1. RACCONTI NON PER CASO SOLIDALI

    di , il 19/5/2006 00:00

    In vista dell'estate molti partiranno per zone difficili, povere, disastrate, altri conosceranno persone bisognose, associazioni umanitarie, popolazioni in difficoltà: perchè allora non creare un forum che possa diventare un "racconti non per caso solidali", ovvero una raccolta di queste testimonianze affinchè ci facciano riflettere, ci arricchiscano e soprattutto rendano unica un'esperienza vissuta...

  2. davovad
    , 21/11/2006 00:28
    COLOMBIA
    Ho fatto un'esperienza di due anni con
    Peace Brigades International (PBI)
    Si occupa di difendere i Diritti Umani.
    www.peacebrigades.org
    PBI ha progetti anche in Guatemala, Messico, Nepal e Indonesia.
  3. CaterinaC
    , 19/11/2006 20:21
    da altri forum:

    Inviato il 19/11/06 00:59:46Gabriele india.
    Messaggio n° 362638
    Ciao, sono stato in Cameroon 2 anni fà con una associazione veramente valida : VIS acronimo di "Volontariato Internazionale per lo Sviluppo".
    Per poter partire con questa onlus devi frequentare un loro corso, dove conoscerai gli altri ragazzi\e che verranno con te. Consigliatissimo!!!! Persone bellissime, esperienze forti, posto indescrvibile. Io sono rimasto solo un mese, quindi per quanto mi sia impegnato il volontariato l'ho più subito che altro...ma c'è la possibilità di fare veramente tanto.
    Il sito è www.volint.it Dai pure un'occhiata al sito www.terrapatria.org
    Ciao buona fortuna, Gabriele.

    Inviato il 18/11/06 09:18:11Zimo
    Messaggio n° 362580 io sono andata quest'estate in africa, più precisamente in togo con l'associazione voica onlus (basta che la cerchi su google e trovi subito il link).potresti provare a guardare se c'è qualche progetto che ti potrebbe interessare.è un'esperienza bellissima e io la consiglio a tutti.in qualsiasi paese.ciao!
  4. CaterinaC
    , 18/10/2006 18:42
    L'ho trovato per caso, anche se non l'ho ancora letto tutto, credo possa catalogarsi come racconto solidale... http://www.turistipercaso.it/viaggi/itinerari/testo.asp?ID=11532
  5. paola
    , 7/9/2006 14:18
    un saluto a tutti anche da parte mia.....e complimenti per le scelte..davvero!
    spero che al vostro ritorno abbiate tempo di darci qualche informazione che possa essere utile a coloro che volessero ripetere la vostra esperienza...
    un abbraccio a tutti, Paola
  6. Tamara
    , 27/7/2006 15:32
    Ciao Pattina e ciao Scarpuccio..Innanzittuto complimenti per la scelta di.."viaggio". Scarpuccio..in che zoan del Nepal andresti?
    Magari quando tornate potreste scrivere un racconto della vostra esperienza (cosa che io devo ancora fare..acc:))..c'è un forum apposito.
    Buon viaggio
  7. patpat133
    , 26/7/2006 12:20
    ciao pattina perché non provi a fare questa domanda alla guida per caso del turismo solidale?
    http://www.turistipercaso.it/viaggi/forum/testo_guide.asp?ID=24912

    ciao!
  8. patpat133
    , 26/7/2006 12:19
    ciao pattina oerché non provi a porre questa domanda alla guida per caso del turismo solidale?
    http://www.turistipercaso.it/viaggi/forum/testo_guide.asp?ID=24912

    ciao!
  9. pattina
    , 22/7/2006 21:19
    Ciao ragazzi, io partirò per la Romania tra quindici giorni e più precisamente per Lugoj.
    Andremo a portare aiuti alle famiglie più povere e ad organizzare attività per i bambini del posto.
    Questa è la mia prima esperienza e volevo sapere se qualcuno aveva già fatto qualcosa del genere o per lo meno conosce la zona e mi sa dare qualche informazione in più.
    Ciao!!!
  10. scarapuccio
    , 18/7/2006 18:06
    ciao ragazzi...io sto per partire per il nepal, dove farò per un mesetto il dottore a kathmandu, vorrei sapere se qualcuno ha delle informazioni fresche sulla situazione (sicurezza/guerra civile), preferisco sempre informazioni da viaggiatori piuttosto che dai soliti enti...grazie anticipate
  11. Turista Anonimo
    , 23/5/2006 17:22
    Ciao Paola.
    Racconti solidali. E' vero...sarebbe bello cominciare a pensare che quando si organizza un viaggio in un paese dove la gente e' sicuramente piu' bisognosa occorre mettere in preventivo una spesuccia per donare un sorriso a chi non ha quanto noi.
    Io vado spesso in zona Amboseli (Kenya) esattamente vicino al Kilimanjaro (ci vive la famiglia di mio marito). Li abbiamo dato inizio ad un progetto benefico a favore della popolazione locale, che non puo' servirsi dell'acqua comunale, in quanto le condutture non vi arrivano. Il fiume si trova distante dalle capanne della gente del posto (molto vicini alla savana) , quindi abbiamo deciso di dare una mano a coloro che devono giornalmente fare anche 5 km (di sola andata) e piu' per poter portare a casa una tanica di venti litri di acqua per il fabbisogno giornaliero. Degli amici venuti in vacanza a MAlindi (dove io abito) si sono premurati di farmi avere i soldi necessari alla costruzione di un primo pozzo di pubblica utilita', Grazie all'intervento (richiesto) da parte dell'AMREF in zona, sono riuscita ad evitare l'acquisto della pompa e quindi a risparmiare dei soldini che utilizzero' per la costruzione di un secondo pozzo in zona limitrofa, ma sempre distante dal primo. LA popolazione locale , dopo aver appreso la mia iniziatva e grazie alla generosita' degli amici che la sovvenzionano, ha indetto una riunione con i capi villaggio, per lo piu' Masai e KAmba (due tribu' del posto). Mi hanno ringraziata e benedetta e mi hanno dichiarato la loro gratitudine in quanto l'acqua per loro e' di vitale importanza, piu' di quanto lo possa essere un ambulatorio medico, peraltro inesistente in zona.. Non vi dico le lacrime (mie e di amici presenti).
    La riunione si e' conclusa con applausi da parte di tutti e un ringraziamento al buon Dio e a noi tutti Italiani generosi con questa gente meno fortunata.
    Il pozzo e' a buon punto. Credo che in circa un mesetto sara' terminato (calcolate che viene costruito a mano e senza aiuto di macchine). Il costo ?? Sara' di poco meno di mille euro. Non pensate che fare una raccolta e aiutare altra gente possa essere facile ??
    Ciao e un salutone a tutti dal Kenya,
    NAshipai
  12. paola
    , 19/5/2006 00:00
    In vista dell'estate molti partiranno per zone difficili, povere, disastrate, altri conosceranno persone bisognose, associazioni umanitarie, popolazioni in difficoltà: perchè allora non creare un forum che possa diventare un "racconti non per caso solidali", ovvero una raccolta di queste testimonianze affinchè ci facciano riflettere, ci arricchiscano e soprattutto rendano unica un'esperienza vissuta...