1. Scuole di scrittura

    di , il 18/9/2003 00:00

    La passione che i frequentatori di questo sito esprimono nello scrivere i loro racconti mi spinge a fare una domanda, che è in realtà la ricerca di un consiglio, avete mai frequentato delle scuole di scrittura? Quali sono i pro e i contro di questi corsi? Credete che siano utili? Grazie. Ciao

  2. Turista Anonimo
    , 25/9/2003 00:00
    mai fatto, mami piacerebbe fare un corso, per curiosità. per affinare la conoscenza della mia lingua.
  3. cinziamaremma
    , 24/9/2003 00:00
    Credo invece che la tecnica sia al servizio del talento (certo senza quello non si fa nulla!!) e che una buona scuola possa essere uno strumento molto stimolante. Io non scrivo, ma l'argomento mi stuzzica e quindi mi capita di navigare in siti come quello della Holding (anche se non nutro molto simpatia x quella scuola e per baricco ho visto dei seminari davvero interessati) o come il forum di Elisabetta Sgarbi, editor della Bompiani, di cui copio e incollo il link, sperando che possa essere utile

    http://www.rcs.it/cgi-bin/libri/forum/17/ar_leggi
  4. anna_mrcs
    , 24/9/2003 00:00
    Sono d'accordo con chi dice che saper scrivere è una dote, un'arte e non la si impara a scuola!
    Avete mai provato a contattare un editore?
    Se non siete nessuno nemmeno vi considerano. Se volete pubblicare un libro... beh... prima ancora di aver letto se fa schifo o meno vi fanno presente che dovrete contribuire alle spese di stampa. Ah ah ah.. tanto vale che ve ne andate in tipografia e ve lo stampate da voi.. se tanto poi dovete convincere parenti e amici a comperarlo!
    Certamente nel mucchi c'è anche chi ce la fa lo stesso... ma ha ragione chi dice che serve un nome per pubblicare.
    Quanta gente dello spettacolo, etc. Scrive libri che vengono pubblicati ma che non valgono un fico secco? Il nome vende più della qualità di un buon libro di una bella storia... Anche questo è solo un businnes!!!
  5. Turista Anonimo
    , 23/9/2003 00:00
    Scuole di scrittura, puhà, è come costringere un pittore a dipingere la sua tela attraverso il tubo di cartone della carta igienica, o pretendere che l'acqua risalga le montagne invece di scenderle. Scrivere è una dote naturale, nessuna scuola può creare geni o dare ispirazioni e nessuna forma elegante e catalogata di scrittura può essere spacciata per poesia.
  6. Turista Anonimo
    , 22/9/2003 00:00
    A me sembra che il 98 per cento degli scrittori siano persone con agganci. Vedi Faletti (comico), Camilleri ed Eco (docenti universitari), Susanna Tamaro (lavorava per la Rai). Sono indubbiamenti bravi, ma un calcetto nel sedere ce l'hanno avuto. Poi è ovvio, pubblicano anche sconosciuti e magari hanno successo, ma se ne parla troppo poco.
  7. Fabio Chiarini
    , 21/9/2003 00:00
    sinceramente anche a me piacerebbe frequentarlo!se uno scrittore infatti deve pubblicare un libro a meno che non abbia agganci, deve avere svolto un corso di scrittura per essere considerato!voi come la pensate??
    ingiusto eh?
  8. Turista Anonimo
    , 20/9/2003 00:00
    Ritengo anch'io che una scuola di scrittura possa essere utile e interessante, ma non essenziale. Anche a me piace scrivere, e mi frulla nel cervello l'idea di frequentarne una, magari più un corso estivo, una "full immersion", ma è più una curiosità, non mi aspetto certo di diventare una vera scrittrice solo per averla frequentata! Scrivere è un'esigenza interiore, parte da dentro e deve arrivare "dentro" il lettore, altrimenti si tratta solo di parole vuote e di tanti poveri alberi sprecati inutilmente... La scrittura è un'incredibile esperienza alla scoperta di se stessi e del mondo, la scrittura è liberatoria e terapeutica (questo lo diceva anche Svevo). Dice I. Allende (in "Paula", Feltrinelli, p.17):"...se do forma a questa devastazione potrò aiutarti e aiutarmi, il meticoloso esercizio della scrittura può essere la nostra salvezza". E'proprio vero...Quest'estate ho perso mio padre; ho sentito urgentemente l'esigenza di scrivere una sorta di diario in cui mi rivolgo direttamente a lui, comunicandogli le mie emozioni e i miei pensieri; e questo mi ha aiutato, mi aiuta...è la famosa "catarsi" di greca memoria... Rileggendo e/o scrivendo le mie righe, spesso piango, ma sono lacrime liberatorie, catartiche, unite all'indiscusso piacere di vedere nascere qualcosa dal proprio dolore o dai propri sentimenti, qualcosa che rimane sulla carta e che sfugge al logorio del tempo (scrive la Allende:"La mia vita si fa nel narrarla e la mia memoria si fissa con la scrittura; ciò che non riverso in parole sulla carta lo cancella il tempo").
    Un saluto e buona scrittura a tutti!
    Angela
  9. Turista Anonimo
    , 19/9/2003 00:00
    Secondo me le scuole di scrittura vanno prese come un hobby, un po' come andare a fare yoga, un corso di lingue o di ceramica. Più che altro t'insegnano le tecniche base per esempio la scaletta, il riassunto, come mettere insieme le idee, insommma la forma. Però secondo me scrivere è tutt'altra cosa. Non è come come lo scrivi, ma cosa scrivi (ovviamente evitando errori o costruzioni sballate). Le idee, le emozioni che scateni. Forse voi parlate della Holding, la scuola di scrittura di Torino che ha messo su Baricco. Ne ho sentito parlare perchè io sono del posto. Non so se avete letto Baricco. Scrive benissimo, ma le sue storie surreali a me non piacciono, anche se lui ha migliaia di fan. Sono d'accordo con il fatto che il talento o ce l'hai o non ce l'hai. Non ci sono scuole per insegnarlo. Certo è che se frequenti scuole di scrittura, hai più probabilità di pubblicare qualcosa di uno che invece non ci va.
  10. Fabio Lentini
    , 19/9/2003 00:00
    Aggiungo una "postilla".
    Credo che la base di partenza per inziare a scrivere sia la padronanza ed il buon uso della lingua. Se non sai scrivere in italiano o se parli per come scrivi (ad es.: sono andato a casa "della" Roberta...), beh allora inizi male. Una scuola di scrittura potrebbe aiutarti (ma, mi domando, cosa ci sei andato a fare a scuola, quella "ordinaria" tanto per intenderci...?!?). Leggere molti libri potrebbe essere una valida e, a mio parere, più proficua alternativa.
    Secondo: una volta che conosci la lingua, ti occorre avere una storia e quella credo proprio che una scuola di scrittura non potrà fornirtela mai. L'immaginazione o l'hai o non credo ci sia niente da fare (a meno che non ti diletti con gli allucinogeni ma non credo sia il caso di provare). Il talento è talento e nessuno può insegnarlo!
    Morale: se frequenti una scuola di danza può darsi che diventerai una buona ballerina ma molto difficilmente ballerai come la Fracci.
  11. cinziamaremma
    , 19/9/2003 00:00
    più che altro pensavo che potevano essere utili x eliana forum e chat.
    in effetti anche a me non mi entusiasmano né baricco né la sua scuola, anche se navigando nel sito qualcosa di interessante ci si può trovare
  12. Turista Anonimo
    , 19/9/2003 00:00
    Su 23 voci presenti nella 'home page' di holdenlab 10 sono in inglese. Cos'è che vogliono insegnare 'sti qua? A scrivere in un buon italiano? Ma mi fàccino il piacere mi fàccino! Niente di personale è, però....!
  13. cinziamaremma
    , 18/9/2003 00:00
    Hai dato un'occhiata a questo sito?
    http://www.holdenlab.it/
    forse può esserti utile
  14. Fabio Lentini
    , 18/9/2003 00:00
    Non so se ti riferisci ai racconti pubblicati da me e da altri "colleghi" novelli scrittori. Ad ogni modo, io non ho mai frequentato alcuna scuola che non fosse il buon vecchio, vituperato liceo classico. Ho difficoltà a capire il senso di una "scuola di scrittura". Probabilmente frequentarla può aprire gli orizzonti e, comunque, male non dovrebbe fare (se non, probabilmente alle tasche). Concludendo, non credo che Hemingway, Pirandello o Shakespeare abbiano mai frequentato una scuola di scrittura e con questo rispondo alla tua domanda.
    Il dibattito è aperto ma, per favore, non tacciatemi (come qualcuno nel passato ha maliziosamente fatto) di presunzione. E' solo un'opinione e, come tale, non ha la pretesa della verità scientifica.
  15. Eliana R.
    , 18/9/2003 00:00
    La passione che i frequentatori di questo sito esprimono nello scrivere i loro racconti mi spinge a fare una domanda, che è in realtà la ricerca di un consiglio, avete mai frequentato delle scuole di scrittura? Quali sono i pro e i contro di questi corsi? Credete che siano utili? Grazie. Ciao