a Rimini abbandono le mie cose sulla spiaggia.Ditemi perchè mai là dovremmo comportarci diversamente????
  5. gabriella
    , 25/8/2006 16:54
    non capisco marce marce,perchè saresti stata fortunata? io direi che tu sia stata semplicemente accorta e che ti sia capitato nè più nè meno di ciò che accade alla maggior parte dei paulisti, ossia nulla.Sao Paulo ,lo hai visto ,è immensa e tenere a freno la delinquenza in una città così grande ,si fa fatica così come a New York o Città del Messico. Il problema ,come anche dice Bruno, è che , sia in Italia che là in Brasile, si tende ad enfatizzare le cose brutte che accadono,ma soprattutto come forma di protesta contro chi governa,tanto per ricordargli che è un incapace...tutto qui. credetemi le città brasiliane nn sono così pericolose come i media cercano di convincerci, tutto va rapportato alle loro dimensioni e se fossero davvero così pericolose vi pare che quella gente metterebbe il naso fuori di casa??là la sera si esce, ci si diverte ,la notte in città comeRio non finisce mai,ma chissà perchè le cose pegiori accadono ai turisti e per di più uomini...vi spiega nulla questo?
    un saluto a tutti
  6. BrunoM
    , 25/8/2006 14:55
    Il Brasile non va mai affrontato con la paura della violenza metropolitana, vi sono zone pericolose che è meglio evitare ma tutti le conoscono e lo straniero ci deve arrivare apposta o si ci può trovare diffilmente per caso; i nostri mezzi di informazione esaltano ed anfatizzano questo problema, nascondendo appositamente le cose belle, lo stesso succede quando parlano del Brasile. Io personalmente, preferisco camminare in una via centrale di Rio o San Paolo e non di notte nel quartiere scampia o secondigliano di Napoli.....vedi san paolo come in questo articolo


    http://www.fortalezavacanze.net/saopaulo.htm

    Buon Viaggio!!!!!!
  7. zazu79
    , 23/8/2006 18:19
    ciao ragazzi scusate ma qualcuno è stato al BLU CLUB della teorema di Maceio????!!!!!
  8. marce_marce
    , 23/8/2006 17:32
    Ciao, io sono stata a San Paolo circa dieci anni fa e dei posti che ho girato del Brasile, sicuramente San Paolo è stato il posto meno interessante...
    Una grande città piena di contrasti e piena di pericoli... personalmente non ho avuto nessuna brutta esperienza, ma credo solo per una questione di fortuna. La cosa che mi ha stupito di più, è che tutte le persone che ho conosciuto sul posto, erano estremamente preoccupate di mettermi in guardia dai pericoli di quella città, da questo deduco che anche se a me non è accaduto nulla sia una città davvero pericolosa. Se poi ti posso dare un consiglio, io da sola non andrei mai...capisco perfettamente le apprensioni di tua madre che per nessuna ragione al mondo riuscirà a tranquillizzarsi.
  9. gabriella
    , 18/6/2006 23:21
    personalmente non sono stata a sao paulo,quindi per tutte le info fai come ti è stato detto negli altri post,approfitta della relativa guida per caso.però ci terrei a dire la mia ancora una volta:san paolo è una megalopoli, è la terza città più grande al mondo e di conseguenza porta con sè tutti gli annessi e connessi di una grande città. Lo stato di San Paolo e quello di Rio insieme fanno quasi il totale della popolazione italiana (circa 40 milioni di abitanti),bene, cosa accade ogni giorno in tutta Italia, tra 56 milioni di persone? Il Brasile è immenso e di conseguenza i problemi hanno una dimensione, diciamo appropriata.Ma san paolo come rio o bahia, non è così pericolosa come si finisce per credere, pensi che se così fosse i paulisti, i carioca o i bahiani vivrebbero giorno e notte la città?se ne starebbero tutti chiusi in casa se la violenza fosse davvero così dilagante.
    parla con tua mamma e cerca di tranquillizzarla, vedrai ,san paolo ti stupirà è una città fatta di grattacieli, strade e viali immensi, si mangia benissimo, ci sono dei gran bei negozi e mega centri commerciali, divertimenti a non finire. e' la città simbolo dell'economia brasiliana,anche se da una recente ricerca è emerso che sono i cariocas a lavorare più dei paulisti. Ha una city che non ha nulla di invidiare quella londinese o Milano. goditela tutta...ah dimenticavo! un difetto ce l'ha: NON HA LA BELLEZZA DI RIO(nemmeno lontanamente paragonabile :)) O IL FASCINO DI BAHIA O LE MERAVIGLIOSE SPAIGGE DEL NORD EST!!! :) ma ne resterai ugualmente affascinata!
    ciao
    Gabriella TPC Rio de Janeiro
  10. vic
    , 17/6/2006 15:55
    :)))
  11. vic
    , 17/6/2006 12:32
    Robin.....che pesante......
  12. Robin
    , 15/6/2006 13:38
    se chiedi alla guida per caso del Brasile - Franco - ti darà un sacco di informazioni utili. E' una persona che conosce quel paese come le sue tasche ed è velocissimo nelle risposte!
  13. eugi
    , 14/6/2006 23:30
    Ciao ragazzi, ad Agosto vorrei andare in Brasile: destinazione San Paolo. Partirei da Milano da sola, per poi raggiungere là un mio amico brasiliano.
    Ho 19 anni e mia mamma è preoccupata di questa mia intenzione perchè, leggendo svariati articoli, si è fatta l' idea di una metropoli violenta, mafiosa e quant' altro di negativo. Qualcuno di voi ha una diretta esperienza da raccontarmi?
    Grazie in anticipo, ciao!