1. Radunino: passato e futuro?

    di , il 17/6/2002 00:00

    Sono le tre di mattina...

    Comincia così la mia giornata verso i colli di Bologna.

    Spero che gli altri seguano ad aggiungere legna al fuoco.

  2. Marina Manara
    , 21/6/2002 00:00
    Ciao Giorgias, mi dispiace per te, la giornata è stata davvero bella, nonostante caldissimissima!
    Io purtroppo sono dovuta scappare via a metà giornata e quindi mi sono persa i vari gavettoni e foto ricordo con maglietta da Martino, ma grazie ai bellissimi reportage di Eloisa e Cavietta mi è sembrato di esserci stata lo stesso!
    Ai turisti vorrei dire che l'unico rammarico della giornata, a posteriori, è stato di non avere avuto abbastanza tempo x fare conoscenza(come si dice, mai rimandare a domani...ecc, ecc.): spero nel prossimo raduno!!!
    Ciao ciao
    Manarina
  3. Giorgia Santiccioli
    , 20/6/2002 00:00
    Ciao.... io non c'ero: ero a letto con.... L'INFLUENZA!!!!!
    Porcacc....!!! Avevo già ordinato la focaccia, comprato gli ingredianti per la torta (tra cui dozzine di uova, che ho dovuto "smaltire" nei modi più disparati!), il rullino per la macchina fotografica.... insomma, TUTTISSIMO! L'entusiasmo era alle stelle, e invece.... ciccia! La sfiga si è accanita contro di me!!!
    Sono tristissima!!!
    L'unica mia speranza è quella di un nuovo raduno, negli stessi luoghi (che, a giudicare dalle descrizioni che ho letto, sono fa-vo-lo-si!!!), magari a settembre, quando tutti avremo da raccontarci i rispettivi viaggi estivi (ma anche prima, purché si faccia!!!)!!!
    Vi prego.... una parola di conforto da parte di chi ha potuto godere di quella splendida giornata.... SIGH!
    Giorgia
  4. Turista Anonimo
    , 19/6/2002 00:00
    RADUNINAI
    RADUNINIRO'
  5. Turista Anonimo
    , 19/6/2002 00:00
    Caro Stefano,
    se avessi letto le pagine di questo sito verso le 08:30 del Martino, da un mese a questa parte non si parla d'altro. Ci sono addirittura forum, l'home page, i turisti che presentano i velisti i velisti che presentano i turisti, un turbillon di scambi di numeri di cell., appuntamenti, la lista della spesa. Oh madonna, ma il tuo mouse è forse un topo e il topo si sa non clicca.

    ..eppur si muove..
  6. Turista Anonimo
    , 19/6/2002 00:00
    Benedette ragazze in verità fly è in galera, ha mandato il suo gemello.
    Eloisa guarda posta e il carcerato ti manderà allegato, si è autoscattato la foto nell'ora d'aria.

    fly&u_carceratu
  7. Turista Anonimo
    , 19/6/2002 00:00
    cara pepa, il bellissimo non c'è. sigh
    ma ci rifaremo presto...
    credo di averlo beccato, am non ho ancora sviluppato il rullino. in ogni caso mi fiderei MOOOLTO di più delle foto di elisa, che è una professionista.
    sicuro fly tra le sue foto c'è... carino com'è!!
    hehehehehehe.. curiosa?
  8. Pepa C
    , 19/6/2002 00:00
    Scusate ma.......dov'è Fly nelle foto del reportage di Eloisa? Qual'è?


    Pep
  9. Stefano Merialdi 1
    , 18/6/2002 00:00
    Sto scorrendo le pagine del sito tpc,verso il calare d'una sera,ormai di estate afosa,e senza fili di vento,boccheggindo in cerca d'aria;e leggo,del mini radunino;mi rammarico,di non esserci stato,di non averlo letto,e non di non essermi preoccupato di non saperlo;il fatto,e che di solito,non navigo in velisti per caso;quindi melo sono perso.Peccato.Forse bisognerebbe inserire date e appuntamenti,in ambedue i siti,in modo che tutti ,siano sempre agiornati.Ciao!
  10. Turista Anonimo
    , 17/6/2002 00:00
    ... appendice romana al radunino: ... il ritorno...

    Per quanto la magica Eloisa, dimenticando di essere Svizzera, abbia pigiato a morte sull'acceleratore, sgommando, passando col rosso, facendo inversioni a U e investendo un'ignara famigliola di turisti danesi, il nostro treno era già partito.
    Che si fa? Dove si va?
    Optammo, io ed Elisa, per un intercity che sarebbe partito di lì a mezz'ora. Ma sentivamo che si annuncivano ritardi su ritardi. A pochi minuti dalla presunta partenza dell'intercity, pensiamo che sia il caso di non rischiare aspettando che arrivi, e montiamo sul'Espresso per Palermo. Appena saliti si chiudono le porete e si parte.
    Un casino di gente!!
    E dove ci sediamo?
    Boh, andiamo avanti, magari becchiamo il controllore, si chiede a lui, essendo il treno di sole cuccette (l'avevamo appena scoperto) parliamo col bigliettaio, "je la 'mbastimo in po'", magari ci sistema lui. Beh il lui era una lei, acida, stronzissima! Le faccio "Scusi, noi siamo saliti al volo per arrivare a Roma....", "Voi al volo su questo treno manco ci potevate salire!"
    Azz!
    "A Firenze scendete!" Ari azz!
    "Va bene. Senta ci possiamo sistemare qui intanto che..." (c'erano 5 posti vuoti) "NO!" Secco, lapidario .... inequivocabile NO.
    Ari ari azz!
    Porca porca! Ci facciamo il viaggio a piedi attaccati ad un finestrino. Dentro una galleria il reno inchioda e si blocca.
    Madòòòòò!!!!
    Qualcuno aveva tirato il freno d'emergenza.
    Noooo, nella galleria nooo! - Sono claustrofobico. Già pensavo alla mia mammina che non mi vedeva tornare a casa e sapeva dai telegiornali che tutti i passeggeri di un treno per Palermo erano morti asfissiati sotto una galleria tra Bologna e Firenze .... povera mammina mia!
    Poi il treno è ripartito. Deo gratias.
    Giunti a Firenze, io ed Elisa aspettiamo l'eurostar delle 19:55 che ci avrebbe portati a casetta. Andiamo a fare il cambio di prenotazione, ma per motivi burocratici non ce lo fanno. Chissene frega, saliremo senza.
    Intanto dànno l'annuncio che sta partendo un intercity per Roma. "Lo prendiamo?", "MA no, vuoi mettere, prendiamo l'eurostar, arriva prima e c'è l'aria condizionata." "Va bene aspettinamo." ."BLIM BLOM! Annuncio ritaredo: eurostar per Roma delle 19:55 arriverà con 45 min di ritardo".
    Va vaffan....!
    "Corri Elisa, c'è ancòra l'intercity fermo al binario!!!".
    Come due gazzelle montiamo sul treno e crolliamo sui sedili.
    Il treno parte. Mi guardo un po' intorno: sono seduto sulla poltrona 17: e che c..z..! No il 17 no!!!
    Scusa Elisa ma io mi alzo, nulla di personale, ma il diciasette no!!
    Quando arriviamo a Roma siamo mezzi massacrati, la domenica l'ho passata interamente a letto.
    A quando il prossimo raduno?
  11. Turista Anonimo
    , 17/6/2002 00:00
    Sostituto....licenziato....., e il CIPPUTI pensiero dove lo mettiamo! Arrivato ai laghetti del Maglio nel primo pomeriggio con gelato al seguito, baffo conquistatore, il nostro politologo, sorriso sottile e sguardo attento, a casa di Martino dice che se ne deve andare, ma rapito rimane in nostra compagnia a lungo, poi tra una foto e l'altra, uno spruzzo d'acqua, narrazioni, ci saluta e se ne va, ma è stato avvistato anche ieri da quelle parti, avrebbe fatto volentieri il bis.
  12. Turista Anonimo
    , 17/6/2002 00:00
    Brava Eloisa, grazie per l'aggiornamento!

    Comitato-non-c'eravamo
  13. Turista Anonimo
    , 17/6/2002 00:00
    Ciao Kiwi, facci avere notizie dall'Australia!!!!
  14. Turista Anonimo
    , 17/6/2002 00:00
    Il non ritorno..

    Fly percorrendo la tangenziale bolognese vede alla sua sinistra una marea di macchine quasi a passo d'uomo che si dirigono verso sud. Ripensa al raduno, si pente di essersene andato, lì faceva fresco, gente simpatica, acqua fresca tirata, da mangiare e bere a volontà, ricorda l'incontro mattutino con Marco, con Elisa e Costanzo alla stazione, con Eloisa all'angolo, i sui racconti di viaggio, le fotografie, poi i velisti, la cavietta, vecchietta, fausto, fabiovr il primo velista conosciuto, la ragazza di Alghero, Tullia e la telecamera, i parteners della pallavolo e tutti gli altri di cui non ricorda il nome anche se lo ha chiesto 200 volte, la ragazza che se ne volerà in Australia a fine settimana che danzava fotografata fra gli spruzzi d'acqua, l'abbraccio alla quercia secolare, il perfetto tappeto erboso, il viale dei pomodori e delle zucchine che conduce al pollaio dove c'è Gastone il gallo, ma anche faraone, i panni stesi, Martino che si denuda e rimane in mutande, l'ultima foto con il defilè delle ragasse e Martino sotto i loro piedi.
    Ma un lampo mette fine ai suoi ricordi, afa, finestrini aperti, si fa un mini gavettone e decide di diregersi al nord, destinazione Padova. Lì c'è suo fratello, la cognata, e due nipotini che non vede da quando si sono trasferiti da quelle parti. Quale occasione migliore per fare un'improvvisata?!! Telefona a casa,...il bip del fax...al cellulare, ma non risponde nessuno, mah... ormai è sulla strada.... continua.. Arrivato ad Altedo gli risponde il fratello, ma fly ha il cell. scarico le continue telefonate del mattino e del pomeriggio con altri turisti e conoscenti ha quasi azzerato la carica, fa appena in tempo a avere le dritte su l'uscita, e il nome del paese che non ricordava. Esce dall'autostrada quasi deserta, appena pagato si accorge che c'è un fuoristrada nero, BMV V5, ad attenderlo, a bordo un tale che assomiglia a suo fratello, dietro i vetri scuri sembra proprio lui, pensa....ammazza come si è ingrassato... e parte proprio mentre lo vede arrivare, neanche un saluto...strano...sarà incavolato? bho...., mentre lo segue pensa, cavolo ha cambiato di nuovo auto, poi quello è un oggettino da 60.000 EURIIIII, alla faccia pensa....
    Fly lo segue fin dentro il parcheggio di una casa a due piani, giardino curatissimo, mentre scende, con il tipo inseguito ancora di spalle gli dice, complimenti..... alla faccia.... ti sei sistemato alla grande.... il tipo si gira..... non è il fratello, non è lui .....a quel punto fly viene guardato in modo alquanto sospettoso ed incredulo dal tipo per niente rassomigliante.
    Fly farfuglia frasi tipo... miseriaccia due gocce d'acqua, macchina uguale, casa dello stesso colore...l'autostrada.... lei è partito subito appena mi ha visto arrivare....
    L'uomo con la faccia a forma di punto interrogativo, ascoltando le scuse appiccicate su alla bene meglio, si dirige verso casa e lo saluta. Fly a questo punto si porta verso il centro del paese, con scarpe senza lacci le altre erano state gavettonate nel pomeriggio dal velista pazzo furioso di Sailingman. Provato e malmesso, entra in un bar, chiede di attaccare il cell. per vedere i numeri, lo fanno accomodare in un corridoio scuro, attacca alla presa il filo, ora ha i numeri, ma da li non prende, chiede se c'è il telefono.... non c'è... riprova..... non risponde nessuno....... ritorna in macchina, non riesce a ricordare la via.....si sforza, niente......cerca fra tutti i fogliettini che ha in macchina è sicuro di avere scritto il tutto in un pezzo di carta tempo fà, una marea di bigliettini, manca proprio quello, nel marasma generale, uno sguardo al calendario della Syusi buttato sul sedile, fly ancora indossa la maglietta di VpC regalata a tutti da Martino, prova a richiamare, niente.... risponde il fax e Vodafone. Ha un lampo..... apre una guida turistica inserita nel vano dello stereo, gira la copertina al rallentatore legge come d'incanto la via. Dopo 5 minuti è già davanti casa.. la prima cosa da fuori il cancello guarda le macchine che sono all'interno, due utilitarie e una JEEP da 45.000 EURIIIIIIII, suo fratello tale e quale a come lo ricordava... i nipotini... e alla cognata francese salutata con tre baci nello stesso modo con cui due ore prima aveva salutato Eloisa ed Elisa, a Costanzo una pacca sulle spalle, così come a Marco una stretta di mano, e poi i velisti e Martino il dominatore della Piana Padana.
  15. Francesca Tamborini
    , 17/6/2002 00:00
    Mo che bela zent cajé stata al radun.
    Mo che blazza d'una giurnateina !

    Il kiwi saluta tutti i gagliardissimi tpc conosciuti al raduno del 15/6.
  16. Turista Anonimo
    , 17/6/2002 00:00
    (): dai che ci risiamo con il nome - MARCO