1. Come sono le agenzie di viaggi?

    di , il 20/5/2006 00:00

    Ciao a tutti!

    Pongo questo quesito perchè sono appena entrata nel mondo del lavoro, campo turistico, o meglio lavoro per un tour operator.

    Con i miei ho sempre viaggiato in camper e non ho mai prenotato una vacanza tramite agenzia.

    Naturalmente ci sono i pro e i contro come in ogni cosa, ma vorrei conoscere il giudizio di chi se ne serve, vorrei capire come viene visto il nostro lavoro.

    Grazie mille!!!

    (p.s. So benissimo che non si può fare pubblicità quindi garantisco che non farò il nome di questo tour operator)

  2. utente_deiscritto_10
    , 26/6/2006 22:20
    E conta che hai pià interesse tu, soggetto diretto, a non prendere fregature, che non i tour operator. Nessuno può tutelarti più di te stesso. :-)
    Poi ti assicuro che dall'organizzazione di un viaggio si impara tanto: dall'essere autonomo al maturare, dall'avere spirito attivo al conoscere mondi e culture che magari prima non sapevamo che esistessero... Un viaggio è anche questo!
  3. Massimo
    , 26/6/2006 19:59
    giusto giusto...
    ogni anno si sente di tour operator che truffano letteralmente i propri clienti...allora tanto vale che faccio tutto da solo cosi almeno so di essermi fregato con le mie mani...
  4. utente_deiscritto_10
    , 23/6/2006 22:41
    Ma non è vero che per avere viaggi sicuri e senza problemi bisogna necessariamente ricorrere alle agenzie. Io faccio sempre da me, e problemi non ne ho mai avuti. Alla fine dipende molto da quanto una persona è pratica nel preparare un viaggio... O da quello che si vuole: alcuni cercano solo un bell'albergo o un villaggio con animazione, altri (come me) vogliono girare i psoti dove si va. In quest'ultimo caso nessuna agenzia, neanche pagando oro, potrà dare più informazioni su una località di quante ne dia la rete delle reti.
    E se è vero che le agenzie non sono scomparse, bisogna però far notare che le più piccole ed inesperte spesso han chiuso o sono fallite, e che le altre, soprattutto quelle che non fanno capo ai grandi gruppi multinazionali, nell'ultimo decennio hanno perso diverse unità in quanto a clienti. Questo perchè la gente diventa di anno in anno più esperta nell'utilizzare il web, che offre il vantaggio di emttere a disposizione delle persone infinite soluzioni, di dare maggiori informazioni provenienti da ogni parte del globo, e di avere (cosa non da poco!) costi decisamente minori rispetto ai "prodotti" offerti dalle agenzie di viaggio. A queste ultime, tra l'altro, bisogna pagare varie spese di commissione.
    Non che io sia contro le agenzie di viaggio (anche se, nel caso facessi questo mestieri, lo "stravolgerei del tutto: fonderei agenzie di supporto per conoscere meglio i posti da visitare, non semplicemente un'attività dove vendere strutture e tour). Ma non si può dire che per una vacanza sicura bisogna rivolgersi alle agenzie. E' falso e decisamente fuorviante. Anzi... Soprattutto in estate, quando si viaggia di più, sono centinaia, ogni mese, i turisti che, tornati da un viaggio prenotto in agenzia, lamentano truffe e problemi.
  5. Nyo
    , 22/6/2006 23:04
    anni fa mi ricordo che con l avvento delle assicurazioni telefoniche e internet, si diceva che tutti avrebbero abbandonato quelle tradizionali xchè si poteva risparmiare di tanto...e così adesso si dice delle agenzie di viaggio che scompariranno a breve...ma!!io credo che molta gente voglia viaggiare in totale sicurezza e senza avere problemi,quindi la soluzione migliore e quella di rivolgersi ad una agenzia,che cercherà sempre di soddisfare il cliente. non è vero che cercano di rifilare la struttura più costosa,dipende da cosa uno vuole...ci sono numerose offerte!!
  6. Massimo
    , 9/6/2006 20:09
    ma guarda che non mi sono mica offeso...prova a dare un occhiata al forum "vi chiedo un consiglio"
    li si che mi han fatto un po andare su di giri...
    quando la gente scrive cose non vere... tipo dell uragano al 20 novembre quando invece era al 20 settembre...
    qui alla fine sono opinioni personali...condivisibili o meno...ma tutte giuste perchè proprie e perchè non siamo tutti uguali...
    a presto........ciaoooooooooooooooooo
  7. Pollon
    , 8/6/2006 09:28
    Scusa Massimo io non volevo offendere nessuno, se hai letto il mio intervento era riferito a gente come me che ha famiglia e quindi si sposta con pacchetti a.i e soggiorna in hotel o villaggi......ti immagini spostare valigie e valigiotti da un albergo all'altro con due bimbi che frignano in continuazione? Mai provato? Arriverà anche il tuo turno poi ci risentiamo...Ah Ah Ah....Comunque a parte gli scherzi era solo una mia opinione, poi non posso darti torto su internet si trovano dei veri affari....anche se mia nipote ha comprato un paio di scarpe di una nota marca pagandole 100 euro e poi quando sono arrivate se andavo a comprarle da quelli che hanno le imitazioni erano molto più ben fatte......risultato scarpe falsificate malissimo e 100 euro in meno in tasca...Quindi vedi ognuno la vede alla sua maniera, io mi fido poco degli acquisti su internet, e tu ti fidi poco delle agenzie.....Meno male che non la pensiamo tutti uguale almeno lavorano sia uno che l'altro. Per quanto riguarda l'altra questione mi sono espressa male io scusa, non volevo dire che tpc equivale a quantità rispetto che qualità, semplicemente mi è venuto in mente quando viaggiavo io da ragazza, pochi soldi e tanta voglia di vedere e star fuori casa, quindi non importava dove alloggiavo e dove viaggiavo, l'importante era stare via il più possibile e spendere pochissimo.....Più soldi mi restavano più giorni facevo di vacanza.....Quindi non stavo a guardare se l'hotel era di 3, 4, o 2 stelle l'importante era visitare posti nuovi e conoscere gente nuova, insomma farti dell'esperienze in paesi diversi dal tuo...Quindi perdonami non volevo offendere nessuno, adesso non è che faccio le mie vacanze in hotel a 5 stelle sia ben chiaro, ma avendo dei figli cerchi comunque un posto dove all'interno del villaggio ci sai almeno un dottore, visto che sei in terreno straniero e come ho già detto non spiaccico un fico secco di inglese....Comunque scusa ancora e buon viaggio se parti altrimenti a risentirci
  8. Alessandra2
    , 7/6/2006 20:29
    ciao a tutti!
    volevo ringraziarvi per tutti i vostri interventi. Le vostre opinioni mi saranno molto utili, però ora vi pongo un altro quesito: e ai tour operator che giudizio date? cosa pensate quando l'agente di viaggio parla con l'operatore dell''ufficio booking?
    grazie ancora
    Alessandra2
  9. Massimo
    , 7/6/2006 13:28
    per pollon
    a parte tutto quello che hai detto che è giustissimo sulla professionalità di chi hai di fronte che il cliente soddisfatto ritona...ecc....ecc
    permettimi però di dire che il cliente che si presenta in agenzia e che vuole comprare un biglietto aereo che ha appena visto su internet a 560euro...e questo biglietto gli viene proposto a 740 euro(stessa compagnia, stessi voli, stessi orari) forse si sente un po preso in giro..soprattutto quando l'impiegato dell agenzia allla tua domanda "A meno non si trova niente?" ti risponde di no e ti condisce il ttto dicendoti che tra l'altro le agenzie hanno una piccolissima percentuale sui biglietti che quasi non conviene più venderli(e certo...la maggiorazione poi ce la mettete voi)
    questo è quanto è successo a me un po di tempo fa...ultima volta che sono entrato in un agenzia...
    sarà un caso?? non penso proprio visto che ho voluto fare una prova con dei miei conoscenti che hanno prenotato voli in diverse agenzie...bhè la maggiorazione era sempre di almeno il 15% rispetto ad internet...e non a lastminute o similari ma dai siti ufficiali delle compagnie aeree
    un'altra cosa è che non è assolutamente vera che turista fai da te equivale a quantità e non qualità...anzi..
  10. Pollon
    , 6/6/2006 21:39
    Sarà che non ho mai fatto un viaggio fai da te se non in Italia (anche perchè il mio inglese fa un pò pietà.....), sarà che ho 2 bambini che hanno iniziato a viaggiare con noi all'età di 2anni uno e 1anno l'altro, ma io mi sono sempre rivolta alla medesima agenzia viaggi la quale mi ha soddisfatta nei migliori dei modi. Vuoi che la titolare è anche una mia carissima amica, quindi conosce i miei gusti le mie abitudini e le mie esigenze famigliari così ha cercato per me le migliori sistemazioni senza nulla togliere al posto dove mi recavo. Sicuramente viaggiare con i bambini ti penalizza sulle escursioni e sul divertimento serale ma io mi sono sempre divertita lo stesso ed ho visitato nel limite del possibile i luoghi stupendi di Cuba, Santo Domingo, Zanzibar ecc. Quindi Alessandra2 ti posso dire una cosa sola: ascolta chi hai di fronte cerca di capire le loro esigenze, comportati con responsabilità e professionalità e vedrai che la gente torna...in fondo e vero che spendi magari un pò di più ma chi ha famiglia come me preferisce la qualità che la quantità. Forse viaggiando per conto tuo invece che una settimana fai 15 giorni, ma io preferisco fare una settimana in tranquillità sapendo i miei figli al sicuro che 15 giorni guardando in continuazione ogni suo movimento per paura che gli succeda qualcosa e badate che i miei figli non sono da mini club........Semplicemente volevo dirti che ci saranno sempre le persone che daranno contro alle agenzie, e forse io parlo così perchè fino ad oggi non ho mai avuto un riscontro dall'altra parte ma per ora posso dirti che io mi sono sempre trovata bene e mi auguro che la cosa prosegua così.Poi ogni volta che vado in un posto nuovo vengo su questo sito e chiedo consigli a chi ci è già stato e fino adesso mi hanno aiutato parecchio quindi vedi in qualche modo c'è sempre un pò di fai da te...........Baci e un in bocca al lupo per il tuo lavoro.
  11. Ile
    , 2/6/2006 20:00
    Io ti consiglio di rivolgerti, più che alle agenzie di viaggio vere e proprie, a quelle organizzazioni che si occupano di turismo responsabile. Praticamente si occupano di tutto, ma gli itinerari sono particolari perchè pensati su misura mettendo d'accordo massimo 5 o 6 persone, si paga il viaggio solitamente il più economico e si passa gran parte del viaggio a diretto contatto con le popolazioni locali, si preferisce dormire in tenda o a casa di residenti piuttosto che in albergo. informati, basta che su un motore di ricerca qualsiasi digiti turismo responsabile.. è più divertente, avventuroso, istruttivo di un viaggio orgsnizzato classico..e si spende meno!!
  12. KiaOra
    , 2/6/2006 15:28
    Sono agente di viaggi, tour operator e lavoro per il 90% attraverso il mio sito internet. In due anni di attività sono arrivata a dare lavoro a 5 persone oltre a me, cosa molto difficile di questi tempo...
    Non vendo niente di preconfezionato, organizziamo viaggi complessi su misura, un prodotto dove competenza e professionalità serviranno sempre. Sono daccordo con quelli che dicono che tra 10 anni o meno probabilmente la propria agenzia (se del tipo tradizionale) non esisterà più... aggiungo che probabilmente tra 25 anni anche io non avrò più un'attività se non si troverà un carburante alternativo al petrolio per far volare gli aerei di linea o un sistema per ridurre i consumi di combustibili fossili che sono in via di esaurimento.
    Ma per quanto riguarda Internet, la bestia nera dell'agenzia tradizionale, l'ho fatta diventare la mia più grande alleata. Sicuramente sulla rete c'è molto spazio per tanti, ma non c'è spazio per tutti, sopravviveranno alla lunga comunque i migliori, quelli che sanno fare il loro lavoro bene e che hanno delle proposte adeguate senza lucrare troppo...
    sono daccordo con chi si lamenta di qualche mio collega e non è per invidia o timore della concorrenza che mi sento sempre di scoraggiare chi pensa di improvvisarsi agente di viaggio senza averlo mai fatto prima e crede di potersi arricchire... temo che il periodo propizio per questo tipo di scelta sia finito. Lasciate soprattutto perdere certi franchising che vogliono fare i soldi su di voi, non certo farli fare a voi!!!
    Se Internet sarà lo strumento per far sopravvivere solo i migliori tra noi non è un male per i nostri clienti... l'agente di viaggio che fa il suo lavoro con bravuta e passione verrà apprezzato e avrà sempre clienti, ma è giusto essere coscienti del fatto che il nostro settore sarà sempre più selettivo e sarà sempre più difficile avere dei guadagni adeguati (non dico arricchirsi, quello non è mai stato possibile...).
    Tempo fa le agenzie erano a numero chiuso, poi sono state liberalizzate le licenze e molti si sono improvvisati un nuovo lavoro. A sentire come sono organizzate certe agenzie a volte mi vengono i briviti. ma alcuni, lo riconosco, con pazienza e sudore sono arrivati ad acquisire una grande professionalità e magari hanno conquistato fette di mercato che non venivano seguite bene dalle agenzie da più tempo sulla piazza.
  13. gcolnaghi
    , 26/5/2006 07:52
    X Massimo,
    aggiungerei che ciò è dipeso, oltre che da una questione squisitamente economica (la legge della domanda e dell'offerta), anche da un fattore di costi di gestione. In alcuni distributori di carburante puoi fare rifornimento da solo oppure di avvalerti del personale. Nel primo caso il carburante costa meno.
    Ciao.
    Gianni
  14. Massimo
    , 25/5/2006 13:07
    ciao luchino...infatti qui non si fanno generalizzazioni o cose del genere...questo luogo di discusione non è un forum d'accusa...
    però le agenzie viaggio quando non c'era internet si sono sempre un po approfittate del cliente che non aveva termini di paragone...
    è chiaro che adesso con la concorrenza e il dilagare del turismo "fai da te" le agenzie si devono comunque adattare...
    ti cito un esempio
    anni addietro mi recavo in agenzia..tutte quelle che ci sono qui nei paraggi... e i biglietti in offerta a prezzi ridotti per viaggiare in treno e aereo non erano mai disponibili...a memoria nessuno dei miei conoscenti ha mai usufruito di queste particolari tariffe..
    poi fra mezze ammissioni è saltato fuori che biglietto economico=minore percentuale di guadagno e allora tantovale vendere il biglietto più caro
    tengo a precisare che questo non avviene solo per gli agenti di viaggio..ma nel commercio in generale...e anche se non è corretto lo posso capire...
    però poi se la gente si arrangia in altre maniere il motivo ci sarà
  15. luchino
    , 25/5/2006 10:26
    Sono un agente di viaggi e vorrei dire la mia sull'argomento : sono d'accordo che , come in tutte le professioni , c'è chi non è onesto , non è capace ecc..ma NON sono d'accordo sul fatto che in agenzia non si risparmia : io ricevo quantità industriale di fax e e-mail da tutti gli operatori , in più ho il contratto con due grosse società di last minute che propongono anche su internet ai privati ; ebbene quando entra un mio cliente e mi chiede una determinata destinazione avrà sempre la migliore quotazione sul mercato (a volte mi diverto a confrontare i prezzi che sono su internet o su televideo e credetemi riesco sempre ad avere quotazioni migliori).Tutto questo per dirvi che non è sempre vero il binomio internet=risparmio e agenzia=prezzi più alti.L'importante è che l'agente di viaggi si sprema un pochino per trovare la situazione migliore perchè in agenzia sicuramente c'è.Un saluto a tutti.
  16. davide
    , 24/5/2006 18:43
    Cara Alessandra,
    sono almeno due anni che non entro in un'agenzia.

    Lasciami innanzitutto dire che ho sempre trovato personale qualificato e che ci andavo con un'idea ben precisa: acquistare solamente il biglietto aereo (per il resto mi sono sempre affidato alle guide cartacee).

    Ho scelto di non andare più per due ragioni:
    La prima: il titolare mi disse che le "spese di agenzia" sarebbero aumentate da 15 a 70 Euro a biglietto (la spiegazione fu che le compagnie aeree avevano diminuito la percentuale di commissione che si prendono le agenzie, obbligando praticamente le stesse a imporre - per la sopravvivenza stessa - spese più alte).
    La seconda: venni a conoscenza di vari siti web che facevano (e ancora fanno) pagare spese di agenzia molto basse.

    Ora, non entro nel merito della veridicità delle parole del titolare dell'agenzia (anche perché me ne importa relativamente), però, dal momento che viviamo in una società liberista e competitiva (giusta o sbagliata è così), io vado da chi mi pratica il prezzo finale migliore (a parità di biglietti aerei).

    Oltre al mero interesse economico ci sono i parametri socio-culturali del fruitore. Io parlo correntemente tre lingue straniere, ho esperienza di viaggi, sono giovane, so usare bene il pc, so trovare ciò che voglio sul web e soprattutto amo fare da per me (per carità, non sono mica l'unico!)
    Un cinquantenne (non tutti) che di pc e di internet non ha un'idea e di lingue straniere men che meno, beh, credo che avrebbe molte più chances di diventare un cliente di agenzia di viaggi.